La Puglia è una regione dell’Italia meridionale di 4 milioni di
abitanti,con capoluogo Bari.
Comprende le province di Fogg...
Oltre ad essere la regione più orientale dell’Italia è anche una delle regioni
italiane con maggiore sviluppo costiero. L'...
Questa festa è celebrata il 23 dicembre e la Pittula è un
dolce fritto natalizio augurale. Costituito da pasta di
semola l...
Questa sagra è celebrata il 3 e 4 agosto.
Caratteristico piatto suranese di derivazione orientale a
base di carne di maial...
Questa ricorrenza è celebrata dal 16 al 18 gennaio.
È il caratteristico falò della festa patronale
di Sant'Antonio abate, ...
Questo avvenimento si celebra a marzo o ad aprile.
È una suggestiva e mistica serie di riti che vede i
componenti le due p...
Questa festa viene celebrata a maggio.
È un evento barocco che ha il suo fulcro nelle due
sontuose processioni con le stat...
Questo torneo viene celebrato la seconda settimana di
agosto.
È una manifestazione in costumi medievali ispirata
a Federic...
Questa danza si celebra il 15 e 16 agosto.
È un ballo della Notte di San Rocco in cui, al ritmo
incalzante dei tamburelli,...
Questa festa si celebra l’ultima domenica di agosto.
Si festeggia il ritrovamento dell'icona di Santa Maria del
Pozzo,30 a...
Si festeggia la terza domenica di ottobre.
È una suggestiva intorciata, in devozione ai due santi
martiri, che percorre le...
Questo palio si celebra il martedì grasso.
Tradizionale palio equestre che si tiene l'ultimo giorno
del carnevale locale. ...
È considerato uno dei più importanti e antichi carnevali
d'Italia. La maschera caratteristica della
manifestazione è chiam...
La cucina pugliese si caratterizza soprattutto per il
rilievo dato alla materia prima, sia di terra sia di mare.
Pertanto ...
Tante sono le ricette che presenta questa cucina, che ha
poi un particolarità che la distingue dalle altre. Offre
piatti d...
Il piatto tipico è quello delle “orecchiette al ragù di carne
di cavallo”, ma non sono meno conosciute le
“orecchiette con...
Il Pane di Altamura è un prodotto
di panetteria tradizionale di Altamura, in provincia di Bari.
È ottenuto dall'impiego di...
Per quanto riguarda i dolci, ci sono le cartellate
preparate soprattutto a Natale che, secondo la
tradizione cristiana, ra...
Di origine leccese abbiamo poi il pasticciotto, ovvero un
dolce tipico salentino composto da pasta frolla farcita
di crema...
E’ poi uno dei dolci pasquali originari della cucina
pugliese conosciuto in tutto il Sud.
of 20

La puglia fresa-colonna

Published on: Mar 4, 2016
Published in: Education      
Source: www.slideshare.net


Transcripts - La puglia fresa-colonna

  • 1. La Puglia è una regione dell’Italia meridionale di 4 milioni di abitanti,con capoluogo Bari. Comprende le province di Foggia,Barletta-Andria- Trani(BAT),Bari,Taranto,Brindisi e Lecce.
  • 2. Oltre ad essere la regione più orientale dell’Italia è anche una delle regioni italiane con maggiore sviluppo costiero. L'interno della regione è prevalentemente pianeggiante e collinare. Tuttavia, vi sono otto sub regioni differenti: il Gargano e il Subappennino Dauno sono le uniche zone montuose della Puglia ,il Tavoliere delle Puglie rappresenta la più estesa pianura d'Italia dopo la Pianura Padana; le Murge, un altopiano di natura calcarea si estende fino alle Serre Salentine; la Terra di Bari, è un'area pianeggiante della regione; la Valle d'Itria, situata tra le province di Bari, Brindisi e Taranto, è caratterizzata da vallate e un gran numero di trulli. Alla Puglia appartiene l'arcipelago delle Tremiti, le piccole isole Cheradi, presso Taranto e l'isola di Sant'Andrea dinanzi alla costa di Gallipoli.
  • 3. Questa festa è celebrata il 23 dicembre e la Pittula è un dolce fritto natalizio augurale. Costituito da pasta di semola lievitata fritta in olio extravergine di oliva. Le pittule hanno una forma tondeggiante arricchita da cavolfiori, baccalà o peperoncino. Le classiche non sono farcite ma vengono cosparse di miele. Simbolo augurale della fortuna e della nascita.
  • 4. Questa sagra è celebrata il 3 e 4 agosto. Caratteristico piatto suranese di derivazione orientale a base di carne di maiale fortemente speziato.
  • 5. Questa ricorrenza è celebrata dal 16 al 18 gennaio. È il caratteristico falò della festa patronale di Sant'Antonio abate, un monumento di ingegneria agraria formato da decine di migliaia di fascine di tralci di vite, il quale viene acceso con un tripudio di fuochi pirotecnici la sera del 16 gennaio. Nei Giorni del Fuoco, inoltre si assiste a innumerevoli rassegne e gare di fuochi e si ammirano le esposizioni artistiche delle grandi luminarie.
  • 6. Questo avvenimento si celebra a marzo o ad aprile. È una suggestiva e mistica serie di riti che vede i componenti le due principali Confraternite della Chiesa di Taranto gareggiare per aggiudicarsi le statue e le poste nelle processioni dell'Addolorata e dei Misteri.
  • 7. Questa festa viene celebrata a maggio. È un evento barocco che ha il suo fulcro nelle due sontuose processioni con le statue dei santi patroni; i sacri cortei sono scanditi dalle batterie pirotecniche, incendiate nei rioni cittadini: le contrade, addobbate coi loro colori identificativi, si contendono il palio per la migliore batteria. Durante l'accensione dei fuochi, inoltre, si scatena la corsa dei fujenti, giovani che corrono a breve distanza dalle esplosioni.
  • 8. Questo torneo viene celebrato la seconda settimana di agosto. È una manifestazione in costumi medievali ispirata a Federico II di Svevia (1225): al corteo storico del sabato, la domenica si svolge il torneo tra gli atleti rappresentanti i quattro rioni della città, al rione vincitore viene assegnato un palio.
  • 9. Questa danza si celebra il 15 e 16 agosto. È un ballo della Notte di San Rocco in cui, al ritmo incalzante dei tamburelli, coppie di uomini mimano un duello, danzando e "sfidandosi" con le braccia e le mani.
  • 10. Questa festa si celebra l’ultima domenica di agosto. Si festeggia il ritrovamento dell'icona di Santa Maria del Pozzo,30 agosto 1705, dopo un'apparizione miracolosa al sacerdote capursese don Domenico Tanzella. I festeggiamenti includono la processione diurna dei grandi ceri, di circa 8 ore, e quella del grande Carro Trionfale, trainato a braccia dai pellegrini provenienti della città di Bisceglie.
  • 11. Si festeggia la terza domenica di ottobre. È una suggestiva intorciata, in devozione ai due santi martiri, che percorre le strade e gran parte del centro storico della città. Ha origine nel XIII secolo quando i resti delle braccia dei Santi Cosma e Damiano giunsero a Bitonto. Nella festa si tiene anche una fiera molto frequentata.
  • 12. Questo palio si celebra il martedì grasso. Tradizionale palio equestre che si tiene l'ultimo giorno del carnevale locale. I cavalieri, rappresentanti dei rioni,si contendono il premio rappresentato simbolicamente da un tacchino (in dialetto locale Viccio). Il palio vede i contendenti, dotati di una corta lancia, devono forare una vescica riempita di acqua, posta ad alcuni metri di altezza nel corso principale del paese. La gara mostra abili cavalieri che si esibiscono con abilità equestre, cavalcando al galoppo in piedi.
  • 13. È considerato uno dei più importanti e antichi carnevali d'Italia. La maschera caratteristica della manifestazione è chiamata Farinella e deve il suo nome all'omonima pietanza putignanese. Il carnevale di Putignano è uno dei più lunghi per durata, avendo inizio il 26 dicembre con la cerimonia dello "scambio del cero". Dal 2006, ne viene disputata anche un'edizione estiva.
  • 14. La cucina pugliese si caratterizza soprattutto per il rilievo dato alla materia prima, sia di terra sia di mare. Pertanto si troveranno tutte le verdure di stagione e tutti i prodotti del mare, in particolare dell’Adriatico.
  • 15. Tante sono le ricette che presenta questa cucina, che ha poi un particolarità che la distingue dalle altre. Offre piatti diversi in relazione alle diverse stagioni più miti, cioè in primavera e in estate, viene data preferenza alle verdure e al pesce, mentre nelle altre predominano i legumi, la pasta fatta in casa condita con vari sughi, da sola o combinata le verdure o al pesce.
  • 16. Il piatto tipico è quello delle “orecchiette al ragù di carne di cavallo”, ma non sono meno conosciute le “orecchiette con le cime di rapa” o ancora quelle che ricollegano il territorio al Mediterraneo, come “i cavatelli con le cozze” o “il riso al forno alla barese”, chiamato anche “patate riso e cozze”.
  • 17. Il Pane di Altamura è un prodotto di panetteria tradizionale di Altamura, in provincia di Bari. È ottenuto dall'impiego di semole (molto ricca di glutine) rimacinate di varietà di grano duro coltivato nei territori dei comuni della Murgia. Cotto nei tradizionali forni a legno e in pietra, il pane di Altamura si distingue per la sua fragranza e il suo sapore. Ha crosta croccante e una mollica soffice di colore giallo paglierino.
  • 18. Per quanto riguarda i dolci, ci sono le cartellate preparate soprattutto a Natale che, secondo la tradizione cristiana, rappresenterebbero l’aureola o le fasce che avvolsero il bambino Gesù nelle culla, e la corona di spilla rappresenta il momento della crocifissione.
  • 19. Di origine leccese abbiamo poi il pasticciotto, ovvero un dolce tipico salentino composto da pasta frolla farcita di crema pasticcera e cotta in forno. La nascita del pasticciotto risale all’inizio del 700 e da allora sono state proposte tante varianti a questo dolce,che hanno contribuito a rendere famosa la cucina salentina. E’ tipica abitudine dei salentini consumare questo dolce appena sfornato e ancora caldo durante la prima colazione.
  • 20. E’ poi uno dei dolci pasquali originari della cucina pugliese conosciuto in tutto il Sud.