16 ...
of 1

Polo Innovazione Cappelletto 15 03 2012

Published on: Mar 4, 2016
Source: www.slideshare.net


Transcripts - Polo Innovazione Cappelletto 15 03 2012

  • 1. 16 ECO DI BIELLA GIOVEDÌ 15 MARZO 2012 Il caso del giornoL’ INNOVAZIONE SI FA IN QUATTRORICERCA/ INCUBATORI DI SINERGIA D’IMPRESA NEL QUADRANTE NORD OVESTDAL BIELLESE PO.IN.TEX AL VERCELLESE ENERMHY, I POLI REGIONALI COMPIONO 3 ANNI Incentrati su ambiti settorialispecifici, sono costituiti da rag- Export LA PAROLAgruppamenti di imprese, organi- BIELLAsmi di ricerca e da un ente gestore:sono i 12 Poli di Innovazione dellaRegione Piemonte, veri incuba- SECONDAtori di alta tecnologia ma ancheottimi strumenti di coordinamen-to tra i diversi attori del processo IN REGIONEinnovativo e, come tali, forieri diun nuovo modo di relazioni esinergia delle imprese tra di loro e Poli di innovazionerispetto ai centri di ricerca avan-zata come il Politecnico. Di questi I Poli di Innovazione, strumento importante della poloiticaPoli regionali, quattro hanno sedenel Quadrante Nord Ovest del industriale della Regione BIELLA +13,9%Piemonte. Piemonte, sono costituiti da raggruppamenti di imprese, Quadrante. Nel territorio rap-presentato dalle province di Biel- organismi di ricerca e da un entela, Novara, Vercelli e Verba- gestore. VERCELLI +9.0%nia-Cusio-Ossola, dal 2009, anno I Poli, strumenti di coordinamentoin cui la Regione, con una iniziale sinergico tra i diversi attori deldotazione di circa 60 milioni dieuro, ha varato lo strumento, sono processo innovativo, hanno loquattro i Poli di Innovazione ope- scopo di rendere disponibilirativi, tutti giunti oggi al terzo infrastrutture e servizi ad alto NOVARA +11,9%bando regionale (si attendono valore aggiunto, e di interpretareproprio in queste settimane i ri-sultati della terza tranche di fi- le esigenze tecnologiche dellenanziamenti dei progetti). Imper- imprese, per indirizzare le azioniniati sulle specificità economichelocali, dal tessile alla chimica alla regionali a sostegno della ricerca VERBANIA +11.8% e dell’innovazione. In Piemontetecnologia e alle energie rinno-vabili, i quattro Poli costituiscono ne esitono 12. Ciità Studi è l’ente gestore di Po.in.tex, il Polo di innovazione tessile che raccoglie 70 impreseun incubatore prezioso di progettiad alto valore aggiunto. Il pa- L’EVOLUZIONE NEL QUADRANTE ORIENTALE/ I DISTRETTI PUNTANO SULL’HIGH TECH MICRO-EOLICO PER IL VCOnorama complessivo del Qua- Nel 2011 il valore delle im-drante risulta formato da portazioni piemontesi di merci haPo.in.Tex (soggetto gestore Città raggiunto i 29 miliardi di euro, ilStudi), il polo di innovazione tes- 9,6% in più rispetto al 2010. Nonsile con sede a Biella; da Enermhy solo, ma Biella si aggiudica il(soggetto gestore Consorzio secondo posto in graduatoria traUn.i.ver), polo di innovazione nel le province piemontesi, raggiun-settore delle energie rinnovabili e gendo la quota di 1,5 miliardi dimini hydro polarizzato su Ver- I Poli di Innovazione del Qua- invece il Tecnoparco del Lago bile e valorizzazione energetica presieduto da Carlo Piazza. Il drante Nord Ovest restituiscono Maggiore nei processi di produzione in- Polo, in occasione del III Pro- euro, e la palma di quelle delcelli; dal Polo di innovazione della Quadrante Nord Ovest. Se il sal-chimica sostenibile del Novarese, lo spaccato di un’economia for- «Ad oggi - spiega Andrea dustriale) è stata particolarmen- gramma annuale della Regione, temente dinamica che guarda Cappelletto, direttore del Tec- te attivata la tematica del mi- ha presentato 12 nuovi progetti do della bilancia commercialegestito dal Consorzio Ibis (acro- piemontese rimane, pertanto, at-nimo di “Innovative BIo-based avanti. noparco - i soggetti aderenti al cro-eolico. In questo campo, è ma, già nel precedente biennio, nostro Polo sono quasi 60: due stato presentato ed approvato ha visto finanziati 16 progetti su tivo per 9,6 miliardi di euro (inand Sustainable products and pro- crescita rispetto al valore del 2010cesses”), e dal Tecnoparco del I comparti. «Il Polo della chi- grandi imprese, circa dieci me- (non ancora finanziato) un pro- tre traiettorie tecnologiche: l’in- mica sostenibile - spiega il pre- die, una quarantina di piccole, getto riguardante un applicazio- tegrazione impiantistica, l’uti- di 8 miliardi di euro), i dati diLago Maggiore, primo Parco tec- Unioncamere Piemonte sottoli-nologico del Nord Italia per l’in- sidente dell’Ain, Fabio Rava- tre Università piemontesi e tre ne di generazione eolica offsho- lizzo delle biomasse e il mini e nelli - è per noi uno strumento di laboratori. Ne lII Programma re su piattaforme galleggianti». micro hydro. neano come la nostra regionenovazione e lo sviluppo, ubicato abbia battuto addirittura Lom-nel distretto del Vebano-Cu- politica industriale di grande annuale, oltre alle traiettorie ori- Alla terza tranche di finan- ««In particolare, per quanto importanza, perché consente al- ginarie (micro idroelettrico, bio- ziamenti, guarda anche Ener- riguarda lo sfruttamento delle bardia e Veneto. Il dettaglio ter-sio-Ossola e la cui governance è ritoriale mostra poi come la pro-affidata ad una apposita Ats che le imprese di condividere co- massa, efficientamento edifici, mhy, il polo vercellese delle biomasse - commenta Roberto noscenze scientifico-tecnologi- efficientamento nel settore del energie rinnovabili e mini hydro Isola che, fin da principio, ha vincia di Alessandria continui aha quali azionisti principali Fin- registrare la perfomance migliorepiemontre e Saia . che e di beneficiare della con- florovivaismo, mobilità sosteni- gestito dal Consorzio Un.i.ver, seguito l’operazione di start up vergenza di investimenti nello del Polo e il coordinamento tec- (+25,1%), seguita da Biella e No- nico dei progetti -, vanno vara, che concretizzano rispet- I Poli di innovazione Progetti. A conti fatti (al netto sviluppo di prodotti e di servizi innovativi». senz’altro ricordati i diversi si- tivamente aumenti del 13,9% edei nuovi progetti presentati per stemi e processi di gassificazione 11,9%. L’export del Verbano Cu- Nato nel 2009, attualmente il sono in attesa di conoscereconcorrere al finanziamento e pirogassificazione, che danno sio Ossola cresce ad un ritmonell’ambito del III Programma Polo raccoglie 23 imprese (di cui sei torinesi e altrettante ales- la possibilità di mettere a con- analogo a quello piemonteseannuale 2011, ’12), i quattro Poli il risultato dei finanziamenti sandrine, due vercellesi e una fronto e testare le diverse tec- (+11,8%), mentre risultano in-si sono visti approvare e finanziare nologie a disposizione per sfrut- feriori alla media regionale i ri-dalla Regione, nei primi due anni cuneese), tre Università (tra cui tare biomassa di scarto di ori- sultati delle restanti province, per il III Programma annualedi vita, una quarantina di progetti. il Politecnico di Torino e l’Uni- versità del Piemonte Orientale) gine vegetale e produrre gas compresi tra il +9,0% di Vercelli eNei primi due Programmi an- combustibili di alta qualità da il +10,0% di Asti, passando per ilnuali, Po.in.Tex ha portato a casa e la Provincia di Novara, ed ha nel Consorzio Ibis il suo sog- cui cogenerare energia elettrica e +9,8% di Cuneo e il +9,6% diuna dote di circa 3,3 milioni di calore». Torino.euro per il finanziamento di dieci getto gestore. È caratterizzato da due linee strategiche: i pro- Intanto, Po.in.tex, il polo di Tornando all’export biellese,progetti sul tessile ad alta inno- innovazione tessile presieduto secondo i dati della Camera divazione; 16 sono invece i progetti dotti da materie prime rinno- vabili e biodegradabili e la ri- da Massimo Marchi (70 le im- Commercio di Biella, esso risultaapprovati e finanziati per Ener- prese coinvolte per una strategia superiore sia alla media nazio-mhy; 11 (per 5 milioni di finan- duzione dell’impatto ambienta- le attraverso modifiche di pro- che si sviluppa su tre traiettorie: nale (+11,4%) sia a quella pie-ziamento regionale) i progetti ap- tessile per abbigliamento, per montese (+11,8%). Guardandoprovati per il Tecnoparco del Lago cesso e sostituzione di prodot- to. arredamento e per usi diver- poi ai singoli settori, l’incrementoMaggiore e 3 per il Polo della sificati) dovrebbe già sicuramen- complessivo delle vendite all’este-Chimica sostenibile a Novara. «“La prima linea strategica - dice il presidente di Ibis, Franco te ottenere un finanziamento per ro è stato trainato dalle variazioni Al di là degli obiettivi perseguiti “Textile 2020”, il progetto sul positive registrate da tutti i prin-dai singoli Poli e ben oltre i singoli Pellacini - parte dal sempre mag- giore interesse per le materie tessile innovativo e sui materiali cipali comparti. All’interno delprogetti, gli strumenti voluti dalla tessili avanzati. comparto manifatturiero l’incre-Regione diventano anche mezzi prime rinnovabili in campo in- dustriale, a seguito dei problemi «Po.in.tex - spiega Marchi - mento delle esportazioni più ele-importanti di politica industriale, con il suo ente gestore, Città vato è registrato dagli alimentari ,permettendo di mettere “in rete” di approvvigionamento energe- tico e di sostenibilità ambien- Studi, e in collaborazione con assestandosi su un livello delfra loro imprese e competenze Uib, ha partecipato al bando +23%. Anche le variazioni delleche, piuttosto difficilmente, po- tale. Impiegando processi fisici, chimici e biologici, infatti, ma- “Textile 2020” per costruire re- vendite all’estero dei prodotti tes-trebbero incontrarsi nonché abi- lazioni ancora più strette con gli sili sono positive (+16,4%), contuandole a quel gioco di squadra teriali quali oli vegetali, amido da cereali, patate, cellulosa da altri hub di innovazione europei, punte più elevate per i tessutisempre più necessario in futuro. fino a realizzare una sorta di (+18,8%) e risulta in lieve au-Soprattutto laddove si consideri paglia e legno, lignine e am- minoacidi possono essere con- cluster mondiale sui materiali mento l’export della meccanicache la maggior parte dei soggetti tessili avanzati in Europa. Se tale (+4,6%). In crescita, l’export deiaderenti ai Poli è formata da im- vertiti in carburanti, intermedi chimici, polimeri e altri prodotti progetto venisse finanziato, si prodotti dell’agricoltura, silvicol-prese medio-piccole le quali non tratterebbe di un prezioso vo- tura e della pesca (+47%, anchehanno dimensioni tali o compe- speciali finora ricavati dal pe- trolio. La seconda linea stra- lano di sviluppo per Po.in.tex. se su valori assoluti modesti). Pertenze tali, singolarmente consi- Circa poi i risultati del terzo quanto concerne i mercati diderate, per poter interagire diret- tegica, invece, è rivolta ai pro- cessi e ai prodotti a minore bando, attesi a breve, siamo fi- sbocco delle merci biellesi, il ba-tamente con centri internazionali duciosi che, anche in questa oc- cino dell’Ue a 27 continua ado di ricerca avanzata. impatto. I primi affrontano una duplice sfida: rendere più in- casione come negli anni pre- attrarre più della metà delle «Ma proprio in questo - com- cedenti, la Regione confermerà esportazioni biellesi. La dinami-menta Andrea Cappelletto, diret- novativa ed economica una tec- nica che già esiste e modificare le valutazioni positive rispetto ca delle vendite all’estero direttetore del Tecnoparco del Lago all’intenso lavoro del Polo biel- ai partner extra-Ue 27 nei dodiciMaggiore - consiste una parte im- la sostenibilità dei processi, per renderli in futuro disponibili. I lese. E’ un impegno che con- mesi del 2011 (+9%) è risultataportante della sfida dei Poli: una tinua a crescere nella convin- meno sostenuta rispetto a quellasfida che va oltre la tecnologia e prodotti, invece, vanno sostituiti A lato, Andrea con altri più compatibili, mi- zione che l’innovazione sia la realizzata sui mercati comunitaririguarda la futura mentalità d’im- Cappelletto. Dall’alto, spinta “vitale” per le imprese (+17,9%) e trainata soprattuttopresa». gliorati nella loro qualità am- bientale e nelle tecniche di eco- Massimo Marchi e che vogliano guardare al futuro dalla Corea del Sud (+38,2%). l Giovanni Orso con determinazione» l G.O. design». Carlo Piazza orso@ecodibiella.it A guardare a settori nuovi è l G.O.

Related Documents