NABA
goes
to
CONTAINER
NABA
propone
agli
studenti
dei
corsi
di
Urban
Design
(proff.
Boccalini,
De
Michelis...
‘Container’
obiettivi
di
progetto
Associazione
Parco
Segantini
ipotizza
di
utilizzare
dei
container
non
da
t...
of 2

Naba goes to container

Published on: Mar 3, 2016
Source: www.slideshare.net


Transcripts - Naba goes to container

  • 1. NABA goes to CONTAINER NABA propone agli studenti dei corsi di Urban Design (proff. Boccalini, De Michelis, Pincovici) un’occasione di progetto per “CONTAINER”, uno spazio atto a diventare un centro di relazione intergenerazionale, sociale e di servizi al Parco Segantini a Milano. Il contesto L'Associazione Parco Segantini ha collaborato alla redazione del progetto di realizzazione del Parco, nel farlo ha immaginato un’area che rappresenti una sorta di ‘ingresso’, accoglienza reale e virtuale all’area. Un luogo non lontano da piazza Belfanti, dove si potranno svolgere attività diversificate, aggiornarsi in tempo reale sulle evoluzioni e programmazioni di Parco Segantini. Sarà realizzato tramite il recupero di container, reinterpretati, riqualificati per formare un luogo accogliente, confortevole, che possa diventare un’icona (anche se temporanea) della vita del Parco. L'edificio sarà realizzato e gestito con una partnership fra associazioni non profit, coordinate da "Opera in fiore", su aree pubbliche concesse in convenzione dal Comune di Milano. I tempi Volontà dell'Associazione Parco Segantini è di inaugurare questo spazio in occasione di Expo 2015. Quindi entro il 1° maggio prossimo. Il corso di Urban Design (iniziato in ottobre e che si concluderà in febbraio 2015) si impegna a presentare le proposte progettuali entro il 14 gennaio 2015 dopo una serie di incontri con le varie figure coinvolte atti a dare un grado di fattibilità reale ai progetti. Associazione Parco Segantini organizzerà una giuria per la selezione del progetto vincitore che proseguirà tempestivamente nella fase esecutiva/operativa. Le funzioni ‘Container’ vuole essere un punto di incontro per studenti, anziani, genitori/bimbi, associazioni e di presentazione di spettacoli, di incontri culturali in genere e altre attività da ipotizzare in fase di progetto. Associazione Parco Segantini chiede: • Un punto ristoro con presenza di servizi igienici, che offra la possibilità di mangiare alimenti precucinati -­‐ collegato al progetto "Giardini edibili" per la cottura e somministrazione dei prodotti coltivati negli orti del Parco. • Centro di servizi -­‐ manutenzioni biciclette, corsi di cucito, gestione del verde primato, altro. • Attività per bambini in orario pomeridiano, organizzazione di attività ludico ricreative principalmente legate al verde e agli orti. • Fab Lab del Parco per integrare tecnologia e natura • Altro da pensare con il corso di Urban Design
  • 2. ‘Container’ obiettivi di progetto Associazione Parco Segantini ipotizza di utilizzare dei container non da trasporto, ma del tipo "abitativi" da cantiere, integrabili e modulabili, di dimensioni standard 240x600 cm (15 mq l'uno), ed hanno la soluzione con servizi igienici annessi. La fase reperimento container non è ancora ultimata quindi questo dato potrebbe cambiare in tipologia, numero e dimensione. Si vuole creare un sistema che colleghi i moduli per creare spazi adeguati alle esigenze sopra elencate e altre ancora da definire. I moduli sono carenti da un punto di vista prestazionale (soprattutto legato alla climatizzazione) e estetico, obiettivo di questa collaborazione (Parco Segantini-­‐NABA) è dare un’ identità a questo nuovo luogo in quanto ‘porta’ del Parco, riferimento spaziale e organizzativo della sua attività. Gli alunni si confronteranno quindi con differenti dimensioni del progetto che passano dalla scelta della location esatta alla geometria di aggregazione, dal ‘vestito’ estetico al rivestimento funzionale, dalla composizione degli spazi interni alla loro definizione materica, dalle funzioni reali a quelle virtuali,… Budget Associazione Parco Segantini sta definendo un budget contenuto con la volontà di far diventare il progetto un modello da replicare. Si ipotizza che ogni unità abitativa usata possa costare 500€ (per un totale di 2.000€); il costo di ristrutturazione potrà raggiungere in prima ipotesi 1.000 € a modulo (totale 4.000€ ); le opere di integrazione con l’esterno altri 2.000€, per un totale complessivo di circa 8.000€. Le proposte progettuali non potranno esimersi da tenere in considerazione questa indicazione ipotizzando un ordine di spesa. Modalità di presentazione I progetti verranno presentati in: • Formato digitale pdf: concept di progetto tramite relazione e immagini di ispirazione, inquadramento del progetto nel Parco motivandone la scelta, immagini rappresentative del progetto compreso foto-­‐inserimento, disegni tecnici, definizione di materiali e finiture, preventivo di massima. • Formato cartaceo A4: le stesse informazioni del pdf ma più dettagliate. • Foglio A3verticale: stampato fronte retro, su un fronte nome e immagine rappresentativa (fotomontaggio?), sull’altro inserimento nel sistema parco e sintesi delle funzioni. • Video: presentazione del progetto tramite un breve video sull’idea. Criteri di valutazione Fondamentali per la scelta saranno gli aspetti Economici, di Fattibilità, di Funzione aggiunta oltre alle richieste, oltre alla Creatività e alle Competenze Tecniche -­‐ queste ultime possono essere colmate da altre partnership già in essere ma non sarebbe male che gli alunni seguissero il progetto sino alla sua esecuzione). Premio Il progetto vincitore sarà premiato con 500 euro e il gruppo sarà coinvolto nella fase esecutiva sino al montaggio. Associazione Parco Segantini farà una pubblicazione di tutti i lavori presentati e organizzerà un’esposizione nel ‘Container’, o in altro luogo da definire (anche in NABA) nei giorni della sua inaugurazione. Per tale motivo è fondamentale che gli alunni presentino il materiale seguendo le indicazioni date. (l’esposizione dei lavori verrà definito nel dettaglio a seguire, luoghi e date)

Related Documents