A ssociazione R icerche sulla C erebro-potenzialità
PREVENIRE I DISTURBI DELLO SVILUPPO DEL BAMBINO DA QUALSIASI CAUSA ESSI SIANO GENERATI SIGNIFICA EVIDENZIARNE PRECOCISS...
<ul><li>Un interessante lavoro di </li></ul><ul><li>YACOLEV E LECOURS negli anni ‘60 </li></ul><ul><li>analizza i “te...
Mielinizzazione nel SNC alle varie età. la larghezza e la lunghezza del grafico indicano l’inizio, il tempo e l’intensità ...
E’ lo stesso grafico di prima ma molto semplificato
5 mf 4 m p a r T o 12 m in Fedrizzi 2005) E’ lo stesso grafico di prima ma molto semplificato e schematizzato in sistemi
compito ambiente Nelle prime età della vita si può notare come sia facile interferire con lo sviluppo globale a tutti i ...
<ul><li>Il valore temporale dei primi sei mesi di vita non devono essere considerati secondo i parametri “solari”, o “lun...
<ul><li>Un neonato nei primi sei mesi aumenta la circonferenza del cranio 1 cm al mese e nei secondi sei mesi di ½ cm al ...
<ul><li>DA QUESTE SEMPLICI E </li></ul><ul><li>BREVI PREMESSE SI COMPRENDE </li></ul><ul><li>PERCHE’ SIA INDISPENSABILE ...
A. La diagnosi precoce per i problemi dello sviluppo, riteniamo indispensabile debba essere impostata su due capisaldi: ...
<ul><li>Ci sono alcune modalità sicure di interpretare particolari segnali evidenziabili nel neonato, che devono essere ...
<ul><li>1 . La reflessologia primaria e fondamentale (tonica) deve gradualmente diminuire, sfumare a sei settimane di vit...
CONTROLLO POSTURALE NORMALE FINO A 6 SETTIMANE, MA … INADEGUATO O PATOLOGICO IN ALTRE ETA’ !!! REAZIONE DI SORPRESA RIFL...
IL CONTROLLO POSTURALE E’ INCERTO … … O PATOLOGICO …? DIPENDE DALL’ETA’! REAZIONE DI SORPRESA ESAGERATA RIFLESSO TONICO...
DUE MESI: BUON CONTROLLO POSTURALE FISIOLOGICO
TRE MESI: BUON CONTROLLO POSTURALE FISIOLOGICO
DA TRE A QUATTRO MESI: BUON CONTROLLO POSTURALE FISIOLOGICO
BIMBO DI SEI MESI: CONTROLLO POSTURALE DECISAMENTE PATOLOGICO
<ul><li>Dalla nostra esperienza si imporrebbe, da parte dei pubblici poteri, un massiccio e doveroso sforzo </li></ul><ul...
<ul><li>2°. MA COME FARE PER AVERE LA POSSIBILITA’ DI “INTERCETTARE” PRECOCISSIMAMENTE I BAMBINI A RISCHIO DI UN POSSIBI...
<ul><li>Ci sono particolari condizioni alla nascita e nella storia anamnestica pre- e post-natale del bambino che...
<ul><li>- parti prematuri </li></ul><ul><li>- parti dismaturi </li></ul><ul><li>- parti gemellari </li></ul><ul><li>- part...
<ul><li>RITENIAMO ESTREMAMENTE NECESSARIO che siano valutati con molta attenzione e professionalità bambini che fanno part...
Il bambino sospetto (tanto più se è a rischio) è riconoscibile anche dal genitore: <ul><li>Difficoltà nella suzione </li...
<ul><li>Sono 40.000 i bambini che ogni anno in Italia nascono prima del termine, cioè prima delle 37 settimane di gestazio...
<ul><li>Questi neonati, pur essendo intorno all'1% di tutti i nati, contribuiscono a più della metà della mortalità neonat...
<ul><li>La percentuale di morbilità per i prematuri al di sotto delle 32 settimane e per i nati con peso inferiore ai 1500...
<ul><li>Facciamo presente, e lo ribadiamo con fermezza, che per i prematuri ( non rientrano in queste considerazio...
 
<ul><li>B°. Anche la terapia precoce , che è logica conseguenza di una diagnosi precoce, ha dei capisaldi su cui è strett...
compito ambiente Nelle prime età della vita si può notare come sia facile interferire con lo sviluppo globale a tutti i ...
La terapia adatta ed efficace possiamo definirla così: Terapia neuro e psicomotoria su base neuro e psicoevolutiva evoca...
ESEMPIO DI UN MODELLO TERAPEUTICO FACILITANTE LO SVILUPPO AUTONOMO
Es: schema del rotolamento 1 Stimolazione dello schema neuro e psicomotorio 2 Attivazione dell’area sensoriale e m...
<ul><li>Per essere efficace , la terapia, oltre che qualitativamente valida, deve essere anche applicata frequentemente ...
<ul><li>Facciamo notare che il coinvolgimento dei genitori nella realizzazione del piano terapeutico oltre che offrire van...
<ul><li>Con l’applicazione di questo nostro modello preventivo su larga scala si ottiene la riduzione del 50% almeno del...
LA NOSTRA PROPOSTA INOLTRE, “PRODUCE”…: SI PU Ò NOTARE LA DIFFERENZA NOTEVOLE DEI COSTI E DEI RISPARMI GI À DAL QUAR...
<ul><li>Ci è sorto spesso qualche dubbio nel nostro lavoro dal momento che la maggior parte degli specialisti del settore ...
<ul><li>Ma da una semplice osservazione di quanto avviene ancor oggi nei servizi riabilitativi per questi bambini si può g...
Il trattamento precoce proprio non lo si conosce perché non si presentano bambini in età precoce. Pensiamo che in questo c...
Questa piccola prematura … ora è in carrozzella a causa di un ritardo diagnostico della sua patologia dello sviluppo neuro...
Questo piccolo … ora è in carrozzella a causa di un ritardo diagnostico della sua patologia dello sviluppo neuro e psicom...
Questa piccola (otto – nove mesi) … ora è in carrozzella … le solite cause, i soliti ritardi, le solite inadeguatezze.
<ul><li>Questo nostro sintetico contributo vorrebbe criticare decisamente e categoricamente: </li></ul><ul><li>1. il sis...
<ul><li>Quindi la formula tradizionalmente applicata è semplicemente illogica, palliativa, porta al sicuro fallimento de...
<ul><li>Fatte queste osservazioni ci si rende conto che vale la pena continuare a lavorare ed impegnare tutte le nostre e...
In questo libretto abbiamo spiegato il nostro metodo e desidereremmo fosse conosciuto da tutti, a vantaggio di quanti poss...
CONSIGLI DI ZIO MARIO Matteo ha già distribuito circa 20.000 copie di questo libretto Vorremmo che tutte le nuove famigli...
of 50

Prevenire i disturbi dello sviluppo del bambino

Published on: Mar 4, 2016
Published in: Health & Medicine      Technology      
Source: www.slideshare.net


Transcripts - Prevenire i disturbi dello sviluppo del bambino

  • 1. A ssociazione R icerche sulla C erebro-potenzialità
  • 2. PREVENIRE I DISTURBI DELLO SVILUPPO DEL BAMBINO DA QUALSIASI CAUSA ESSI SIANO GENERATI SIGNIFICA EVIDENZIARNE PRECOCISSIMAMENTE I SEGNI ED INIZIARE TEMPESTIVAMENTE UN PROGRAMMA DI EDUCAZIONE-RIABILITAZIONE
  • 3. <ul><li>Un interessante lavoro di </li></ul><ul><li>YACOLEV E LECOURS negli anni ‘60 </li></ul><ul><li>analizza i “tempi” di maturazione del cervello e il loro valore quantitativo alle varie età della vita in base al COMPLETARSI DELLA MELINIZZAZIONE (processo che può dare l’idea della maturazione del Sistema Nervoso Centrale, … e a noi qualche spunto di riflessione) </li></ul>
  • 4. Mielinizzazione nel SNC alle varie età. la larghezza e la lunghezza del grafico indicano l’inizio, il tempo e l’intensità della mielinizzazione. - in mesi il periodo fetale e il primo anno di vita - poi in anni e in decadi fino all’adulto Prima decade In anni Periodo fetale Primo anno di vita decadi
  • 5. E’ lo stesso grafico di prima ma molto semplificato
  • 6. 5 mf 4 m p a r T o 12 m in Fedrizzi 2005) E’ lo stesso grafico di prima ma molto semplificato e schematizzato in sistemi
  • 7. compito ambiente Nelle prime età della vita si può notare come sia facile interferire con lo sviluppo globale a tutti i livelli: emotivo, cognitivo, percettivo, … memoria e volontà, … a partire dal movimento … (Robert J. Palisano 2004 )
  • 8. <ul><li>Il valore temporale dei primi sei mesi di vita non devono essere considerati secondo i parametri “solari”, o “lunari” , ma secondo i parametri “di sviluppo”: hanno un valore molto più impegnativo. </li></ul><ul><li>( ogni mese dei primi sei mesi di vita potrebbe corrispondere, e alcuni dati scientifici lo confermano, almeno ad un intero anno del tempo “solare” !!! I secondi mesi di vita, ciascuno ad almeno 6 mesi del tempo solare: primo anno di vita =/… 9 anni!!!). </li></ul>
  • 9. <ul><li>Un neonato nei primi sei mesi aumenta la circonferenza del cranio 1 cm al mese e nei secondi sei mesi di ½ cm al mese. </li></ul><ul><li>In un anno quindi la circonferenza aumenta di circa 9 cm !!! </li></ul><ul><li>Se continuasse con il ritmo dei primi sei mesi … in 10 anni avremmo una circonferenza cranica di 120 cm e in 40 anni avremo una circonferenza di almeno 4 metri e mezzo … !!! </li></ul><ul><li>Da queste considerazioni si intuisce come i primi mesi siano veramente “speciali” per il bambino. </li></ul>
  • 10. <ul><li>DA QUESTE SEMPLICI E </li></ul><ul><li>BREVI PREMESSE SI COMPRENDE </li></ul><ul><li>PERCHE’ SIA INDISPENSABILE POTER </li></ul><ul><li>REALIZZARE LA DIAGNOSI PRECOCE IN </li></ul><ul><li>TEMPO UTILE: </li></ul><ul><li>NEI PRIMI TRE MESI DI VITA! </li></ul>
  • 11. A. La diagnosi precoce per i problemi dello sviluppo, riteniamo indispensabile debba essere impostata su due capisaldi: 1° . La perfetta conoscenza delle caratteristiche fondamentali dello sviluppo del bambino normale (non deve essere data per scontata!) e la perfetta conoscenza delle modalità di sviluppo dei bambini con problemi (non è sempre così facile!). 2° . Prendere in considerazione subito, e con attenzione del tutto particolare, “le categorie di parto cosi dette a rischio per un futuro sviluppo patologico”, siano esse di natura ereditaria, quindi note, o casuale-traumatico-lesionale
  • 12. <ul><li>Ci sono alcune modalità sicure di interpretare particolari segnali evidenziabili nel neonato, che devono essere </li></ul><ul><li>BEN chiarite e </li></ul><ul><li>BEN conosciute </li></ul><ul><li>perché non si continui a fare ERRORI GRAVI di GIUDIZIO PROGNOSTICO </li></ul>
  • 13. <ul><li>1 . La reflessologia primaria e fondamentale (tonica) deve gradualmente diminuire, sfumare a sei settimane di vita e scomparire alla fine del secondo mese di vita (quindi entro 6-8 settimane). </li></ul><ul><li>2 . Indispensabili allo sviluppo normale dalla fine del secondo mese sono le competenze posturali di base e cioè: </li></ul><ul><li>a - la capacità di controllare agevolmente il proprio corpo adagiato su di un piano sia in posizione prona che supina, e </li></ul><ul><li>b - la capacità di controllare il baricentro del proprio corpo, per avere la possibilità di spostarlo poi liberamente in senso craniale in posizione supina ed in senso caudale in posizione prona, oltre che da un lato e dall’altro in tutti e due i casi. </li></ul>
  • 14. CONTROLLO POSTURALE NORMALE FINO A 6 SETTIMANE, MA … INADEGUATO O PATOLOGICO IN ALTRE ETA’ !!! REAZIONE DI SORPRESA RIFLESSO TONICO ASIM. REFLESSOLOGIA PRIMARIA EVIDENTE
  • 15. IL CONTROLLO POSTURALE E’ INCERTO … … O PATOLOGICO …? DIPENDE DALL’ETA’! REAZIONE DI SORPRESA ESAGERATA RIFLESSO TONICO ASIM. ( IL BIMBO HA 8 MESI !! )
  • 16. DUE MESI: BUON CONTROLLO POSTURALE FISIOLOGICO
  • 17. TRE MESI: BUON CONTROLLO POSTURALE FISIOLOGICO
  • 18. DA TRE A QUATTRO MESI: BUON CONTROLLO POSTURALE FISIOLOGICO
  • 19. BIMBO DI SEI MESI: CONTROLLO POSTURALE DECISAMENTE PATOLOGICO
  • 20. <ul><li>Dalla nostra esperienza si imporrebbe, da parte dei pubblici poteri, un massiccio e doveroso sforzo </li></ul><ul><li>perché il trattamento nei bambini sospetti di futuro sviluppo patologico sia iniziato prima del completamento del terzo mese , </li></ul><ul><li>“ nella speranza concreta di diminuire drasticamente il numero di coloro che necessitano delle terapie in altre età”. </li></ul>
  • 21. <ul><li>2°. MA COME FARE PER AVERE LA POSSIBILITA’ DI “INTERCETTARE” PRECOCISSIMAMENTE I BAMBINI A RISCHIO DI UN POSSIBILE O PROBABILE FUTURO SVILUPPO PATOLOGICO? </li></ul>
  • 22. <ul><li>Ci sono particolari condizioni alla nascita e nella storia anamnestica pre- e post-natale del bambino che già di per se fanno sospettare il rischio di un futuro sviluppo anormale </li></ul>
  • 23. <ul><li>- parti prematuri </li></ul><ul><li>- parti dismaturi </li></ul><ul><li>- parti gemellari </li></ul><ul><li>- parti distocici (forcipe – ventosa - taglio cesareo) </li></ul><ul><li>- crisi convulsive neonatale </li></ul><ul><li>- indice di Apgar < 3 al 1° min <7 a 5° min </li></ul><ul><li>- parti da madri diabetiche </li></ul><ul><li>- parti da madri con gestosi </li></ul><ul><li>- iperbilirubinemia a rischio – ittero neonatale grave </li></ul><ul><li>- crisi ipoglicemiche ed ipocalcemiche con segni neurologici </li></ul><ul><li>- parti con liquido amniotico molto tinto o melmoso </li></ul><ul><li>- neonati con infezione in atto </li></ul>
  • 24. <ul><li>RITENIAMO ESTREMAMENTE NECESSARIO che siano valutati con molta attenzione e professionalità bambini che fanno parte di una o più di queste categorie A RISCHIO sopra elencate … </li></ul><ul><li>Infatti la stragrande maggioranza, per non dire la quasi totalità , dei “bambini con problemi” esistenti sul territorio (che non siano di origine ereditaria, genetica o cromosomica), hanno nella loro storia uno o più di questi dati o segni. </li></ul>
  • 25. Il bambino sospetto (tanto più se è a rischio) è riconoscibile anche dal genitore: <ul><li>Difficoltà nella suzione </li></ul><ul><li>tensione e pianto durante il cambio del pannolino e durante il bagnetto </li></ul><ul><li>strabismo accentuato e progressivo </li></ul><ul><li>scarsa attenzione agli stimoli affettivi (non orienta lo sguardo, non guarda) e scarsa iniziativa psicomotoria (bambino mangia e dorme) </li></ul><ul><li>tiene sempre il capo da un lato </li></ul><ul><li>rigidità agli arti </li></ul><ul><li>crisi epilettiche, convulsioni </li></ul><ul><li>dorme poco e male ed è fastidioso, irritato, irritabile </li></ul><ul><li>tosse, rigurgiti e vomito frequenti e non motivati </li></ul><ul><li>… ... non è un bambino “sereno”, lo si gestisce male!! </li></ul>
  • 26. <ul><li>Sono 40.000 i bambini che ogni anno in Italia nascono prima del termine, cioè prima delle 37 settimane di gestazione. Tra questi, a particolare rischio di morte e di malattia sono quelli con peso alla nascita inferiore a 1.500 grammi, con un'età gestazionale minore di 32 settimane. (Rel. Min. Salute) </li></ul>
  • 27. <ul><li>Questi neonati, pur essendo intorno all'1% di tutti i nati, contribuiscono a più della metà della mortalità neonatale globale e ad una parte significativa delle patologie dell'infanzia. (Rel. Min. Salute) </li></ul>
  • 28. <ul><li>La percentuale di morbilità per i prematuri al di sotto delle 32 settimane e per i nati con peso inferiore ai 1500 grammi ha un valore che va dal 45% al 65%!!!!!!!! (Rel. Min. Salute) </li></ul>
  • 29. <ul><li>Facciamo presente, e lo ribadiamo con fermezza, che per i prematuri ( non rientrano in queste considerazioni i gravi prematuri, che abbisognano di degenza prolungata oltre 20-30 gg., con segni e sintomi estremi sia cronologicamente che clinicamente … per i quali dobbiamo fare un discorso a parte), </li></ul><ul><li>sarà sufficiente “un periodo di tempo corrispondente a quello di prematurità” perché possano raggiungere le capacità posturali e funzionali dei coetanei e così essere adeguatamente valutati senza più tener in considerazione il fatto della prematurità ( parliamo solo di capacità posturali e funzionali e non di altri parametri fisici come peso, lunghezza, ecc...). </li></ul>
  • 31. <ul><li>B°. Anche la terapia precoce , che è logica conseguenza di una diagnosi precoce, ha dei capisaldi su cui è strettamente ancorata: </li></ul><ul><li>1. La terapia deve essere efficace (il bambino deve migliorare in un tempo ragionevole) e quindi adeguata a facilitare lo sviluppo neuro e psicomotorio fisiologico. </li></ul><ul><li>2. La terapia deve possedere le caratteristiche di globalità nella sua potenzialità di facilitazione, nel senso di favorire lo sviluppo del bambino su tutti i fronti: motorio, psicologico, affettivo, relazionale, comportamentale, intellettivo … Tutto questo però secondo i principi dello sviluppo normale del bambino, sviluppo autonomo, fisiologico, promosso e guidato dalla cosiddetta “matrice fondamentale dello sviluppo spontaneo”. </li></ul>
  • 32. compito ambiente Nelle prime età della vita si può notare come sia facile interferire con lo sviluppo globale a tutti i livelli: emotivo, cognitivo, percettivo, … memoria e volontà, … a partire dal movimento … (Robert J. Palisano 2004 )
  • 33. La terapia adatta ed efficace possiamo definirla così: Terapia neuro e psicomotoria su base neuro e psicoevolutiva evocante schemi congeniti o innati di carattere neuro e psicomotorio mediante stimoli adatti in posture adeguate, applicata per un tempo sufficiente ogni giorno, individuato in almeno 4 sedute al giorno di 20 minuti per seduta
  • 34. ESEMPIO DI UN MODELLO TERAPEUTICO FACILITANTE LO SVILUPPO AUTONOMO
  • 35. Es: schema del rotolamento 1 Stimolazione dello schema neuro e psicomotorio 2 Attivazione dell’area sensoriale e motoria 3 Attivazione dello Schema del rotolamento
  • 36. <ul><li>Per essere efficace , la terapia, oltre che qualitativamente valida, deve essere anche applicata frequentemente e con la necessaria costanza . </li></ul><ul><li>Per poter realizzare questo programma, ci si deve avvalere della collaborazione dei famigliari , preparati, educati e istruiti adeguatamente dagli specialisti, che avranno il compito di valutare il bambino, programmare il piano terapeutico, insegnare la applicazione dello stesso ai genitori, controllare la corretta applicazione da parte dei famigliari, modificare in base ai miglioramenti del bambino il piano terapeutico stesso e tornare ad insegnare ai famigliari e a controllare il nuovo piano … </li></ul>
  • 37. <ul><li>Facciamo notare che il coinvolgimento dei genitori nella realizzazione del piano terapeutico oltre che offrire vantaggi indubitabili al progresso del bambino, offre vantaggi enormi ai genitori stessi che vengono gradualmente condotti a rendersi conto del loro ruolo di educatori e formatori nei confronti del figlio con problemi, oltre che di collaboratori al suo progresso e miglioramento con il loro contributo di applicazione terapeutica. </li></ul><ul><li>Ho chiamato tutto questo “rappacificazione genitori-figlio, genitori-patologia, genitori-società, genitori-etica e … -fede”. </li></ul>
  • 38. <ul><li>Con l’applicazione di questo nostro modello preventivo su larga scala si ottiene la riduzione del 50% almeno della presenza della patologia di sviluppo (non di origine genetica o cromosomica) nella popolazione e la riduzione della gravità di almeno il 50% in quella parte di forme patologiche che non potrà essere prevenuta, intendendo inglobare in questa seconda percentuale anche le forme genetiche e cromosomiche. Quindi dopo 5-10 anni la patologia dello sviluppo nella popolazione : </li></ul><ul><li>50% in meno, 50% meno grave! </li></ul>
  • 39. LA NOSTRA PROPOSTA INOLTRE, “PRODUCE”…: SI PU Ò NOTARE LA DIFFERENZA NOTEVOLE DEI COSTI E DEI RISPARMI GI À DAL QUARTO ANNO DOPO L’INIZIO DELL’APPLICAZIONE DI UN METODO DI PREVENZIONE ADATTO RISPARMI PER ANNO da moltiplicare x 10 COSTI
  • 40. <ul><li>Ci è sorto spesso qualche dubbio nel nostro lavoro dal momento che la maggior parte degli specialisti del settore propende a dire che ogni tipo di intervento non ha un gran che di significato … </li></ul><ul><li>Le conclusioni infatti dei vari ricercatori si dividono tra un cauto o molto limitato sostegno alla terapia neuro e psicomotoria e la squalifica più schietta e decisa. </li></ul>
  • 41. <ul><li>Ma da una semplice osservazione di quanto avviene ancor oggi nei servizi riabilitativi per questi bambini si può giungere a qualche conclusione … Facendo riferimento alla organizzazione dei trattamenti in un normale Centro di riabilitazione con 20 pazienti giornalieri ad esempio, troveremo: </li></ul><ul><li>18,7 trattamenti vengono eseguiti a bambini con età superiore ai 9 mesi; </li></ul><ul><li>1,25 trattamenti a bambini dai 7 a 8 mesi; </li></ul><ul><li>0,049 trattamenti a bambini da 4 a 6 mesi; </li></ul><ul><li>0,001 trattamenti solo, a bambini da 0 a 3 mesi. </li></ul>
  • 42. Il trattamento precoce proprio non lo si conosce perché non si presentano bambini in età precoce. Pensiamo che in questo ci sia molto da cambiare.
  • 43. Questa piccola prematura … ora è in carrozzella a causa di un ritardo diagnostico della sua patologia dello sviluppo neuro e psicomotorio … presentava lievi segni in epoca neonatale e fino a 14 mesi, non valutati seriamente e adeguatamente … e ora? … Chi ha il coraggio di dire ho sbagliato?
  • 44. Questo piccolo … ora è in carrozzella a causa di un ritardo diagnostico della sua patologia dello sviluppo neuro e psicomotorio e di un trattamento inadeguato, infatti ha già 8 mesi purtroppo.
  • 45. Questa piccola (otto – nove mesi) … ora è in carrozzella … le solite cause, i soliti ritardi, le solite inadeguatezze.
  • 46. <ul><li>Questo nostro sintetico contributo vorrebbe criticare decisamente e categoricamente: </li></ul><ul><li>1. il sistema tradizionale diagnostico che aspetta età troppo avanzate per definire il problema (sette, otto, nove mesi, quando va bene !!!), </li></ul><ul><li>2. il sistema tradizionale di impegno terapeutico, diluito eccessivamente nel tempo (uno, due, tre trattamenti la settimana quando il bimbo è fortunato, !!!), oltre che la qualità dell’intervento … </li></ul><ul><li>3. e il non richiedere la stretta collaborazione dei genitori. </li></ul>
  • 47. <ul><li>Quindi la formula tradizionalmente applicata è semplicemente illogica, palliativa, porta al sicuro fallimento del progetto riabilitativo per inadeguatezza di forma e di sostanza (mancano qualità, costanza, frequenza). In altre parole, più chiare: è inutile e semplicemente ridicola! … “SOLDI MAL SPESI” DICEVANO I NOSTRI VECCHI </li></ul>
  • 48. <ul><li>Fatte queste osservazioni ci si rende conto che vale la pena continuare a lavorare ed impegnare tutte le nostre energie per la ricerca di modalità sempre più corrette e sempre più efficaci a facilitare i possibili miglioramenti, la miglior qualità di vita, la maggior autonomia possibile a questi bambini, </li></ul><ul><li>per loro stessi, per le loro famiglie, per la società intera. </li></ul><ul><li>I risultati ci saranno, specie in relazione all’intervento precoce, ma non solo … </li></ul>
  • 49. In questo libretto abbiamo spiegato il nostro metodo e desidereremmo fosse conosciuto da tutti, a vantaggio di quanti possono trarne un beneficio. E’ scaricabile dal sito di A.R.C. www.aerreci.org
  • 50. CONSIGLI DI ZIO MARIO Matteo ha già distribuito circa 20.000 copie di questo libretto Vorremmo che tutte le nuove famiglie ricevessero una copia dai loro pediatri

Related Documents