LA PUBBLICA
AMMINISTRAZIONE IN
VERSIONE WEB 2.0
Panoramica sui social network
Bolzano 10.1.2012
TEMI
 Diffusione dei social network
 Differenza tra i vari social network
 Benchmark
 Strategie, obiettivi e strumenti...
DA “WEB 1.0” A “WEB 2.0”
 Fino ad ora abbiamo operato con i tradizionali siti
su cui:
 era già possibile valutare il nos...
IL CITTADINO HA QUINDI SCOPERTO IN
FACE BOOK UNO STRUMENTO UTILE AL
SUO APPROFONDIMENTO TEMATICO
LA PA COME RISPONDE? ….
 con proprio profilo
 Pubblico
 O privato
 Inserendo post su facebook visibili:
 a tutti
 so...
6
MA CHE DIMENSIONE HA IL
FENOMENO SOCIAL NETWORK?
8
9
10
MA QUANTI SONO I SOCIAL
NETWORK?
12
ISOCIALNETWORKPIUDIFFUSI
TWITTER: -
immediatezza
Pochi caratteri
Da twitter posso
postare su tutti gli
altri s.n.
FACEBOOK...
TEMPI DI DIFFUSIONE DEI SOCIAL
NETWORK…
Nessuno strumento è mai stato cosi veloce…
 Ogni nuovo social network impiegherà sempre
meno tempo per la diffusione…
15
IL FUTURO DEI SOCIAL NETWORK VA
VERSO…
La specializzazione
ZOES
 Zoes è
 “la zona equo sostenibile
 uno strumento per favorire la diffusione di stili di vita sostenibili, per met...
VANTAGGI …
… Molti
IL PIU SIGNIFICATIVO E’ IL VALORE DEL
PASSAPAROLA
 Non è mai stato cosi
efficace
 Come funziona?
 Gruppi di interesse e...
SVANTAGGI …
… Pochi
COME EVITARE
EFFETTO NEGATIVO …
 Commenti negativi
 Rispondendo in
maniera professionale
 l’unica cosa che il popolo
de...
RISCHI …
… alcuni
Rischi
 “praticamente” impossibile la cancellazione
 Non sappiamo come vengono utilizzate le informazioni che
inseriamo ...
QUESTO CI FA CAPIRE CHE…
NON SI PUO IMPROVVISARE
E’ NECESSARIO AVER CHIARO…
 Obiettivi  Strategie
 Risorse Strumenti
25
FINO AD ORA ABBIAMO OPERATO CON
LE COMPETENZE DI UN UTENTE DI UN
BUON LIVELLO MA SENZA
PARTICOLARI SKILLS.
Ma questo non è...
UN APPROCCIO ADATTO AL WEB 2.0
 Ora cerchiamo di analizzare i diversi strumenti che il web 2.0
ci mette a disposizione e ...
E SVILUPPARE APPLICAZIONI DEDICATE…
PER DETTAGLIO DELLE APPLICAZIONI PIÙ SCARICATE: HTTP://WWW.MANUALISSIMO.IT/2009/02/14/...
SUGGERIMENTI …
Per una lenta ma efficace penetrazione nel mercato dei
social network
DOMANDIAMOCI…
Perché una cooperativa dovrebbe
visitare la mia pagina?
Perché un imprenditore dovrebbe
visitare la mia pa...
PER CHIARIMENTI
PER SOLUZIONI… OVE POSSIBILI
PER RINGRAZIARE….
31
ANALISI COSTI BENEFICI DI QUESTI
STRUMENTI ….
Tempo investito per scrivere un post: 5 minuti
(senza contare il lavoro di b...
5 SEMPLICI E BREVI REGOLE
1. Trovare il valore aggiunto
2. evitare la duplicazione
3. usare il web 2.0 in modo pervasiv...
TROVARE IL
VALORE AGGIUNTO
OVVERO L’ELEMENTO CHE SPINGE LE PERSONE A
DIVENTARE FAN O A CLICCARE SU “mi PIACE”
TROVARE IL “VALORE AGGIUNTO”
 Il valore aggiunto deve esser “univoco”
 Perché andare su face se trovo gli stessi contenu...
EVITARE LA DUPLICAZIONE
-Non doppi messaggi su facebook con stesso
contenuto
-Non lo stesso contenuto su facebook e newsle...
NEWSLETTER FACEBOOK
 Può essere usata per
promuovere altri
strumenti
 Invio di email non con stile testo ma
con stile gr...
WEB 2.0 PERVASIVO ….
OGNI COMUNICAZIONE
… deve riportare gli estremi dei social network
Segui le mie iniziative su …
39
PROPOSTE DI FIRMA (MAIL)
Ogni bottone linka sulla pagina facebook, linkedin,
canale youtube generico con possibile
sofisti...
PICCOLI ACCORGIMENTI …
..PER GRANDI RISULTATI
 “L’ anno prossimo vengo al-’
l’incontro solo se mi mandate
un invito via f...
COERENZA
TRA GLI STRUMENTI
-Un esempio di un grande esperto di social network
FACEBOOK
IL SITO
YOUTUBE
43
MOTORI DI RICERCA ….
Cosa differenzia un posizionamento al secondo posto
su 178.000.000 di risultati rispetto ad un non
po...
45
46
… LA TECNOLOGIA CON CUI È STATO
PROGRAMMATO ….
-Numero di link
-Numero di aggiornamenti
-Numero di persone che cliccano su...
TRUCCHI PER …
… una veloce penetrazione nel mercato dei social
network. Efficacia?
TRUCCHI PER …
 Link sponsorizzati
 Creare gioco con tema crea
la tua impresa o coop
sostenibile, diventa
asssessore per ...
IN FONDO IL MONDO 2.0 NON È
DIVERSO DAL MONDO REALE …
… ma permette di raggiungere meglio gli obiettivi con
minori costi
UN CONFRONTO TRA IL MONDO REALE
 Obiettivo
 Essere vicino alle famiglie
 Strumenti (uno per esempio)
 partecipare a tu...
E IL MONDO 2.0
 Obiettivo (non cambia)
 Essere vicino alle famiglie
 Strumenti
 Flickr?
 Facebook?
 Twiter?
 Valuta...
ALCUNI COMUNI/PROVINCE 2.0
Panoramica sui social network
Bolzano 10.1.2012
La provincia delle reti
54
IL PROGETTO FREE ITALIA WI-FI
55
La provincia aperta
56
TORINO OPEN DATA
57
“Smart province”
f
58
IL COMUNE DI PARMA E IBM
 hanno stabilito di cooperare, per definire insieme la
"Smarter Town", ossia la città del futuro...
Qualche esempio:
 conoscere il traffico in tempo reale e in anteprima le
strade da evitare
 mettere a servizio della sic...
La provincia resiliente
u
61
IL PRIMO CRISIS CAMP ITALIA
 Più di 50 persone hanno assistito al primo CrisisCamp Italia,
un incontro informale per rifl...
La provincia 2.0
u
63
IDEARIO PER CAGLIARI
64
La provincia partecipata
o “wiki province”
L
65
Il progetto epart
66
'L'ASCOLTOATTIVO' DEL COMUNE DI UDINE
CREARE UN FILO DIRETTO TRA CITTADINI E PA CON
IL WEB 2.0
 COS’ E’
 AscoltoAttivo, ...
OBIETTIVI E STRATEGIA
 OBIETTIVI:
 Creare nuovi spazi di ascolto e dare la possibilità ai cittadini di avanzare
facilmen...
STRUMENTI
 Il forum dedicato alla raccolta delle idee innovative, permette di avanzare proposte
e scrivere idee, e consen...
CONCLUSIONI
Panoramica sui social network
Bolzano 10.1.2012
RIASSUMENDO
 Le persone sono sui social network
 per giocare
 88.000.000 giocano a Farmiville su facebook
 Per dire o ...
LA PA PUO’ SCEGLIERE SE ESSERE…
 La provincia aperta
 La provincia delle reti
 Una “smart province”
 Una provincia res...
NON SI PUO IMPROVVISARE
E’ NECESSARIO AVER CHIARO…
 Obiettivi  Strategie
 Risorse Strumenti
73
BIBLIOGRAFIA/LINKS /APPROFONDIMENTI
 Statistiche:
 vincos.it/osservatorio-facebook/
 http://vincos.it/2011/12/01/twitte...
GRAZIE PER L’ATTENZIONE
Claudia Lanteri
Presidente CSI TRE coop soc
claudialanteri@gmail.com
of 75

Presnetazione web 2.0 per pa

Come un comune può sfruttare i vantaggi della rete
Published on: Mar 4, 2016
Published in: Internet      
Source: www.slideshare.net


Transcripts - Presnetazione web 2.0 per pa

  • 1. LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE IN VERSIONE WEB 2.0 Panoramica sui social network Bolzano 10.1.2012
  • 2. TEMI  Diffusione dei social network  Differenza tra i vari social network  Benchmark  Strategie, obiettivi e strumenti Aspetti da affrontare in un brainstorming successivo  Suggerimenti per successo sui social network “lento” ed espedienti per un “successo veloce” 2
  • 3. DA “WEB 1.0” A “WEB 2.0”  Fino ad ora abbiamo operato con i tradizionali siti su cui:  era già possibile valutare il nostro posizionamento rispetto ad altri siti (altri politici, altri partiti, ecc.)  Avevamo statistiche su  accessi delle persone e loro localizzazione geografica  Pagine piu visitate  Link di accesso e link di uscita  il sito mantiene la sua validità se riesco a gestire un dialogo personalizzato con il cittadino (o con gruppi di cittadini)  il cittadino però ha difficoltà ad esprimere i suoi bisogni che maturano meglio nelle sue comunità (comunità di valle, agricoltori, studenti, docenti, imprenditori, cooperative, ricercatori, ecc.) 3
  • 4. IL CITTADINO HA QUINDI SCOPERTO IN FACE BOOK UNO STRUMENTO UTILE AL SUO APPROFONDIMENTO TEMATICO
  • 5. LA PA COME RISPONDE? ….  con proprio profilo  Pubblico  O privato  Inserendo post su facebook visibili:  a tutti  solo ad alcuni  Sapendo che deve raggiungere i suoi destinatari:  che possono essere già operativi in face book:  singole persone  Comunità già costituite  Oppure non ancora operativi in face book:  Già conosciuti nelle banche dati della Provincia su tematiche ben definite  Non ancora conosciuti nelle banche dati della provincia  Deve rispondere ai loro quesiti:  in risposta ai suoi post  oppure postati sulla sua pagina facebook 5
  • 6. 6
  • 7. MA CHE DIMENSIONE HA IL FENOMENO SOCIAL NETWORK?
  • 8. 8
  • 9. 9
  • 10. 10
  • 11. MA QUANTI SONO I SOCIAL NETWORK?
  • 12. 12
  • 13. ISOCIALNETWORKPIUDIFFUSI TWITTER: - immediatezza Pochi caratteri Da twitter posso postare su tutti gli altri s.n. FACEBOOK E GOOGLE + -Non posso postare su tutti altri s.n. -- testi piu lunghi -- “sfera privata” -- da poco anche le aziende lo utilizzano -- sono simili ma google + è partito da pochissimo -LINKEDIN -- sfera professionale 13
  • 14. TEMPI DI DIFFUSIONE DEI SOCIAL NETWORK… Nessuno strumento è mai stato cosi veloce…
  • 15.  Ogni nuovo social network impiegherà sempre meno tempo per la diffusione… 15
  • 16. IL FUTURO DEI SOCIAL NETWORK VA VERSO… La specializzazione
  • 17. ZOES  Zoes è  “la zona equo sostenibile  uno strumento per favorire la diffusione di stili di vita sostenibili, per mettere in rete i vari modi di praticare un’economia responsabile sia per la persona che per l’ambiente.  una piattaforma informatica per rendere visibili le tante realtà intorno a noi che già si impegnano per un mondo migliore  un social network per discutere e far crescere una cultura della sostenibilità, del valore, anche economico,e delle relazioni tra persone. 17
  • 18. VANTAGGI … … Molti
  • 19. IL PIU SIGNIFICATIVO E’ IL VALORE DEL PASSAPAROLA  Non è mai stato cosi efficace  Come funziona?  Gruppi di interesse e suggerimenti da parte del social network 19
  • 20. SVANTAGGI … … Pochi
  • 21. COME EVITARE EFFETTO NEGATIVO …  Commenti negativi  Rispondendo in maniera professionale  l’unica cosa che il popolo della rete non accetta è la mancanza di risposta!! … non è infatti sufficiente mettere in rete le proprie richieste…… 21
  • 22. RISCHI … … alcuni
  • 23. Rischi  “praticamente” impossibile la cancellazione  Non sappiamo come vengono utilizzate le informazioni che inseriamo e da chi  Identità vere e identità “virtuali”  Sistemi manuali o automatici per “spiare” le attività  posso decidere di monitorare tutti i post fatti con oggetto “parco tecnologico” o con oggetto “elezioni provinciali” Alcuni casi : http://www.repubblica.it/2008/03/sezioni/scienza_e_tecnolog ia/social-networking/facebook-fuga/facebook-fuga.html
  • 24. QUESTO CI FA CAPIRE CHE…
  • 25. NON SI PUO IMPROVVISARE E’ NECESSARIO AVER CHIARO…  Obiettivi  Strategie  Risorse Strumenti 25
  • 26. FINO AD ORA ABBIAMO OPERATO CON LE COMPETENZE DI UN UTENTE DI UN BUON LIVELLO MA SENZA PARTICOLARI SKILLS. Ma questo non è più sufficiente per entrare nell’ era 2.0
  • 27. UN APPROCCIO ADATTO AL WEB 2.0  Ora cerchiamo di analizzare i diversi strumenti che il web 2.0 ci mette a disposizione e come sfruttarli al meglio.  Per fare questo però dovremo dotarci di software particolari e acquisire gradualmente skills (data la quantità di SN da gestire) che negli USA sono già diffusi mentre da noi fanno i primi passi.  non un approccio per tentativi ma ormai serve una piattaforma base integrata istituzionale (face book , twitter, youtube (vimeo), linkedin, ecc.)  La piattaforma dovrebbe permetterci di gestire in modo avanzato sia la rilevanza che la presenza garantendo al nostro “marchio” (nome, posizione, vocazione, ecc.) la corretta visibilità e il massimo ranking nei motori di ricerca.  Conquistare rilevanza significa non solo agire sulla visibilità/presenza già note nel sito tradizionale, ma garantire una presenza costante ed organizzata che solo specifici sw aiutano a gestire a costi contenuti.  I sw. ci permettono anche di gestire simultaneamente i diversi SN con le particolari caratteristiche di ciascuno.  Il tutto è integrabile con le funzioni che google costantemente aggiorna e innova 27
  • 28. E SVILUPPARE APPLICAZIONI DEDICATE… PER DETTAGLIO DELLE APPLICAZIONI PIÙ SCARICATE: HTTP://WWW.MANUALISSIMO.IT/2009/02/14/LISTA-DELLE-MIGLIORI-75-APPLICAZIONI-PER-FACEBOOK/ 28
  • 29. SUGGERIMENTI … Per una lenta ma efficace penetrazione nel mercato dei social network
  • 30. DOMANDIAMOCI… Perché una cooperativa dovrebbe visitare la mia pagina? Perché un imprenditore dovrebbe visitare la mia pagina? Perché una famiglia dovrebbe visitare la mia pagina? 30
  • 31. PER CHIARIMENTI PER SOLUZIONI… OVE POSSIBILI PER RINGRAZIARE…. 31
  • 32. ANALISI COSTI BENEFICI DI QUESTI STRUMENTI …. Tempo investito per scrivere un post: 5 minuti (senza contare il lavoro di back stage) Risultato :INDESCRIVIBILE
  • 33. 5 SEMPLICI E BREVI REGOLE 1. Trovare il valore aggiunto 2. evitare la duplicazione 3. usare il web 2.0 in modo pervasivo 4. coerenza tra gli strumenti 5. investimento sui motori di ricerca 33
  • 34. TROVARE IL VALORE AGGIUNTO OVVERO L’ELEMENTO CHE SPINGE LE PERSONE A DIVENTARE FAN O A CLICCARE SU “mi PIACE”
  • 35. TROVARE IL “VALORE AGGIUNTO”  Il valore aggiunto deve esser “univoco”  Perché andare su face se trovo gli stessi contenuti della newsletter dell’ assessorato e della newsletter generale della provincia?  L’ imprenditore  Attende di sapere quando viene approvata la legge sul- l’innovazione  Lo sa il giorno dopo sul sito dalla provincia  Lo sa nel momento stesso in cui viene approvata se l’ assessore in due minuti fa un “twit”  Il valore aggiunto deve essere “personalizzato” o targettizzato” 35
  • 36. EVITARE LA DUPLICAZIONE -Non doppi messaggi su facebook con stesso contenuto -Non lo stesso contenuto su facebook e newsletter
  • 37. NEWSLETTER FACEBOOK  Può essere usata per promuovere altri strumenti  Invio di email non con stile testo ma con stile grafico che invita ad iscriversi a facebook  Necessario trovare quello che in gergo viene chiamato “motivazione all’acquisto”  Gadget tecnologico  Limitazione:  Non posso scrivere se ho dei dubbi - le newsletter partono da mail a cui non puoi rispondere  Come supplire a questo:  Pie di pagina che dice: gli argomenti di questa newsletter vengono approfonditi sul forum  Sul forum chiunque può esprimere i suoi dubbi  Anche altre persone possono rispondermi  Può essere usata per promuovere altri strumenti  però mai senza una motivazione  Vantaggio:  Posso chiedere informazioni supplementari  Svantaggio:  Solo lo staff del politico puo’ rispondermi 37
  • 38. WEB 2.0 PERVASIVO ….
  • 39. OGNI COMUNICAZIONE … deve riportare gli estremi dei social network Segui le mie iniziative su … 39
  • 40. PROPOSTE DI FIRMA (MAIL) Ogni bottone linka sulla pagina facebook, linkedin, canale youtube generico con possibile sofisticazione: -4 mail per ogni gruppo di destinatari di posta -ogni simbolo ha link sul gruppo dedicato (gruppo su facebook cooperative e lavoro, gruppo su linkedin polo tecnologico…) 40
  • 41. PICCOLI ACCORGIMENTI … ..PER GRANDI RISULTATI  “L’ anno prossimo vengo al-’ l’incontro solo se mi mandate un invito via facebook”  Voglio rimanere in contatto con voi non una volta all’anno ma tutto l’anno per cui vi invito ad iscrivervi alla pagina facebook dedicata alla motocicletta  Creare un gruppo specifico per ogni area di interesse  Privato  PUBBLICO 41
  • 42. COERENZA TRA GLI STRUMENTI -Un esempio di un grande esperto di social network
  • 43. FACEBOOK IL SITO YOUTUBE 43
  • 44. MOTORI DI RICERCA …. Cosa differenzia un posizionamento al secondo posto su 178.000.000 di risultati rispetto ad un non posizionamento su 170.000 risultati?
  • 45. 45
  • 46. 46
  • 47. … LA TECNOLOGIA CON CUI È STATO PROGRAMMATO …. -Numero di link -Numero di aggiornamenti -Numero di persone che cliccano su condividi contenuti… -Etc…
  • 48. TRUCCHI PER … … una veloce penetrazione nel mercato dei social network. Efficacia?
  • 49. TRUCCHI PER …  Link sponsorizzati  Creare gioco con tema crea la tua impresa o coop sostenibile, diventa asssessore per un giorno… Il gioco su Facebook in assoluto più giocato lo scorso mese è stato CityVille, con più di 88 milioni di giocatori. Qui sotto potete trovare la lista degli altri giochi con il link alla relativa pagina su Facebook: 1) CityVille (88 milioni) 2) FarmVille (44 milioni) 3) Texas HoldEm Poker (35 milioni) 4) FrontierVille (14 milioni) 5) Café World (12 milioni) 6) RewardVille (12 milioni) 7) Monster Galaxy (11 milioni) 8) Mafia Wars (10 milioni) 9) Bejeweled Blitz (10 milioni) 10) Pet Society (9 milioni)  Invito ad eventi .. solo se sei utente facebook  Deve essere legato ad un vantaggio 49
  • 50. IN FONDO IL MONDO 2.0 NON È DIVERSO DAL MONDO REALE … … ma permette di raggiungere meglio gli obiettivi con minori costi
  • 51. UN CONFRONTO TRA IL MONDO REALE  Obiettivo  Essere vicino alle famiglie  Strumenti (uno per esempio)  partecipare a tutte le feste che ci sono in Alto Adige ”  Valutazioni:  In Alto Adige si svolgono 3.000 feste all’anno  Impossibile partecipare a tutte  Risorse  Assumere uno staff di dieci persone in modo che ogni giorno siano presenti  Sono da solo quindi devo scegliere  Target  Localizzazione (solo BZ)?  Scelta per tema?  Cerco di capire dove sono gli opinion leader? 51
  • 52. E IL MONDO 2.0  Obiettivo (non cambia)  Essere vicino alle famiglie  Strumenti  Flickr?  Facebook?  Twiter?  Valutazioni:  Scelgo lo strumento giusto al momento giusto  Risorse  Non posso contare su uno staff da 10 persone  Utilizzo un software che mi permetta, postando qualcosa su facebook , di “postarlo” su tutti gli altri social network  Target  Parlo a gruppi di persone  Posso parlare direttamente ad una persona 52
  • 53. ALCUNI COMUNI/PROVINCE 2.0 Panoramica sui social network Bolzano 10.1.2012
  • 54. La provincia delle reti 54
  • 55. IL PROGETTO FREE ITALIA WI-FI 55
  • 56. La provincia aperta 56
  • 57. TORINO OPEN DATA 57
  • 58. “Smart province” f 58
  • 59. IL COMUNE DI PARMA E IBM  hanno stabilito di cooperare, per definire insieme la "Smarter Town", ossia la città del futuro. Un tavolo per ragionare  come l'innovazione possa favorire il cittadino, creando nuove funzionalità e migliorando l'efficienza della Pubblica Amministrazione.  In particolare l'obiettivo della collaborazione è parlare di temi specifici quali servizi al cittadino, sicurezza, fruizione dei contenuti culturali, marketing turistico ed infomobilità. 59
  • 60. Qualche esempio:  conoscere il traffico in tempo reale e in anteprima le strade da evitare  mettere a servizio della sicurezza l'innovazione tecnologica attraverso telecamere e palmari  avvicinare tutti i cittadini, non solo gli esperti, alle bellezze della cultura  mettere in pratica il concetto di servizio al cittadino a Km 0 che significa superare la burocrazia e avvicinare l'amministrazione alle persone, che non devono più spostarsi, o devono farlo il meno possibile, per ottenere quanto serve loro dal Comune. 60
  • 61. La provincia resiliente u 61
  • 62. IL PRIMO CRISIS CAMP ITALIA  Più di 50 persone hanno assistito al primo CrisisCamp Italia, un incontro informale per riflettere sul ruolo del web 2.0 e del mobile per migliorare le attività di prevenzione e monitoraggio di crisi ed emergenze  E mentre la conversazione continua, arrivano i primi risultati concreti:  la prima proposta è quello di dotare elicotteri con le telecamere  la seconda proposta è quella di costruire un osservatorio permanente dei progetti innovativi sviluppati in Italia,  la terza proposta è quella di creare una linea guida sui social media per la gestione delle emergenze da dare alla F3 (mass-media e informazione) funzioni della Protezione Civile. 62
  • 63. La provincia 2.0 u 63
  • 64. IDEARIO PER CAGLIARI 64
  • 65. La provincia partecipata o “wiki province” L 65
  • 66. Il progetto epart 66
  • 67. 'L'ASCOLTOATTIVO' DEL COMUNE DI UDINE CREARE UN FILO DIRETTO TRA CITTADINI E PA CON IL WEB 2.0  COS’ E’  AscoltoAttivo, è lo spazio dedicato al dialogo tra cittadini e l’amministrazione , che attraverso strumenti innovativi come il software wiki, forum, mappe interattive e social network, permette:  l’invio di suggerimenti e proposte per l’innovazione e di idee per migliorare la città  la valutazione dei servizi del comune  di intervenire nella redazione dei regolamenti comunali.  L’ultima novità riguarda il servizio on-line di segnalazione di disagi e disservizi basato sull’applicazione E-part che rende individuabile su una mappa della città il punto esatto relativo al disservizio, e permette di segnalarlo allegando anche foto, e seguire successivamente l’avanzamento dei lavori da parte dell’amministrazione per risolvere il problema segnalato. 67
  • 68. OBIETTIVI E STRATEGIA  OBIETTIVI:  Creare nuovi spazi di ascolto e dare la possibilità ai cittadini di avanzare facilmente proposte, esprimere valutazioni sui servizi offerti dall’amministrazione, scambiarsi opinioni e commenti.  STRATEGIA  il cittadino non é un cliente.  Il cittadino e’ “sovrano”, come dice la Costituzione.  come tale va ascoltato e “servito”  L’obiettivo é quello di mettere il cittadino al centro dell’azione amministrativa 68
  • 69. STRUMENTI  Il forum dedicato alla raccolta delle idee innovative, permette di avanzare proposte e scrivere idee, e consente di visualizzare i suggerimenti già inseriti dagli altri cittadini , di commentarli e di votare quelli che piacciono di più. Il sistema automaticamente ordina i suggerimenti mostrando per primi quelli più votati. Se l’amministrazione prende in considerazione uno dei suggerimenti allora il sistema invia una comunicazione automatica agli utenti che hanno inserito o votato il suggerimento dando loro un feedback positivo.  Il wiki dei regolamenti, invece, permette a chiunque di chiedere la pubblicazione di un regolamento comunale e di modificarlo. Le modifiche non vengono recepite immediatamente, ma lo strumento é utile per raccogliere indicazioni su quali regolamenti e quali parti andrebbero modificate. Il processo collaborativo di modifica dovrebbe portare ad una autoselezione dei desiderata dei cittadini.  Lo spazio dedicato alla citizen satisfaction, attraverso la compilazione in forma anonima di un semplice form online offre ai cittadini la possibilità di valutare i diversi servizi del Comune – come la Biblioteca, i servizi demografici, l’URP, l’ufficio entrate, l’anagrafe, ecc. - esprimendo il grado di soddisfazione per ogni servizio. E’ possibile anche proporre alcuni suggerimenti e consultare on line le statistiche delle risposte fornite dagli utenti. I dati di valutazione vengono elaborati una volta all’anno per capire come migliorare i servizi. Da poco è disponibile, infine, il nuovo servizio on line di segnalazione dei disservizi: E-part. 69
  • 70. CONCLUSIONI Panoramica sui social network Bolzano 10.1.2012
  • 71. RIASSUMENDO  Le persone sono sui social network  per giocare  88.000.000 giocano a Farmiville su facebook  Per dire o “condividere” la propria opinione  Quando una cosa mi irrita particolarmente  Quando provo “empatia” con un evento (festa di un amico, laurea..)  Solo quando vengono coinvolte e sono sicure che le cose che dicono servono a qualcosa (il mio tempo costa .. Perché dovrei sprecarlo a dire qualcosa ad un politico che tanto non metterà mai in pratica i miei suggerimenti…)  Per informarsi  Social network come sostituti alla lettura dei giornali  Social network come sostituti di newsletter 71
  • 72. LA PA PUO’ SCEGLIERE SE ESSERE…  La provincia aperta  La provincia delle reti  Una “smart province”  Una provincia resiliente  La provincia 2.0  La provincia partecipata o “wiki”  o può scegliere un mix a seconda del:  Target  Zona geografica  ma sempre con un approccio non per tentativi ma con una piattaforma base integrata istituzionale (face book , twitter, youtube (vimeo), linkedin, ecc.) 72
  • 73. NON SI PUO IMPROVVISARE E’ NECESSARIO AVER CHIARO…  Obiettivi  Strategie  Risorse Strumenti 73
  • 74. BIBLIOGRAFIA/LINKS /APPROFONDIMENTI  Statistiche:  vincos.it/osservatorio-facebook/  http://vincos.it/2011/12/01/twitter-in-italia-analisi-dei-segnali-di-crescita/  http://robertoventurini.blogspot.com/2011/12/dati-italia-utenti-internet- facebook.html  ESEMPI:  www.epart.it  http://oratoccaanoi.ideascale.com/  www.qualitapa.gov.it/fileadmin/mirror/i.../DOMINICI_01.pd  Informazioni generali sui social network  https://sites.google.com/site/allmymarketing/home 74
  • 75. GRAZIE PER L’ATTENZIONE Claudia Lanteri Presidente CSI TRE coop soc claudialanteri@gmail.com

Related Documents