TOPI di Gordon Reece Impaurite e remissive, Shelley e sua madre sono abituate a subire: dal padre che ...
UN CALCIO IN BOCCA FA MIRACOLI di Marco Presta "Io non ho più interesse per niente e nessuno, rubo penne, p...
LA NAVE DEI MORTI di Clive Cussler Allinizio è solo un puntino sul radar della Oregon, la nave ipertecnologica...
VICINO A TE NON HO PAURA di Nicholas Sparks Il giorno che Katie arriva a Southport, nella piccola e annoiata ...
FIABE E LEGGENDE D’IRLANDA di Jane Wilde "I Sidhe, o Fate dIrlanda, ancora conservano tutte le nobili caratt...
con la pochezza delle creature peccatrici. Un giorno, però, seduce la donna sbagliata, MariaTeresa, la moglie di un onorev...
danno tregua, unepoca indimenticabile della nostra storia recente e ci guida alla scoperta diuna Milano dal fascino irresi...
TUTTA LA VITA di Romana Petri "Spaltero mi sta aspettando in Argentina, tra poco mi arriva un suo richiamo, ...
IL VERO E’ UN MOMENTO DEL FALSO di Lucia Etxebarria In una pineta alla periferia di Madrid viene ritrovato il...
IL LADRO DEL SILENZIO di Rawi Hage Montreal. Linverno stringe in una morsa tutta la città. Tra cumuli di ne...
BRIGATA KATIUSCIA di Paolo Bonacini Piantano una croce, a Reggio Emilia, sulle sponde del canale Ariolo, in me...
TUA di Claudia Pineiro Buenos Aires. Inés, moglie di Ernesto - irreprensibile dirigente di successo -, ...
of 12

Nar 04 2011

Published on: Mar 3, 2016
Published in: Education      Entertainment & Humor      Business      
Source: www.slideshare.net


Transcripts - Nar 04 2011

  • 1. TOPI di Gordon Reece Impaurite e remissive, Shelley e sua madre sono abituate a subire: dal padre che le ha abbandonate scappando con una ventenne, dalle compagne di scuola che con le loro violenze hanno rovinato il volto di Shelley, dai colleghi di lavoro della madre. Per questo decidono di ritirarsi in una tranquilla casa di campagna lontana da tutto e da tutti: in fondo sono topi e i topi hanno bisogno di un nascondiglio per sottrarsi agli artigli dei gatti. Ma una notte un balordo entra in casa, le lega e leminaccia per ore. La rabbia per lennesimo sopruso fa esplodere in Shelley una ferocia maiprovata: la ragazza riesce a liberarsi, insegue il ladro e lo pugnala fino ad ammazzarlo conlaiuto della madre. Nello spazio di una notte, le due donne si trovano trasformate da vittime incarnefici. Da topi in gatti. In un crescendo sbalorditivo di colpi di scena, madre e figliadecidono di seguire il nuovo corso degli eventi. Fino a che punto saranno disposte a spingersiper occultare lomicidio e restare impunite? CHARLESTON di Cinzia Tani È una domenica dellestate del 29 quando, nel giardino della sua villa di Cannes, Claire inganna la noia esercitandosi nel tiro a segno. Il colpo che parte dal suo fucile, però, manca il bersaglio centrando una macchia gialla fra gli oleandri. Claire si convince di aver ucciso Stella, la sua bella e misteriosa maestra di danza, ed è così terrorizzata che solo molto più tardi riesce a spingersi in fondo al giardino per scoprire la verità. Del cadavere che temeva di trovare non cètraccia, ma da quel giorno Stella scompare e ogni tentativo di rintracciarla risulta vano. Non èche il primo strappo nella vita spensierata di Claire: qualche mese più tardi, il giovedì nero diWall Street riduce sul lastrico il padre, facoltoso uomo daffari americano, inducendolo alsuicidio. Eppure è proprio quando il suo mondo dorato va in pezzi e lei si trasferisce nelquartiere più popolare di Marsiglia che Claire inizia un grande viaggio: da Sanremo, sulletracce di Stella, a Damasco, patria dellaffascinante Michel, e attraverso il tempo, dagli anni buidella guerra alla lotta per lindipendenza in Siria fino a quel novembre del 63, a Dallas, quandoJFK viene ucciso... Cinzia Tani ci immerge in un passato minuziosamente descritto nei luoghi efelicemente evocato nelle atmosfere, negli abiti e nelle musiche così come nei suoi protagonistipiù celebri; un passato che richiama da vicino le crisi e i conflitti dei nostri giorni, le sconfittedella Storia e il desiderio, nonostante tutto, di essere felici. IL TERRAZZO DEI GERANI TIMIDI di Anna Marchesini Per la bambina che attraversa le pagine del racconto, come per ogni bambino, le esperienze sono tutte prime volte, che si tratti di avvertire il frullo dali di una farfalla che trema dentro le sue dita e poi ruzzola a terra senza vita, oppure del timore permanente che anche la mamma farà come quella farfalla. La vita scoppia dentro la sua minuscola esistenza, la vita sì ma anche la morte, tuttavia le cose, le voci, le impressioni e le vite degli altri non si possono sentire nel tramestio quotidiano che scorre col tempo dellorologio. La bambina che abita "IIterrazzino dei gerani timidi" scopre piano piano che può ascoltarle nel silenzio immenso in cuiannega quellangolo di casa che si affaccia sui tetti, il luogo solitario che col tempo diventerà lasua stanza tutta per sé. Là dentro le sarà possibile riconoscere le invisibilità che corrono sottola crosta del mondo e avvertire il turbamento che suscita in lei lofferta della vita. Proprioquella bimba, cui la mamma ha insegnato a camminare sul dolore, in silenzio assisterà allanascita del sogno e ancora per lei, seduta là dove solo regnano silenzio e piccioni, finalmenteemergeranno, vita della vita, la poesia, gli scrittori, la letteratura e le parole dei libri, lascoperta che le vite sbucciate e naufragate, che nella realtà non fanno che nascondersi, checessare di amare, invece nel sofisticato rammendo che larte è in grado di ricamarvi intorno,possono diventare esistenze immortali. 1
  • 2. UN CALCIO IN BOCCA FA MIRACOLI di Marco Presta "Io non ho più interesse per niente e nessuno, rubo penne, passeggio per strade degradate, sbavo per una portinaia e basta, basta cosi", dice di sé il narratore di questa storia, un vecchiaccio sgradevole e scorretto, burbero, perfido. Irresistibile. E se la portinaia di cui si è invaghito - una donna sulla sessantina, attraente, sciabile- accetta la corte di un barista con i denti rifatti; se la sua ex moglie, che era "un vortice di generosità, di capricci, di ovulazioni, di piccole iniziative stupefacenti", lo guarda come se fosse il suo gommista; se con la figlia parla per lo più del tempo, a lui non resta che raccontare, divagando, di tuttoquesto. E raccontare di Armando, il suo migliore amico. La parte buona del carciofo che è lui.Una persona rara, gentile, positiva. Con un progetto folle in testa. Si, perché se tutti voglionolasciare qualcosa dopo la loro morte, "chi una tabaccheria avviata, chi un grande romanzo,qualcun altro una collezione di lattine di birra", Armando vuole lasciare un amore. Si è messoin testa che due ragazzi del quartiere che ancora non si conoscono, Chiara e Giacomo,sarebbero una coppia perfetta, e intende dare una mano al destino. Pretesa, questa, chelintrattabile vecchiaccio reputa ridicola e tenta di osteggiare in tutti i modi. Ma dopo averimpiegato oltre settantanni per convincere gli altri a non contare su di lui, si ritroverà coinvoltodalla fastidiosa, insistente, implacabile fiducia nella vita di Armando. SEZIONE SUICIDI di Antonin Varenne Il tenente Guerin è sempre stato un poliziotto un po speciale. Misantropo, figlio di una prostituta che lo ha lasciato da poco orfano, vive tutto solo in un appartamento immerso nel caos, con lunica compagnia di uno stravagante pappagallo che accoglie larrivo dei rari ospiti con vere e proprie esplosioni di turpiloquio. Ma Guerin è anche uno sbirro di primordine, onesto fino al midollo e poco incline ai compromessi. Proprio per questo è stato spedito a dirigere la sezione suicidi della Surété. Un esilio ben poco dorato, nel quale sembracondannato allinattività. Fino a quando Parigi viene sconvolta da una serie di mortispettacolari e sospette. Le "vittime" si sono tolte la vita nude e in pubblico, quasi seguisserotutte un medesimo, misterioso rituale. Con laiuto di Nichols, uno psicologo americano figlio dihippy che vive in una tenda nelle campagne francesi, Guerin si avvia lentamente a scoprire laverità, tra mille ostacoli, con la coscienza che dietro quelle morti cè qualcuno pronto amuovere tutte le leve del potere, pur di non essere scoperto. IL PROFUMO DELLE FOGLIE DI LIMONE di Clara Sanchez Spagna, Costa Blanca. Il sole è ancora molto caldo nonostante sia già settembre inoltrato. Per le strade non cè nessuno, e laria è pervasa da un intenso profumo di limoni che arriva fino al mare. È qui che Sandra, trentenne in crisi, ha cercato rifugio: non ha un lavoro, è in rotta con i genitori, è incinta di un uomo che non è sicura di amare. È confusa e si sente sola, ed è alla disperata ricerca di una bussola per la sua vita. Fino al giorno in cui non incontra occhi comprensivi egentili: si tratta di Fredrik e Karin Christensen, una coppia di amabili vecchietti. Sono come inonni che non ha mai avuto. Momento dopo momento, le regalano una tenera amicizia, lepresentano persone affascinanti, come Alberto, e la accolgo nella grande villa circondata dasplendidi fiori. Un paradiso. Ma in realtà si tratta dellinferno. Perché Fredrik e Karin sonocriminali nazisti. Si sono distinti per la loro ferocia e ora, dietro il loro sguardo pacifico, covanoil sogno di ricominciare. Lo sa bene Julian, scampato al campo di concentramento diMathausen, che da giorni segue i loro movimenti passo dopo passo. Ora, forse, puòsmascherarli e Sandra è lunica in grado di aiutarlo. Non è facile convincerla della verità.Eppure, dopo un primo momento di incredulità, la donna comincia a guardarli con occhi diversi.Adesso Sandra lha capito: lei e il suo piccolo rischiano molto. Ma non importa. Perché tuttidevono sapere. Perché ciò che è successo non cada nelloblio.CASO EDITORIALE IN SPAGNA 2
  • 3. LA NAVE DEI MORTI di Clive Cussler Allinizio è solo un puntino sul radar della Oregon, la nave ipertecnologica capitanata da Juan Cabrillo, di ritorno da una missione top secret in Iran. Un puntino che segnala unimbarcazione alla deriva. Eppure nessuno ha raccolto SOS. Cabrillo decide di vederci chiaro, ma nemmeno lui, che ha vissuto avventure di ogni genere, è pronto a ciò che lo aspetta. Il ponte della Golden Dawn è disseminato di cadaveri, così come la sala macchine, linfermeria, il salone dellefeste e ogni angolo dellelegante nave da crociera. Il virus - se di virus si tratta - sembra avercolpito nel bel mezzo di una festa, visto che tutti i morti sono in eleganti abiti da sera. Chi - oche cosa - può aver causato un simile massacro? Lunica superstite, unavvenente camerierache era ricoverata in infermeria in preda a una grave crisi asmatica, non ha visto nulla ed èsotto shock... Per Cabrillo però non cè da risolvere solo il terrificante mistero della nave deimorti. Il figlio del suo vice Max Hanley è scomparso dopo essere stato plagiato dairesponsivisti, una setta che predica la sterilizzazione dei propri membri per risolvere ilproblema della sovrappopolazione sulla Terra. E forse il fatto che a bordo della Golden Dawn sistesse svolgendo una loro convention non è un caso... Quello che aspetta gli eroi della Oregon,questa volta, è davvero un orrore senza fine. LIBERTA’ di Jonathan Franzen Walter e Patty erano arrivati a Ramsey Hill come i giovani pionieri di una nuova borghesia urbana: colti, educati, progressisti, benestanti e adeguatamente simpatici. Fuggivano dalla generazione dei padri e dai loro quartieri residenziali, dalle nevrosi e dalle scelte sbagliate in mezzo a cui erano cresciuti: Ramsey Hill (pur con certe residue sacche di resistenza rappresentate, ai loro occhi, dai vicini poveri, volgari e conservatori) era per i Berglund una frontiera da colonizzare, la possibilità di rinnovare quel mito dellAmerica come terra di libertà "dove un figliopoteva ancora sentirsi speciale". Avevano dimenticato però che "niente disturba questasensazione quanto la presenza di altri esseri umani che si sentono speciali". E infatti qualcosadevessere andato storto se, dopo qualche anno, scopriamo che Joey, il figlio sedicenne, èandato a vivere con la sua ragazza a casa degli odiati vicini, Patty è un po troppo spesso incompagnia di Richard Katz, amico di infanzia del marito e musicista rock, mentre Walter, iltimido e gentile devoto della raccolta differenziata e del cibo a impatto zero, viene bollato daigiornali come "arrogante, tirannico ed eticamente compromesso". Siamo negli anni Duemila,anni in cui negli Stati Uniti (e non solo...) la libertà è stata come non mai il campo di battagliae la posta in gioco di uno scontro il cui fronte attraversa tanto il dibattito pubblico quanto levite delle famiglie. LA LEGGE DEL DESERTO di Wilbur Smith Hazel Bannock, bellissima e raffinata vedova di un miliardario americano, tiene ben salde le redini dellimpero che il marito le ha lasciato. Per garantire la sicurezza del suo impianto petrolifero più importante, oggetto di frequenti attacchi terroristici, si avvale di un plotone di mercenari guidati da Hector Cross, ex SAS noto per i suoi metodi sbrigativi, talvolta estremi. Benché nasca una forte attrazione sin dal loro primo incontro, tra i due non corre buon sangue: Hazel non ama laggressività di Hector e il suo carattere brusco e rude. Un evento tragico,tuttavia, sta per unirli: lunica figlia di Hazel, la ventenne Cayla, viene rapita da un gruppo diterroristi islamici, insediati in una delle zone più selvagge e aride dellAfrica, una terra in cui ildeserto corre a filo del mare e in cui anche gli esseri umani più tenaci sono messi a duraprova. Nonostante tutte le sue resistenze Hazel sa che solo Hector Cross può tentare limpresaimpossibile di strappare Cayla dalle mani dei terroristi. Ma un destino più insidioso del ventoche soffia tra le dune la costringerà a esporsi in prima persona, e a fare ricorso a tutto il suocoraggio e alla sua forza... 3
  • 4. VICINO A TE NON HO PAURA di Nicholas Sparks Il giorno che Katie arriva a Southport, nella piccola e annoiata cittadina tutti gli occhi sono per lei. Chi è questa giovane donna, bella e misteriosa, arrivata in città per lavorare come cameriera? Katie non parla con nessuno, non esce la sera, sembra decisa a evitare qualunque legame. Pian piano, però, qualcuno riesce a fare breccia nella sua solitudine: Alex, vedovo con due figli, gestore dellemporio locale, un uomo dolce e gentile. Katie e Alex si innamoranoteneramente, complici i due splendidi bambini di Alex, e Katie sembra trovare infine un postotutto per sé a Southport. Finché un giorno il suo terribile passato non torna da lei a chiedere ilconto. Perché Katie si porta dentro un segreto, che minaccia di mandare in pezzi la suaritrovata felicità, e dovrà fare appello a tutto il suo coraggio per evitare che il passatodistrugga la sua nuova vita. Una vita in cui finalmente Katie ha conosciuto lamore, lunicoporto sicuro quando tutto intorno è burrasca. DA QUI VEDO LA LUNA di Maud Lethielleux Moon ha diciannove anni, un animo ingenuo e uno sguardo incantato sul mondo. Ha scelto di vivere per la strada perché vuole essere se stessa, libera diversamente dalla gente che osserva passarle accanto - e addormentarsi la sera su un suo cartone privato da cui può vedere la luna, tra un lampione e la bottega di una fiorista. La chiamano "la piccola venditrice di sorrisi" ed è così che si guadagna quel minimo che le serve per campare. Sì, perché a lei e allinseparabilecagnolina Comète basta poco; il calore, nelle gelide nottate dellinverno cittadino, glieloregalano i suoi amici senzatetto, Suzie e Michou con il loro carrello del super, i punk migratoricon le creste colorate, e Fidji, il suo grande amore, "bello come un angelo della notte". E perlui che Moon inizia a scrivere un romanzo, su un bloc notes sgraffignato in edicola. E poi cèSlam, appena uscito di prigione, avaro di parole ma con un cuore immenso. Slam che amatutto quel che Moon mette sulla carta e che ha una certezza: un giorno, lei ce la farà aprendersi la luna. Raccontato da una protagonista che ha tutto lo charme e il candore di AméliePoulain, un romanzo tenero ed emozionante, una storia di amore e di amicizia piena disperanza, e di inguaribile, gioiosa fantasia. MORTE DI UNA ASSASSINA di Rupert Thomson Billy è un oscuro poliziotto di provincia, con un passato pieno di rinunce e amarezze, ma soprattutto segnato da una catena di delitti e torture su bambini che aveva sconvolto la sua cittadina e per la quale era stata condannata una donna. Ora lassassina è morta, e tocca proprio a Billy vegliarne il cadavere, per sottrarlo alla curiosità morbosa e al desiderio di vendetta di unintera comunità. Sarà una lunga notte, dominata dai ricordi personali e dalla voce della morta, che sembra non accettare il silenzio finale e insiste a voler raccontare le proprie,inaccettabili ragioni. NINNAO’ di Nicola Bonazzi Viller Maurizzi, ultra-trentenne un po picchiatello e afflitto da problemi di comunicazione con laltro sesso, lavora in unagenzia investigativa ereditata dal padre. La sua vita scorre placida fino allincontro con il potente commendator Prebendario, a capo di una grande catena di negozi darticoli sacri, in realtà votato più ai piaceri della carne che a quelli della fede. Per allontanare i pettegolezzi sulle recenti nozze con unattricetta di pellicole erotiche, Prebendario chiede a Viller di mettersi sulle tracce dellultimo film interpretato dalla moglie,nel tentativo di distruggerlo e salvare il proprio onore. Sarà linizio di una scatenata sarabandadi avventure, forse più sognate che vissute dal candido protagonista. Sorta di favola mondanasullinfantilismo indotto dalla mercificazione compulsiva della realtà, scritto in una linguavivacemente estrosa, "Ninnaò" è un romanzo sospeso tra sonno e veglia, in quella terra dinessuno dove anche gli avvenimenti più strani hanno lapparenza di una disarmante normalità. 4
  • 5. FIABE E LEGGENDE D’IRLANDA di Jane Wilde "I Sidhe, o Fate dIrlanda, ancora conservano tutte le nobili caratteristiche dellantica razza persiana, perché nel clima dolce e temperato di Erin non cerano manifestazioni terribili della natura che dovessero essere simboleggiate con nuove immagini: gli elfi, geniali e burloni, rappresentavano lespressione più alta e più autentica che si potesse inventare della natura irlandese. E più di ogni altra cosa amavano esser lasciate sole e non essere disturbate nelle loro abitudini,costumi e passatempi di fate. Avevano anche, come gli irlandesi, un raffinato senso dellagiustizia e della rettitudine, e unappassionata predisposizione alla generosità e alla gentilezza.Tutti i luoghi solitari dellisola erano popolati da questi esseri luminosi, gai e meravigliosi. Ma lefate erano talvolta ostinate e capricciose come bambini, e compivano vendette tremende adanno di chiunque costruisse sopra i loro cerchi fatati, o le guardasse mentre si pettinavano ilunghi capelli biondi alla luce del sole, o danzavano nei boschi, o fluttuavano sulle acque deilaghi. Per tutti coloro che vi si accostavano troppo, o curiosavano con eccessiva insistenza neimisteri della natura, la pena era la morte." (Dalla prefazione di Francesca Speranza Wilde) Conun saggio di Sir William Wilde sul folclore irlandese. COME PRIMA di Maria Venturi Dieci giorni. Tanti ne bastano a un amore ormai consumato, diventato cenere, per rinascere più forte di prima. Teresa e Jacopo si conoscono una notte di dicembre e si innamorano anche se hanno tutto contro. Lei, bellissima e consapevole del suo potere sugli uomini, ha ventanni anni e fa la hostess di lusso. Lui è un ragazzo di buona famiglia con un brillante futuro da medico. E ha appena sorpreso suo padre a letto con Teresa. Due mondi lontani e apparentemente inconciliabili. Ma quella notte, quando Jacopo soccorre Teresa seminuda sotto la pioggia, scoppia una travolgente passione che in pochi mesi liporta a sposarsi e ad avere due figli. Un amore assoluto che viene messo a dura prova dallavita, sepolto da incomprensioni e dalle macerie dei sensi di colpa. Quando poi un tragicoincidente porta via Lucia, la loro bambina affetta da gravi anomalie, lincantesimo si rompedefinitivamente e lo scioglimento della coppia sembra scritto sulle carte dellimminenteseparazione. Eppure in dieci giorni tutto può cambiare: perché per Teresa e Jacopo il doloreper quella perdita è come un appuntamento con il destino, che può riannodare i fili della lorostoria o allontanarli per sempre. Lultima occasione per riscoprire la forza inestinguibiledellamore. GRAN CIRCO TADDEI di Andrea Camilleri Otto storie, tanto perfette e compiute da costituire ciascuna un breve romanzo. Ci sono i personaggi della Vigàta di ogni tempo, linventario di una Sicilia dalle inesauribili sfaccettature: avvocati brillanti, chiromanti improvvisate, contadini e studentesse, preti e federali, comunisti sfegatati, donne risolute, un repertorio che suscita il sorriso o la pietà, e sempre un forte coinvolgimento. Ma in queste storie cè anche un elemento fiabesco, mitico, un improvviso scarto dalla narrazione che ritorna insistente. È una traccia sotterranea che si mescola con ilmomento storico che è sempre ben definito, al punto che sin dalle prime righe di ogni storia lanarrazione viene incastonata in una data precisa, la fine dellOttocento, lalba del 1900, ma piùspesso gli anni del fascismo, dello sbarco, del dopoguerra. Quasi sempre è lironia, la burla adominare, o il gallismo brancatiano, oppure lumanità solidale che non manca mai nelle storiedi Camilleri che in quella "piazza della memoria" che è Vigàta, attinge a storie vere o verosimilidepositate fra i suoi ricordi, per reinventarle e raccontarle con la sua capacità affabulatoria,tutte spruzzate da una polvere di simpatia. LA VELOCITA’ DEI CORPI di Paolo Cortesi Don Sergio Quadrazzini è un uomo spregiudicato che sfrutta labito talare per fare il proprio interesse. Per lui gli affari e, soprattutto, il potere sono al primo posto. Infatti non si fa il minimo scrupolo a inscenare false apparizioni per gruppi di fedeli creduloni né a sfruttare il nome di un noto cardinale per organizzare una truffa ai danni della Comunità Europea e di qualche investitore incauto. È un misogino, che vede le donne come mero strumento di dominio, fantocci di carne 5
  • 6. con la pochezza delle creature peccatrici. Un giorno, però, seduce la donna sbagliata, MariaTeresa, la moglie di un onorevole corrotto, e per lui arriva il momento della resa dei conti:viene picchiato, finisce in coma e muore in pochi giorni. Ma anche agli altri tocca una fineterribile: Maria Teresa, dopo la morte dellamante, si chiude in casa, smette di parlare, dilavarsi, si nutre sporadicamente, per puro bisogno, e si abbandona completamente a unasopravvivenza muta e selvatica. Suo marito, lonorevole, perde il potere e gli alleati che loavevano sostenuto, dietro largo compenso, nel corso degli anni e rischia di finire in carcere avita. Per lui, una punizione peggiore della morte. NESSUNO SI SALVA DA SOLO di Margaret Mazzantini Delia e Gaetano erano una coppia. Ora non lo sono più, e stasera devono imparare a non esserlo. Si ritrovano a cena, in un ristorante allaperto, poco tempo dopo aver rotto quella che fu una famiglia. Lui si è trasferito in un residence, lei è rimasta nella casa con i piccoli Cosmo e Nico. La passione dellinizio e la rabbia della fine sono ancora pericolosamente vicine. Delia e Gaetano sono ancora giovani, più di trenta, meno di quaranta, unetà in cui si può ricominciare. Sognano la pace ma sono tentati dallaltro e dallaltrove. Ma dove hanno sbagliato? Non lo sanno. Tre anni dopo "Venuto al mondo",Margaret Mazzantini torna con un romanzo che è lautobiografia sentimentale di unagenerazione. La storia di cenere e fiamme di una coppia contemporanea con le suetrasgressioni ordinarie, con la sua quotidianità avventurosa. Una coppia come tante, come noi.Contemporaneamente a noi. LA RAGAZZA DI CARTA di Guillaume Musso In piena crisi di ispirazione, solo e senza un soldo, lo scrittore Tom Boyde non riesce a terminare il suo ultimo romanzo. Proprio quando tutto sembra perduto, nella sua vita entra Billie. Misteriosa e bellissima, compare allimprovviso in una notte di pioggia, con una storia incredibile da raccontare. Gli dice infatti di essere la protagonista del suo romanzo, caduta nel mondo reale da una frase che lui ha lasciato in sospeso. Se ora Tom non riprenderà a scrivere, lei morirà. Sembra assurdo, eppure... Eppure, Tom le crede. Perché è già follemente innamorato. Insieme Billie e Tom affronteranno unavventura straordinaria, incui nulla è ciò che sembra. E scopriranno che la vita, a volte, può essere un gioco pericoloso... IL CLUB DEI FILOSOFI CHE VOLEVANO CAMBIARE IL MONDO di Laura Snyder Cambridge, 1812. Quattro brillanti studenti universitari - William Whewell, John Herschel, Charles Babbage e Richard Jones - scoprono di avere in comune lamore per la scienza, oltre che per il buon cibo e le grandi bevute. Al loro primo incontro ne seguono altri, ogni domenica mattina, fino allistituzione di un vero e proprio club dei filosofi. Ispirandosi al metodo induttivo di Bacone, i quattro amici si propongono di rivoluzionare il concetto di scienza, portandola fuori daipolverosi ambienti accademici per metterla al servizio dellumanità e delle classi sociali menoagiate. In cinquantanni di amicizia, dibattiti, invenzioni, successi e fallimenti, questistraordinari pensatori riescono a mettere in atto una profonda trasformazione della scienza. Laloro storia è quella di un grande sogno, e dellincredibile legame umano e professionale che liunì. Il ritratto affascinante di unepoca di importanti innovazioni e scoperte scientifichedestinate a cambiare per sempre il mondo. MILANO CRIMINALE di Paolo Roversi Via Osoppo, Milano, 27 febbraio 1958. Una banda di rapinatori assalta un furgone portavalori in una sequenza degna di Hollywood che resterà impressa nella memoria collettiva. Per Antonio Santi e Roberto Vandelli, due bambini del quartiere che assistono sbalorditi allazione, è il giorno della vocazione. Il primo entrerà in polizia e darà la caccia ai più pericolosi criminali degli anni futuri, dal ladro gentiluomo Lampis (il Solista del Mitra) al folle e geniale Carminati. Ilsecondo diventerà il bandito più imprendibile e carismatico che lItalia ricordi. Attraverso il loroduello e le loro storie private, Paolo Roversi ricostruisce, con un ritmo e una scrittura che non 6
  • 7. danno tregua, unepoca indimenticabile della nostra storia recente e ci guida alla scoperta diuna Milano dal fascino irresistibile. DANIEL X di James Patterson Daniel ha soltanto tre anni e non può sapere che i suoi genitori sono i Custodi della Lista, lelenco dei criminali alieni che si nascondono sulla Terra. Però lo sa la Mantide, un essere malvagio e spietato che, per impadronirsene, è disposto a tutto, anche a uccidere. E a farlo sotto gli occhi di Daniel, che così assiste impotente alla morte del padre e della madre... Sono passati dodici anni da quel terribile giorno, ma Daniel non ha dimenticato. E ha deciso di vendicarsi. Grazie ai suoi straordinari poteri la capacità di creare oggetti con la forza del pensiero e di spostarsi alla velocità della luce, nonché di avere una forzaeccezionale -, vuole continuare il lavoro dei genitori, eliminando i fuorilegge inclusi nella Lista epreparandosi al momento in cui affronterà il più pericoloso di tutti: la Mantide. Ora, però,Daniel deve dare la caccia a Ergent Seth, un orribile alieno determinato a sterminare la razzaumana, per poi ripopolare la Terra di esseri mostruosi provenienti dal suo pianeta. Daniel èlunico che può trovarlo. Daniel è lunico che può sconfiggerlo. Daniel è lunico che può salvareil mondo dalla catastrofe. Ma Daniel è soltanto un ragazzo... COME DUE STELLE NEL MARE di Carlotta Misnetti Capua È una sera di pioggia battente a Roma e, mentre il Tevere esonda, sullautobus 175 si sta stretti. Troppo stretti, forse, la gente quasi si restringe per evitare di sedersi accanto a quattro ragazzini sgualciti: "i soliti rumeni", mormora una donna. Ma che non sono rumeni, Carlotta, anche lei su quellautobus, se ne accorge subito. E incuriosita, e si rivolge loro in inglese. Poche domande semplici, guardandoli negli occhi, occhi stanchi ma scintillanti. Scopre, con stupore, che quei quattro ragazzini vengono dallAfghanistan. Scopre che sono giunti in Italia apiedi, dopo unincredibile marcia durata cinque mesi e cinquemila chilometri. Sorridono ora,sembrano contenti, contenti che il loro viaggio sia giunto alla meta prefissata, alla Piramide, lafermata dove trascorreranno la notte in quella che per loro è "la città di Asterix". Quattroragazzini afghani a Roma, soli, sotto la pioggia, circondati dalla diffidenza della gente. Carlottadà loro appuntamento per la mattina seguente. Ne ritrova solo uno, Akmed. È linizio di unadelicata storia umana, tra una giovane donna e un figlio della guerra. Una storia in cui tuttodiviene emergenza e ogni parola perde di significato. o ne acquista di più importanti, di nuovi. L’ISOLA DEGLI ANIMALI di Gerald Durrell Sono gli anni che precedono la Seconda guerra mondiale e leccentrica famiglia inglese dei Durrell vive oziosamente sullisola greca di Corfù. Gerald, il più piccolo, è un bambino di dieci anni con uno spirito di osservazione acuto e ricco di arguzia. Ha unimmensa passione per il mondo naturale e soprattutto per ogni genere di animali, e dal suo punto di vista la fertile Grecia assomiglia a un paradiso terrestre.La natura entusiasma Gerry molto più di quanto facciano mamma e fratelli, laltra singolarefauna che il ragazzo non manca di osservare con disincanto e ironia. Margo, la sorella, è inperenne lotta con il suo aspetto fisico e cerca strampalate vie per curare sovrappeso e acne. Ilfratello Leslie è un patito delle armi da caccia e, sdraiato allombra, passa il suo tempo aleggere trattati di balistica, senza grandi velleità di concretizzare alcunché. Larry, il fratellomaggiore e futuro scrittore di successo, trascorre le sue giornate a deridere i famigliari concaustiche battute, salvo poi invitare a casa gli amici più stravaganti e improbabili. E mamma èuna svampita vedova che adora i suoi figli e governa con levità e tolleranza in quella grandevilla piena di stanze. Attorno ai Durrell cè il mondo dei greci, quel mondo fatto di dura faticatra gli ulivi, le viti e il mare sotto il cocente sole mediterraneo, e la piccola comunità degliespatriati per i quali il rombo dei cannoni che si stanno preparando nel cuore dellEuropa èlontano anni luce. 7
  • 8. TUTTA LA VITA di Romana Petri "Spaltero mi sta aspettando in Argentina, tra poco mi arriva un suo richiamo, e stavolta non me lo lascio scappare pure se allidea di tanto cambiamento mi pare di morire. Stavolta so che a non cambiare ne va di tutta la mia vita. O trovo il coraggio, o se ne va in malora." Alcina è una donna coraggiosa e fiera che ha paura di una sola cosa: i sentimenti. Tanto che per non esserne sopraffatta si è dovuta costruire una corazza di orgogliosa solitudine. Nel 48 ha trentatré anni e una guerra partigiana alle spalle, e sembra che il suo destino sia ormai quello divivere per sempre con lo sguardo rivolto al passato, in un continuo parlare coi propri morti econ un cane selvatico. Ma un giorno Alcina riceve una lettera che sullonda travolgente delricordo di un unico, lunghissimo bacio le dà la forza di lasciare il suo casolare in Umbria e dipartire per lArgentina. Ad aspettarla cè Spaltero, un uomo più giovane di lei ma con uncarattere forte e sicuro e sempre proiettato verso il futuro. Ma è sufficiente la fragile promessacontenuta nel ricordo di un bacio a spingere a cambiare vita? Basterà la forza dellamore perresistere al violento irrompere della Storia? In unepoca di sentimenti sfilacciati, esili e precari,Romana Petri ha scelto di raccontare in questo romanzo la storia di un amore eterno eindissolubile, al quale il passare del tempo solo aggiunge senza mai sottrarre. VITA PRIVATA DI UNA SCONOSCIUTA di Elena Mauli Shapiro Parigi. La scatola è nascosta in un cassetto. Per anni ha custodito frammenti di una vita lontana e ora aspetta solo di essere scoperta. Trevor Stratton, professore americano, la trova per puro caso. Al suo interno lettere, vecchie foto, pagine di diari, vari oggetti, tra cui spiccano un paio di guanti a rete. I guanti di una santa o di una peccatrice? Trevor non lo sa. Per ora sa solo che la donna che li indossava si chiamava Louise Brunet e viveva a Parigi tra le due guerre. La risposta alle altre domande è in quei frammenti, tra i loro profumi e segreti, tra le parolenascoste e quei ritratti color seppia. Trevor cerca di ricostruire la vita della donna sconosciuta.Dallamore tenero e tragico per il cugino allo strano rapporto con il padre, da un matrimonioscandito dalla noia fino alla passione, per laffascinante professore di francese, suo vicino dicasa al numero 13 di Rue Thérèse. Ma più Trevor si immerge negli oggetti del passato eripercorre i luoghi di Louise, più qualcosa di strano e misterioso inizia ad accadere nella vita delpresente. Chi è veramente Josianne, la ragazza dai capelli rossi che sembra prevederequalunque movimento di Stratton? Perché il professore si sente così attratto da lei? Che cosasa veramente quella ragazza su Louise Brunet? Solo la scatola possiede la verità. Solo glioggetti custodiscono una promessa e una speranza. E spetta a Trevor discernere tra realtà efinzione per far sì che il destino segua il suo corso. L’AMANTE DI CHOPIN di Rosalind Brackenbury Maria Jameson, docente universitaria, è sposata, ha due figli e un amante più giovane di lei, al quale è legata da unintensa passione. Tra la tristezza e la paura che lamore per suo marito sia finito, la complicata e impegnativa doppia vita che conduce e lincertezza di rimanere sola, Maria trova guida e sostegno nella lettura dei romanzi di George Sand, la famosa autrice dellOttocento su cui sta scrivendo un libro. Lo studio dei testi e dellautobiografia della scrittrice francese, e in particolar modo la scoperta delle sue numerose e intense relazioni sentimentali,trascinano Maria in un universo femminile rivoluzionario e anticonformista. Ed è soprattuttonella tormentata relazione di George Sand con Frédéric Chopin che Maria trova risposta alledomande che la assillano sullamore, sulla fedeltà, sugli uomini, sullarte e sulla vita. Fino allaconclusione del suo libro, quando Maria si riconcilierà con se stessa, riscoprendo la bellezzadella semplicità e della quotidianità dellamore. Ambientato tra Edimburgo, Palma di Maiorca ela Francia, attraverso il delicato intreccio delle voci di Maria e George Sand, "Lamante diChopin" descrive il percorso di due donne che, seppur lontane nel tempo, condividono ilsentimento della passione e la ricerca dellamore perfetto. Due storie di perdita e riscoperta disé che, come in un gioco di specchi, si riflettono luna nellaltra. 8
  • 9. IL VERO E’ UN MOMENTO DEL FALSO di Lucia Etxebarria In una pineta alla periferia di Madrid viene ritrovato il corpo di Pumuky, cantante e leader di uno dei gruppi rock del momento. Morto per un colpo alla testa, a ventisette anni. Tutto fa pensare a un suicidio, ma qualcuno ipotizza che sia stato ucciso: magari dal suo migliore amico, o forse dalla sua ex, o da un pusher a cui doveva dei soldi. Il mondo di Pumuky era segnato da fragilità ed eccessi: il grande vuoto per la perdita della madre, labuso di cocaina, lattrazione per donne spesso più mature, lamicizia quasi morbosa con Mario e Romano con cui ha poi fondatola band dei Sex and Love Addicts. A raccontare la sua vita e a dare conto della sua mortevengono chiamati tredici "testimoni", le persone che più gli erano vicine, legate a lui e fra loroda una fitta rete di relazioni, professionali e affettive. Donne soprattutto, una sventagliata diarchetipi femminili che incarnano altrettante maniere di vivere lamore e il sesso. Cè Olga,donna manager; Valeria, modella con ambizioni intellettuali; Sabina, psicologa affermata eaffascinante; ci sono lambiziosa, la rassegnata, linvidiosa... Ciascuna crede di possederelelemento decisivo per risolvere lenigma, per ricostruire la verità. Ma Lucía Etxebarria sa che,oggi più che mai, in un mondo in cui è facile nascondersi dietro limmagine, "il vero è unmomento del falso" e che solo il lettore può ricomporre il puzzle e scegliere la propria versionedei fatti. BESTSELLER IN SPAGNA AMENI INGANNI di Giuseppe Culicchia Alberto ha due grandi passioni, e una piccola mansarda dove le nasconde al resto del mondo. Adora le astronavi, che colleziona sotto forma di modelli ricostruiti con cura maniacale. E venera le ragazze, che coccola e cataloga con cura, se possibile, anche maggiore. Ne conosce di nuove ogni mese, grazie a certe riviste porno americane - Sophie e Clara, Judith e Leila, Sandreta e Deborah, e poi Jenny, Kerry, Carmen, Marlies... Alberto vuol bene a ciascuna di loro, ma in cima a tutte cèOlga: che non è una ragazza di carta, e che grazie a Twitter condivide ogni segreto con lui.Solo che Alberto non ha quindici anni, ma quarantuno. Studente brillante allepoca dellesuperiori, una volta iscritto alla facoltà di Fisica ha falsificato tutti i voti del suo librettouniversitario, scegliendo di non lavorare e di rimanere accanto a sua madre. Quando lamamma allimprovviso muore Alberto è in difficoltà, costretto a occuparsi di cose nuove,inquietanti e sconosciute: come preparasi da mangiare, come aprire un conto in banca. Ungiorno, per caso, reincontra Letizia, la sua fidanzata del liceo, e capisce che è la sua realeoccasione per spezzare la solitudine. Con la stessa paziente perizia con cui assembla i pezzidelle astronavi o esamina ogni centimetro delle sue amiche patinate, dà inizio al suo assedio.Tutto fatto di menzogne, a cui è lui il primo a credere... LA REPUBBLICA DI UN SOLO GIORNO di Ugo Riccarelli Roma, novembre 1848: Pio IX fugge a Gaeta, mentre in città il governo guidato dai triumviri Mazzini, Saffi e Armellini proclama la repubblica e lassemblea costituente si mette al lavoro per redigere una carta costituzionale che trasformi finalmente in legge gli ideali che in quellanno di fuoco animano chi lotta per lItalia unita. Ma alle porte della città, decisi a riconsegnarla nelle mani del Papa Re, premono i francesi: e allora a sostenere la Repubblica Romana accorrono militantida tutta la penisola, pronti a battersi contro quei "bugiardi che a parole difendono lerepubbliche e poi vengono a fare la guerra per affossarle". Appena uscito dallesperienza delleCinque Giornate milanesi è il terzetto composto da Ranieri, Aurelio e Cristina: il primo,romantico e riflessivo, crede nella strategia mazziniana della prudenza e del sacrificio; ilsecondo, più impulsivo, sceglie invece di combattere al fianco di Garibaldi, mentre Cristina,danimo generoso e origini principesche, organizza lassistenza negli ospedali. Nel giro di pochimesi la sede papale si trasforma in un fervido laboratorio di nuove esperienze, un crocevia diprogetti in cui la borghesia liberale sincontra con il popolo, disilluso e persuaso che "tantocomanna sempre chi comanna". A partire da un episodio glorioso e tragico, assolutamentepoco noto, della storia nazionale, Riccarelli mette in scena un romanzo storico di straordinariaattualità. ROMANZO SUL NOSTRO RISORGIMENTO 9
  • 10. IL LADRO DEL SILENZIO di Rawi Hage Montreal. Linverno stringe in una morsa tutta la città. Tra cumuli di neve e strade ghiacciate, un giovane ladro si aggira senza pace. Insinuarsi nelle calde case piene di luce, forzare le serrature, strisciare nei vicoli bui prima che sia troppo tardi, vivere di espedienti. Questa è la sua vita adesso. Ma cè stato un tempo in cui la sua pelle era riscaldata dal tepore delle notti libanesi e nelle sue orecchie risuonava la risata innocente e cristallina della sua amatissima sorella. Un tempo di gioia, ma anche di guerriglia e violenza. Una violenza che hacompletamente stravolto la sua esistenza, che lha macchiato di una colpa che non riesce acancellare. Una colpa inconfessabile, che lha costretto a fuggire da quei vicoli polverosi e dalsole mediorientale per rifugiarsi in Canada, prigioniero della sua fredda disperazione. Ma unasperanza cè ancora. E ha gli occhi vellutati e i capelli lunghi e neri di Shahran, una splendidaballerina iraniana. Fin dalla prima volta in cui lha vista volteggiare in una sfrenata ecoloratissima danza gitana, il ragazzo ha capito di volerla amare e proteggere per sempre. Sololui può liberarla del peso terribile e oscuro che la donna porta nel cuore e che le impedisce didimenticare quella cella angusta e sporca di Teheran. E laguzzino che lì dentro laspettava ognigiorno. Il riscatto è possibile. Insieme, forse, possono sopravvivere al loro passato... L’ESCA di José Carlos Somoza Lo chiamano lo "Spettatore". È un killer spietato e semina morte fra le donne, in prevalenza prostitute e straniere, brutalmente torturate e fatte a pezzi. Diana Bianco è lesca: addestrata dalla polizia di Madrid, a soli venticinque anni è la migliore, la più preparata, lunica che può fermarlo. In un tempo in cui la tecnologia non basta da sola a catturare gli assassini, la polizia ha messo a punto un nuovo metodo che si basa sulla teoria dello psinoma, una sorta di codice genetico che identifica la personalità di un individuo attraverso il suo desiderio e ilmodo di soddisfarlo. Questa teoria risalirebbe addirittura a Shakespeare e sarebbe presente intutte le sue opere. Le esche infatti si esercitano in veri e propri teatri, dove mettono in scenagli atteggiamenti, i gesti e i comportamenti indispensabili per agganciare gli assassini. Ma loSpettatore sembra sfuggire a qualsiasi profilo psicologico, manifestando addirittura personalitàdiverse e sfuggendo così a ogni tentativo di classificazione. Quando Diana Bianco scopre chesua sorella Vera è il prossimo obiettivo dello Spettatore, decide di giocarsi il tutto per tutto. Hacosì inizio una corsa contro il tempo che la porterà fino al mostro, in un terrificante gioco disospetti e colpi di scena. Diana dovrà anche fare i conti con il suo tragico passato senza potercontare nemmeno su chi le è più vicino, perché niente e nessuno è ciò che sembra. E lorrorenon ha mai una sola faccia. RICETTE DI FAMIGLIA di Roberto Barbolini Tutto comincia con un taccuino, 182 fogli a quadretti più alcuni sparsi, dove una calligrafia un po infantile, da maestra, ha annotato le ricette del repertorio di famiglia. Mamma le ha raccolte da parenti e amiche, alcune le ha copiate dal "Talismano della felicità": in gran parte però arrivano da nonna Armida, e dunque da un Ottocento che in questo modo riesce ancora a trasmettere il suo bagaglio di storia e di sapori. Gli ultimi assaggi di queste "Ricette di famiglia" arrivano invecedai sushi bar e dagli happy hour che vanno di moda oggi, dove si assaggia ma non si mangia. Ipranzi e gli spuntini sono quelli di una famiglia che, generazione dopo generazione, bizzarriadopo bizzarria, attraversa più di un secolo di storia dItalia, dalle dimore di campagna dove siriunivano le grandi famiglie patriarcali ai bilocali metropolitani che ospitano le nostreinquietudini. "Ricette di famiglia" è anche una girandola di personaggi: la mamma che silamenta perché fa tutto lei ma impedisce a chiunque di avvicinarsi ai fornelli; il babbodallolfatto perfetto e che perciò non vuole che si tagli la sfoglia con il coltello, perché altrimenti"sa di metallo"; il professor Valentini, afflitto da un figlio anoressico e da una figlia bulimica;Eugenio di Parigi, cugino della "nonna cattiva"; lamico Giap che sposa solo donne giapponesi;il Malinverni che vuole "globalizzare" le tigelle aprendo un fast food in India. 10
  • 11. BRIGATA KATIUSCIA di Paolo Bonacini Piantano una croce, a Reggio Emilia, sulle sponde del canale Ariolo, in memoria di un medico giustiziato da ignoti partigiani venti giorni dopo la Liberazione. La Procura ha aperto un fascicolo e le ruspe scavano per ritrovare i resti. È quasi una storia ordinaria per questa città "Medaglia doro al valor militare" che qualcuno ha ribattezzato capitale del "Triangolo della Morte". Ma Corrado Grisendi, approdato alCorriere di Reggio, questa città non la conosce. Non conosce il caso di Sebastiano Pergreffi e ilveleno che ancora intossica la rilettura della Resistenza. I primi passi sono timidi, il primoarticolo una semplice cronaca della cerimonia. Che non piace a nessuno, perché dietro quellacroce cè una storia lunga e sofferta, che affonda nella guerra e nel cuore dei protagonisti. Tredi loro sono ancora vivi. Sopra una sponda cè Minto Pergreffi, il figlio del dottore ucciso, nipotedel repubblichino Olindo emigrato dopo il 25 aprile per salvare la pelle. Sullaltra cè ilpartigiano Tom, lultimo Gap del Distaccamento Katiuscia che operava sulla via Emilia. E piùlontano, a Luzzara, la staffetta Neve, segnata dalle torture e dalle passioni di giovinezza. Sonoloro le persone alle quali aggrapparsi per cercare una verità che le opinioni non conoscono onascondono. Una verità che porta alla luce due sentimenti inossidabili, capaci di covare nelsonno per oltre sessantanni, salvo risvegliarsi prepotenti anche alla fine della vita: lodio elamore. AUTORE REGGIANO LA VITA FINANZIARIA DEI POETI di Jess Walter Comè possibile che un brillante giornalista economico quarantaseienne, stimato padre di famiglia, si ritrovi a fumare erba di notte fuori da un 7-Eleven con dei giovani sballati? E che decida di darsi allo spaccio insieme ai suoi nuovi amici, cacciandosi in un mare di guai? Tutto inizia con un brillante progetto di qualche mese prima: aprire poetfolio.com, un sito di consigli finanziari in versi, era parsa lidea del secolo a Matt Prior, che per lanciarsi in questa nuova avventura nonaveva esitato a licenziarsi dal giornale per cui lavorava. Il sito però non è decollato, e Matt nonha nessuna speranza di trovare un altro impiego. Ma cè da pagare il mutuo sulla casa, cherischia di finire in mano alla banca, cè la retta per la scuola privata dei figli, cè da occuparsidel vecchio padre che si è fatto mangiare tutto da una spogliarellista ed è convinto di essereancora negli anni Settanta. E soprattutto cè da riconquistare lavvenente moglie Lisa, chepassa le sue giornate su Facebook, a chattare con il fidanzato delle superiori, il principe ChuckCeloduro, proprietario dellavviatissimo Reame del Legname, paradiso del fai-da-te. Forsespacciare erba potrebbe davvero essere una soluzione, peccato che Matt sia - e rimanga - unsognatore, un poeta, incapace di adeguarsi alle asprezze della vita... LA CARTELLA DEL PROFESSORE di Kawakami Hiromi Tsukiko ha poco meno di quarantanni. Vive sola, e dopo il lavoro frequenta uno dei tanti piccoli locali di Tòkyo dove con una modica spesa si possono mangiare ottimi manicaretti e bere qualche bicchiere di birra o di sake. E unabitudine molto diffusa fra gli uomini della metropoli, meno fra le donne. In una di queste occasioni incontra il suo insegnante di giapponese, che riconosce, malgrado i tempi del liceo siano ormai lontani, quando lo sente ordinare le stesse pietanze. Tsukiko e il prof,come lei lo chiama, iniziano a parlare e trovano subito unintesa nella loro passione per il cibo.I tanti manicaretti della delicata cucina giapponese accompagnano gli incontri maiprogrammati, ma non per questo meno frequenti, di due persone cosi diverse eppure similinella quieta accettazione della propria solitudine, e ogni incontro rappresenta un impercettibileavvicinamento, serve a chiarire dubbi e fraintendimenti. Ma la donna fatica a trovare una suadimensione adulta, e il professore - che è vedovo e ha settanta anni - non riesce a uscire dalsuo passato di marito e insegnante. Arriva la stagione dei funghi, le ferie di Capodannopassano senza allegria, poi fioriscono i ciliegi, si organizza una gita che delude le aspettative etermina, come tante serate, nel torpore dellalcol... Trascorrono cosi due anni. E dopo infinitiappuntamenti, giunge il momento in cui il prof vince il pudore e chiede a Tsukiko seaccetterebbe di frequentarlo "con la prospettiva di stringere una relazione amorosa"... 11
  • 12. TUA di Claudia Pineiro Buenos Aires. Inés, moglie di Ernesto - irreprensibile dirigente di successo -, trova per caso nella ventiquattrore del marito un biglietto damore scritto con il rossetto e firmato "Tua". Una sera decide di seguirlo fino al parco Bosques de Palermo dove lui e la sua amante si sono dati appuntamento. Iniziano a discutere, lui la spinge violentemente, la donna cade, sbatte la testa contro un sasso e muore. Inés torna a casa ben decisa a fare il possibile per coprire il marito, salvare le apparenze e il matrimonio. "Tua" è un thriller psicologicovertiginoso, che incalza il lettore fin dalle prime righe: un meccanismo a orologeria che nonrisparmia colpi di scena sorprendenti. Il terribile ritratto in giallo di una normale famigliaborghese. BESTSELLER IN SUDAMERICA ZONA di Mathias Enard Di notte, un uomo viaggia solo su un treno diretto da Milano a Roma. Ha con sé una ventiquattrore piena di documenti scottanti e il progetto di venderli a caro prezzo a un importante personaggio molto vicino al Vaticano. Perché Francis Servain Mirkovic è una spia, e questa, così ha deciso, sarà la sua ultima missione. Ma chiudere con il passato è impossibile per chi come lui si porta addosso il peso della Storia. Perché nellarco della sua vita avventurosa e crudele, Francis ha vistoe fatto di tutto: è stato soldato nei Balcani in fiamme, trafficante darmi, agente segreto,traditore e vinto, vittima e carnefice. Il Mediterraneo è da sempre la sua Zona dazione, cuoresanguinante di unEuropa sfigurata dalla barbarie e dalla violenza. E adesso, mentre il trenoMilano-Roma fila via nella notte, le macerie della sua vita privata e i disastri della storiacollettiva si fondono in un caleidoscopio di fatti, idee, circostanze, persone. Il catalogo degliamici traditi e degli amori perduti si intreccia a quello delle atrocità perpetrate, delle trameordite o svelate, dei sogni divenuti incubi. BESTSELLER IN FRANCIA VIENIMINELCUORE di Micol Arianna Beltramini Tanto per darsi subito un tono, questa storia inizia a letto. In una camera dalbergo di Mantova, per la precisione, protagonisti una trentenne italiana e un ventottenne danese. Tutta un tratto nella testa di lei si accende la scritta verde Okay, adesso basta; e lei la prende in parola, molla il danese e pochi minuti dopo è già sul treno per Milano. A quel punto le prende una specie di deriva alla Giovane Holden, non fosse che non è giovane e che per giunta è pure in gonnella. A casa non vuole tornarci, anche perché cè la Bionda Madre chelaspetta al varco; decide dunque di vagabondare per Milano, ripercorrendo tutti i luoghi chehanno fatto la storia della sua vita e finendo con lincontrare, ma tu guarda il destino a volte,anche un certo numero di persone che hanno fatto la storia della sua vita. Ora, lei sarebbedellidea di tenerlo ben chiuso, il vaso di Pandora che si porta dentro; eppure ogni cosa, scrittaverde in primis, sembra congiurare perché lo riapra, e in fretta. Con leggerezza e un briciolo dimalignità, con la scrittura sorniona e fulminante che viaggia attraverso le pagine del suo blog,Micol Beltramini racconta luniverso dei trentenni in unodissea milanese minima matravolgente, dando voce a un flusso di pensieri in cui si mescolano libri, film, raccontirelativamente saggi e riflessioni più o meno divertite, nella non troppo segreta certezza chediventare grandi non sia stata una mossa poi così astuta, ma che alla fine qualcosa di bellolabbiamo comunque trovato. Le immagini e i contenuti sono tratti dal sito www.ibs.it 12