1
Via Durando, 38 - 20158 – Milano Italy
Tel +39 02 39 32 56 05 - Fax +39 02 39 32 56 00
www.simcoconsulting.it - E-mail c...
2
Simco è una delle più importanti società italiane di consulenza e formazione.
Dal 1981, anno della sua fondazione, Simco...
3
SIMCO Partners:
I consulenti Senior vantano una esperienza di circa 20 anni nel settore logistica; il loro approccio è
i...
4
Simco organizza corsi interaziendali, corsi in house e
workshop (circa 40 corsi di logistica inclusi nel
catalogo).
CHI ...
5
Alcune tra le aziende che hanno scelto
SIMCO
6
LE AZIENDE PIU’ NOTE TRA I CLIENTI SIMCO
ALSTOM, AGUSTA WESTLAND, AUCHAN, AUTONEUM, BAYER, BASF,
BINDA, BOHLER, BTICINO,...
7
 Organizzazione del network distributivo
 Logistica di magazzino
 Previsione della domanda e gestione delle scorte
 ...
8
PERCHÈ SCEGLIERE SIMCO?
KNOW-HOW
CONSOLIDATO
NEL DEMAND
PLANNING E
GESTIONE SCORTE
KNOW-HOW
CONSOLIDATO IN
ESPERIENZE RE...
9
Fase di Assessment:
Questa fase è di fondamentale importanza strategica per impostare nel modo più corretto e
vantaggios...
10
Parametrizzazione ottimizzata degli strumenti già in possesso dell’Azienda:
Oggi molte Aziende dispongono già di strume...
11
Software Selection (1/2):
L’approccio Simco prevede che il punto di partenza sia la definizione esatta dei requisitivi
...
12
Assistenza in fase di sviluppo e di installazione:
Simco può assistere la Logistica nella fase del progetto di sviluppo...
13
AUDIT DEL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE
(Gli obiettivi)
OBIETTIVO: identificare punti di forza e debolezza,
Impostare un pi...
14
Un buon sistema di pianificazione della
domanda e di gestione delle scorte è
come un tavolino a tre gambe, che sono:
• ...
15
Note:
La potenzialità del network, in
termini di ottimizzazione delle
coperture, non è sfruttata al
meglio: infatti il ...
16
Articoli esaminati
(%)
Classe ABC Rim Med
(al costo)
A B C D Totale
A 9,8% 3,5% 0,9% 0,4% 15%
B 1,1% 14,0% 9,0% 2,5% 27...
17
Copertura media = 1,65 mesi
AUDIT DEL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE
(Immobilizzi in scorte: un esempio)
18
Note:
Le righe classificate come
“mancanti causa fornitore”
sono state considerate
come se fossero state
evase: questa ...
19
Articoli
Classe IV A B C
da 0 fino a 0,5 3.087 4.148 5.998 13.233
da 0,5 fino a 1 635 2.773 5.619 9.027
da 1 fino a 1,5...
20
Questi sono i principali costi che condizionano il dimensionamento ottimale dello stock, da trovarsi nel miglior
compro...
21
Costo annuo per l'emissione degli ordini (A + B+ C + I) 689.845€ 34%
Numero Righe a Fornitore 312.197
"e" = costo per r...
22
8,2%
della rimanenza
A 104.739.691€ 2.568.894€ 61.979€ -€ 107.370.564€
B 2.121.473€ 6.472.244€ 661.163€ -€ 9.254.880€
C...
23
Secondo quanto dichiarato, la
marginalità lorda è pari al
7,08%.
L’incidenza dei costi di
gestione scorte (1,7%) va
ad ...
24
IMPOSTAZIONE E CONTROLLO DEL LIVELLO DI SERVIZIO
• scegliere uno o più KPI adeguati per la misurazione del LS
• darsi o...
25
MIGLIORAMENTO DELLA SCORTA DI SICUREZZA (SS)
• incorporare nel calcolo della SS un parametro inerente il LS
obiettivo
•...
26
L’Assessment è un’analisi oggettiva, tesa alla chiara comprensione – in un periodo di
tempo contenuto – dei punti di fo...
27
Opportunità di miglioramento
•Ridurre le scorte complessive
•Ridurre gli immobilizzi del capitale circolante
•Increment...
28
Qual è la Vostra performance attuale, e cosa potrebbe essere fatto per migliorarla?
Livello di servizio
100%
n
Curva ot...
29
Definizione delle
politiche di gestione
delle scorte e loro
ottimizzazione
Stima dei miglioramenti,
del ROI degli event...
30
Service Level measurement (*)Demand modellingNetwork modelling
• Analisi del comportamento
statistico della domanda, a ...
31
ASSESSMENT DEL SISTEMA DI DEMAND PLANNING
(Step 1: la modellizzazione della domanda)
32
ASSESSMENT DEL SISTEMA DI DEMAND PLANNING
(Step 1: simulazione livello di servizio con LPS)
3333
Stock-To-Service analysisInventory optimization
• Calcolo delle curve ottimali “stock-
to-service” per ogni combinazi...
34
Analisi di scenari e ROIAnalisi del transitorio
• Quantificazione dei miglioramenti ottenibili
passando dalla situazion...
35
Tempistica di correzione del mix
0
Situazione
attuale
Scenario
obiettivo
3
Livello di servizio 100%
1
2
Remix
Consumo
d...
36
Tempo
Valoredellescorte
Livello delle scorte attuale
Andamento delle scorte nel tempo
ASSESSMENT DEL SISTEMA DI DEMAND ...
37
Analisi What-if – Esempio 1
L’analisi “what-if” consente di confrontare scenari caratterizzati da soluzioni alternative...
38
Return On Investment (ROI)
Pay-Back
-600
-400
-200
0
200
400
600
800
1000
1200
1400
1600
Tempo
Riduzione scorte
Increme...
39
Dati storici Parametri gestione scorteAnagrafica articoli
 Codice articolo
 Descrizione
 Famiglia prodotto
 Costo u...
40
ALCUNE REFERENZE SIMCO
Magazzini
complessi
Magazzini ad
alto contenuto
di automazione
Torino - Ristrutturazione del mag...
41
ALCUNE REFERENZE SIMCO
Magazzini
complessi
Magazzini ad
alto contenuto
di automazioe
Benevento - Master Plan dello stab...
42
ALCUNE REFERENZE SIMCO
Magazzini
complessi
Magazzini ad
alto contenuto
di automazione
Ghemme (NO) - Realizzazione del n...
43
ALCUNE REFERENZE SIMCO
Magazzini
complessi
Magazzini ad
alto contenuto
di automazione
Collegno (TO) - Master Plan dello...
44
ALCUNE REFERENZE SIMCO
Magazzini
complessi
Magazzini ad
alto contenuto
di automazione
Trezzano S.N. (MI) - Realizzazion...
45
ALCUNE REFERENZE SIMCO
Magazzini
complessi
Magazzini ad
alto contenuto
di automazione
 DISTRIBUZIONE FARMACEUTICA ( It...
46
ANNO NAZIONE LOCALITA' TIPO DI PROGETTO
2003 ITALIA NOGARA Master plan
2004 ITALIA NOGARA Warehouse layout optimization...
47
ALCUNE REFERENZE SIMCO
Magazzini
complessi
Magazzini ad
alto contenuto
di automazione
Firenze - Studio della riorganizz...
48
ALCUNE REFERENZE SIMCO
Magazzini
complessi
Magazzini ad
alto contenuto
di automazione
Pofi (FR) – Dopo qualche anno che...
49
Verona - Magazzino di distribuzione per prodotti odontoiatrici e odontotecnici realizzato articolandolo in zone operati...
50
Simco è intervenuta per conto di Clienti con base in Italia ed all’estero, quindi con
qualificazione a livello internaz...
51
SIMCO : PROGETTI INTERNAZIONALI
Polonia - Verifica delle offerte dei Fornitori di tecnologie per un magazzino automatic...
52
ALCUNE REFERENZE SIMCO
Altre referenze per audit delle scorte, assessment dei sistemi di pianificazione della domanda e...
of 52

Previsione della domanda e gestione scorte aggiornata gennaio 2015

Previsione della domanda e gestione scorte aggiornata gennaio 2015
Published on: Mar 4, 2016
Published in: Services      
Source: www.slideshare.net


Transcripts - Previsione della domanda e gestione scorte aggiornata gennaio 2015

  • 1. 1 Via Durando, 38 - 20158 – Milano Italy Tel +39 02 39 32 56 05 - Fax +39 02 39 32 56 00 www.simcoconsulting.it - E-mail c.cernuschi@simcoconsulting.it Presentazione delle attività di consulenza relative a: PREVISIONE DELLA DOMANDA E GESTIONE SCORTE
  • 2. 2 Simco è una delle più importanti società italiane di consulenza e formazione. Dal 1981, anno della sua fondazione, Simco ha sviluppato oltre 1.800 progetti per più di 450 Clienti di diverse dimensioni e settori merceologici. La nostra missione consiste nel saper coniugare competenze e tecnologie per analizzare e migliorare processi, motivare e qualificare le Risorse Umane al fine di controllare e sviluppare le performance complessive dell’azienda. Il nostro metodo non fornisce soluzioni standard, ma offre un approccio su misura, modellato sulle reali esigenze del Cliente ed ispirato a concretezza e innovazione. Una particolare attenzione è stata posta nell’impiego di strumenti avanzati in modo da rendere i risultati dei progetti certificati da analisi complesse; Simco può sviluppare un rapporto di collaborazione che parte dalla definizione delle azioni di miglioramento e cambiamento e può arrivare sino all’affiancamento durante l’implementazione, per facilitare e verificare il raggiungimento degli obiettivi. CHI È SIMCO Fatturato medio annuo (2001-2011) € 1.600.000.
  • 3. 3 SIMCO Partners: I consulenti Senior vantano una esperienza di circa 20 anni nel settore logistica; il loro approccio è innovativo e possono trarre vantaggio dalle esperienze di 30 anni di progetti. Ogni volta che affrontiamo i problemi dei Clienti, lo facciamo come se fossero nostri. Tutto il personale Simco è assunto a tempo indeterminato e il ricorso a Free Lance è estremamente limitato quantitativamente. Ciò permette di investire nella formazione delle nostre Risorse e assicura al Cliente un punto di riferimento certo nella conduzione del progetto e nel proseguimento della relazione. Simco è certificata Vision 9001:2008 (Certificato n° 9175 SMCO - prima emissione 1998) e prevede una formazione sistematica e continua dei propri impiegati. CHI È SIMCO
  • 4. 4 Simco organizza corsi interaziendali, corsi in house e workshop (circa 40 corsi di logistica inclusi nel catalogo). CHI È SIMCO
  • 5. 5 Alcune tra le aziende che hanno scelto SIMCO
  • 6. 6 LE AZIENDE PIU’ NOTE TRA I CLIENTI SIMCO ALSTOM, AGUSTA WESTLAND, AUCHAN, AUTONEUM, BAYER, BASF, BINDA, BOHLER, BTICINO, CARREFOUR, COCA-COLA, COOP ITALIA, CORMAN, DENSO, DIESEL, DUCATI, FACET, FERRERO, FIAMM, FIAT AUTO, FISCHER, FLINT GROUP, FOPPAPEDRETTI, FRESENIUS M.C., G6 RETE GAS, GEFRAN, GE HEALTHCARE T., GIORGIO ARMANI, IND. CARTARIE TRONCHETTI, IVECO, JOHNSON DIVERSEY, JOHNSON & JOHNSON MEDICAL, KONICA MINOLTA, LEGRAND, LEROY MERLIN, LEVI STRAUSS, LINDT & SPRUNGLI, LEROY MERLIN, L’OREAL, LOTTO, LUXOTTICA, MERCK SHARP & DOHME, NOVARTIS VACCINES, PANASONIC, PIONEER, PONTI, RECKITT BENCKISER, ROCHE DIAGNOSTICS, SAMSUNG, SNAM RETE GAS, SOL, STAPLES, SUBARU, TEMPUR, TEVA, THUN, TRW, VOLKSWAGEN. Simco ha sviluppato molti progetti e consulenze operative in contesti internazionali realizzati in Austria, Bulgaria, Cina, Croazia, Francia, Germania, Grecia, Malta, Polonia, Spagna e Svizzera.  Simco, fatturato medio generato da ogni singolo Cliente sopra elencato: circa 130,000€
  • 7. 7  Organizzazione del network distributivo  Logistica di magazzino  Previsione della domanda e gestione delle scorte  Magazzino Automatico  Outsourcing  Trasporti  Tempi e Metodi nella logistica  Logistica di Produzione  Soluzioni di business intelligence  Simulazione dinamica  Organizzazione aziendale  Formazione LE NOSTRE AREE DI INTERVENTO
  • 8. 8 PERCHÈ SCEGLIERE SIMCO? KNOW-HOW CONSOLIDATO NEL DEMAND PLANNING E GESTIONE SCORTE KNOW-HOW CONSOLIDATO IN ESPERIENZE REALI (SW, organizzazione) STRUTTURA SOCIETARIA, ESPERIENZA, METODI E STRUMENTI Applicazioni concrete, non soluzioni ideali: dall’ideazione generale, alla realizzazione e al miglioramento continuo
  • 9. 9 Fase di Assessment: Questa fase è di fondamentale importanza strategica per impostare nel modo più corretto e vantaggioso eventuali successivi interventi di stampo operativo, la cui necessità e convenienza potrà essere dimostrata sulla base di una conoscenza approfondita della situazione di partenza. DEMAND PLANNING E GESTIONE SCORTE (il metodo utilizzato) Re-ingegnerizzazione dei processi di Demand Planning e Gestione delle Scorte: Gli aspetti organizzativi risultano una componente ingiustamente sottovalutata per il pieno successo di un sistema di Demand Planning e Gestione Scorte. La convinzione che basti dotarsi di strumenti software allo “stato dell’arte” per trovare l’ottimo compromesso tra livello di servizio e scorte è purtroppo il misunderstanding più diffuso in questo campo, che spesso conduce ad esperienze di sotto-utilizzo – se non di dismissione – anche dei tool più sofisticati. Ecco quindi che una revisione critica dell’organizzazione, dei workflow e dei processi decisionali (“chi-decide-cosa” e sulla base di quali informazioni) è il miglior prerequisito per il successo di qualsiasi implementazione IT.
  • 10. 10 Parametrizzazione ottimizzata degli strumenti già in possesso dell’Azienda: Oggi molte Aziende dispongono già di strumenti per la previsione della domanda, a volte come moduli del loro gestionale, altre volte come moduli aggiuntivi specifici,tuttavia, non è infrequente verificare il non pieno utilizzo di queste risorse, per le più disparate ragioni. Simco può indagare questi aspetti, sia per verificare l’adeguatezza ai requisiti del perimetro della copertura funzionale dello strumento sia per capire se ne sia fatto un corretto utilizzo. Simco può assistere l’Azienda nel definire e portare a compimento una serie di attività quali: rendere coerenti processi e strumenti IT, formare le risorse deputate al loro utilizzo sui temi del Demand Planning & Gestione Scorte, parametrizzare in modo opportuno i moduli, individuare una serie di opportuni KPI per il monitoraggio dei risultati (impostando anche i valori “obiettivo”) ed il fine tuning continuo dei parametri. DEMAND PLANNING E GESTIONE SCORTE (il metodo utilizzato)
  • 11. 11 Software Selection (1/2): L’approccio Simco prevede che il punto di partenza sia la definizione esatta dei requisitivi aziendali, che in pratica sono quasi un “unicum” per ogni nostro Cliente, in funzione del proprio business, organizzazione e sensibilità; essi sono espressi in un documento dettagliato, nel quale vanno riassunti anche tutti gli altri aspetti – tecnici e contrattuali – che possono condizionare l’entità ed il costo della fornitura dello strumento. Tale documento è distribuito a possibili Fornitori, opportunamente selezionati. Simco potrà aiutarvi anche nel confronto delle offerte e nel dialogare al meglio con i Fornitori, in modo da non lasciare nulla di non chiarito al momento del contratto. Tale lavoro porta ad una serie di benefici tangibili, quali: • la certezza di potere avere da ciascun Fornitore un prodotto adeguato ai propri requisiti • la certezza di acquistare secondo condizioni economiche favorevoli, avendo pilotato la competizione in modo tale da avere prodotti equivalenti • la minimizzazione delle eventuali possibili controversie, che tipicamente si manifestano quando le caratteristiche del prodotto software e dei servizi di progettazione, parametrizzazione, installazione e test non siano sufficientemente specificati • tempi di implementazione generalmente più rapidi DEMAND PLANNING E GESTIONE SCORTE (il metodo utilizzato)
  • 12. 12 Assistenza in fase di sviluppo e di installazione: Simco può assistere la Logistica nella fase del progetto di sviluppo del software (verifica dell’implementazione delle funzionalità concordate contrattualmente) ed in fase di installazione, inclusa la definizione e l’assistenza all’esecuzione degli opportuni test di accettazione. DEMAND PLANNING E GESTIONE SCORTE (il metodo utilizzato) Monitoraggio dei risultati: tenere sotto stretto controllo i “parametri vitali” del nostro sistema di gestione può garantire il fine-tuning continuo del sistema stesso innescando così un vero e proprio “ciclo virtuoso”. Simco può quindi aiutarvi a: • definire il set di KPI (Key Performance Indicators) più consoni, secondo un’opportuna gerarchia degli stessi e con le metriche più corrette • impostare i più ragionevoli valori obiettivo per alcuni KPI (es. livello di servizio) • controllare periodicamente l’andamento dei KPI e ad interpretarlo adeguatamente, indirizzando così in modo oggettivo le più adeguate azioni di miglioramento
  • 13. 13 AUDIT DEL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE (Gli obiettivi) OBIETTIVO: identificare punti di forza e debolezza, Impostare un piano concreto per il cambiamento AUDIT DEL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE • re/ingegnerizzazione dei processi & del workflow • Indicazioni relative all’ottimizzazione parametri gestionali dei sistemi attuali • valutazione tecnico/economica adozione nuovi strumenti IT • relazione finale • valutazione dell’impatto ottenibile dal miglioramento dei parametri di gestione delle scorte (intervallo / lotto di riordino, scorta di sicurezza) su costi di mantenimento a scorta, costi di ordinazione e livello di servizio (recupero di marginalità) e sull’affidabilità del forecast • la simulazione può essere condotta sia con modelli tradizionali, sia ricorrendo a strumenti avanzati di pianificazione • raccolta e analisi dati storici: costi di acquisto e mantenimento, costi di mancata disponibilità, andamento delle scorte, domanda e acquisti, accuratezza delle previsioni • analisi dell’organizzazione e dei principali processi di Demand Planning e di pianificazione delle scorte e degli strumenti adottati allo scopo (inclusi i KPI) DEFNIZIONE ROAD-BOOK INTERVENTI SIMULAZIONE EFFETTI APPLICAZIONE LOGICHE E PARAMETRI OTTIMALI RACCOLTA DATI ED INFORMAZIONI QUALITATIVE
  • 14. 14 Un buon sistema di pianificazione della domanda e di gestione delle scorte è come un tavolino a tre gambe, che sono: • le risorse umane • i processi gestionali ed operativi • gli Strumenti IT Se le tre gambe non sono equilibrate ed allineate tra loro, il tavolino traballa, ossia non è stabile… AUDIT DEL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE (Gli obiettivi)
  • 15. 15 Note: La potenzialità del network, in termini di ottimizzazione delle coperture, non è sfruttata al meglio: infatti il Dep. 2 ha una copertura più alta del Dep. 1, il che non è una sorpresa dato che entrambi i depositi sono sul medesimo livello gerarchico ed il Dep. 2 serve una domanda più bassa e volatile. Occorrerebbe verificare ciò che potrebbe accadere in termini di costi complessivi (scorte, ma anche handling, trasporti etc.) mettendo il Dep. 2 al Livello 2, almeno per alcuni articoli (es. i prodotti di Classe C) Cagliari Sassari Totale € - € 2.000.000 € 4.000.000 € 6.000.000 € 8.000.000 € 10.000.000 € 12.000.000 € 14.000.000 € 16.000.000 € 18.000.000 Rimanenza media Fatturato mensile medio Copertura (mesi) € 12.200.000 € 7.930.000 1,53 € 4.200.000 € 1.970.000 2,15 € 16.400.000 € 9.900.000 1,65 Dep. 1 Dep. 2 AUDIT DEL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE (Immobilizzi in scorte: un esempio)
  • 16. 16 Articoli esaminati (%) Classe ABC Rim Med (al costo) A B C D Totale A 9,8% 3,5% 0,9% 0,4% 15% B 1,1% 14,0% 9,0% 2,5% 27% C 0,1% 2,7% 38,7% 12,1% 54% 14,7% sopra diagonale principale (troppe scorte) D 0,0% 0,1% 5,0% 0,0% 5% 65,3% sulla diagonale principale (OK) Totale 11% 20% 54% 15% 100% 20,0% sotto la diagonale principale (poche scorte) Fatturato (%) Classe ABC Rim Med (al costo) A B C D Totale A 88,1% 2,2% 0,1% 0,0% 90% B 1,8% 5,4% 0,6% 0,0% 8% C 0,1% 0,5% 1,1% 0,0% 2% 2,9% sopra diagonale principale (troppe scorte) D 0,1% 0,0% 0,0% 0,0% 0% 91,9% sulla diagonale principale (OK) Totale 90% 8% 2% 0% 100% 5,1% sotto la diagonale principale (poche scorte) Rimanenza media (%) Classe ABC Rim Med (al costo) A B C D Totale A 73,0% 7,4% 2,2% 1,4% 84% B 0,9% 7,2% 3,5% 1,1% 13% C 0,0% 0,3% 2,5% 0,6% 3% 13,9% sopra diagonale principale (troppe scorte) D 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0% 84,3% sulla diagonale principale (OK) Totale 74% 15% 8% 3% 100% 1,7% sotto la diagonale principale (poche scorte) Classe ABC Fatturato (al costo) Classe ABC Fatturato (al costo) Classe ABC Fatturato (al costo) AUDIT DEL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE (Immobilizzi in scorte: un esempio)
  • 17. 17 Copertura media = 1,65 mesi AUDIT DEL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE (Immobilizzi in scorte: un esempio)
  • 18. 18 Note: Le righe classificate come “mancanti causa fornitore” sono state considerate come se fossero state evase: questa è un’ipotesi di lavoro, utile a stimare la validità assoluta del lavoro di riapprovvigionamento. In realtà, probabilmente parte di tali righe non avrebbero comunque potuto essere evase; per contro, la “domanda vera” – quella cioè che si sarebbe manifestata senza mancanti – sarebbe stata probabilmente più bassa. Anche in termini di livello di servizio, il Dep. 2 risulta meno prestante del Dep. 2, confermando così le sue maggiori difficoltà a gestire lo stock in modo corretto. Dep. 1 Dep. 2 AUDIT DEL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE (Scorte vs Livello di servizio: un esempio)
  • 19. 19 Articoli Classe IV A B C da 0 fino a 0,5 3.087 4.148 5.998 13.233 da 0,5 fino a 1 635 2.773 5.619 9.027 da 1 fino a 1,5 204 655 1.819 2.678 da 1,5 fino a 5 114 314 674 1.102 #DIV/0! 3 26 1.561 1.590 Totale 4.043 7.916 15.671 27.630 % Articoli Classe IV A B C da 0 fino a 0,5 10% 13% 24% 47% da 0,5 fino a 1 2% 9% 19% 30% da 1 fino a 1,5 1% 2% 6% 9% da 1,5 fino a 5 0% 1% 2% 4% #DIV/0! 0% 0% 10% 10% Totale 13% 25% 62% 100% Classe Fatturato (al costo) Totale Classe Fatturato (al costo) Totale AUDIT DEL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE (Prevedibilità domanda vs Livello di servizio: un esempio)
  • 20. 20 Questi sono i principali costi che condizionano il dimensionamento ottimale dello stock, da trovarsi nel miglior compromesso tra costi di emissione dell’ordine (blu) ed costi di mantenimento a scorta (rosso). Costi connessi agli ordini fornitore e movimentazione merci in ingresso Descrizione A Costo annuo del personale € 209.314 B Stime costi accessori annui (riscaldamento, energia elettrica, cellulari, manutenzioni varie) € - C RICEVIMENTO MERCI Costo annuo del personale (con valore PROPORZIONATO al monte ore dedicato alle merci in ingresso) € 454.030 € 454.030 D Costo annuo spazio occupato affitto figurato (magazzini di proprietà --> stima a valore d'affitto di mercato) € 69.878 E Stime costi accessori annui (riscaldamento, energia elettrica, cellulari, manutenzioni varie) € 374.353 F Inventario € 3.475 G Assicurazione furto e incendio € 22.150 H Personale amministrativo € 121.820 I Elaborazione dati (proporzionato al numero di ore di attività collegabili alle merci in ingresso o a ordini fornitore) € 26.501 L Oneri finanziari (4% su rimanenza media CA+SS) € 656.049 M Distruzioni € 100.000 2.037.570€TOTALE Costo annuo [€/anno] UFFICIO ACQUISTI 209.314€ MAGAZZINO € 447.706 ALTRO € 926.520 AUDIT DEL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE (Costi di gestione scorte: un esempio)
  • 21. 21 Costo annuo per l'emissione degli ordini (A + B+ C + I) 689.845€ 34% Numero Righe a Fornitore 312.197 "e" = costo per riga d'ordine emessa 2,21€ Rimanenza media complessiva 16.401.230€ Costo annuo di mantenimento a scorta (D + E + F + G + H + L + M) 1.347.725€ 66% "m" = tasso medio di mantenimento a scorta (% sulla rimanenza) 8,2% I costi annui complessivi di gestione – riorganizzati nella tabella qui sopra – sono stati dapprima ripartiti sui volumi movimentati e sulle scorte medie, per arrivare alla stima dei costi medi di emissione riga d’ordine (d’ora in poi “e”) ed al tasso % medio di mantenimento a scorta (“m”). Totale = ca. 2 mio €/anno AUDIT DEL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE (Costi di gestione scorte: un esempio)
  • 22. 22 8,2% della rimanenza A 104.739.691€ 2.568.894€ 61.979€ -€ 107.370.564€ B 2.121.473€ 6.472.244€ 661.163€ -€ 9.254.880€ C 111.251€ 634.975€ 1.325.203€ -€ 2.071.429€ D 149.106€ 25.644€ 56.019€ -€ 230.770€ Totale 107.121.522€ 9.701.758€ 2.104.364€ -€ 118.927.643€ Rimanenza media (€; al costo) Classe ABC Rim Med (al costo) A B C D Totale A 11.976.137€ 1.216.092€ 358.114€ 224.076€ 13.774.418€ B 141.848€ 1.174.904€ 567.916€ 174.869€ 2.059.536€ C 758€ 54.403€ 411.116€ 100.998€ 567.276€ D -€ -€ -€ -€ -€ Totale 12.118.743€ 2.445.399€ 1.337.145€ 499.943€ 16.401.230€ Classe ABC Fatturato (al costo) Costo della scorta complessiva (€/anno) Classe ABC Rim Med (al costo) A B C D Totale A 984.106€ 99.929€ 29.427€ 18.413€ 1.131.874€ B 11.656€ 96.544€ 46.667€ 14.369€ 169.237€ C 62€ 4.470€ 33.782€ 8.299€ 46.614€ D -€ -€ -€ -€ -€ Totale 995.824€ 200.944€ 109.876€ 41.081€ 1.347.725€ Classe ABC Fatturato (al costo) AUDIT DEL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE (Costi di gestione scorte: un esempio)
  • 23. 23 Secondo quanto dichiarato, la marginalità lorda è pari al 7,08%. L’incidenza dei costi di gestione scorte (1,7%) va ad erodere il 22% circa della marginalità lorda: ecco perché affrontare in modo risoluto il problema appare di notevole importanza. In generale è il costo degli stock a contare di più, il che spinge verso una loro riduzione, tranne che per i Classe C di fatturato, dove pesa molto il costo di emissione delle righe d’ordine: questo spinge invece ad un rallentamento della frequenza di riordino. Incidenza % costi tot. gestione scorte su Fatturato Classe ABC Rim Med (al costo) A B C Totale per Classe A 1,2% 5,0% 50,0% 1,3% B 2,1% 4,1% 11,2% 4,3% C 1,2% 6,4% 13,6% 11,2% D 0,1% 0,8% 14,0% 3,6% Tot. per Classe 1,2% 4,5% 14,0% 1,7% Incidenza costi rim. Media sul Fatturato Classe ABC Rim Med (al costo) A B C Totale per Classe A 0,9% 3,9% 47,5% 1,1% B 0,5% 1,5% 7,1% 1,8% C 0,1% 0,7% 2,5% 2,3% D 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% Tot. per Classe 0,9% 2,1% 5,2% 1,1% Incidenza costi righe IN sul Fatturato Classe ABC Rim Med (al costo) A B C Totale per Classe A 0,2% 1,1% 2,5% 0,2% B 1,6% 2,6% 4,2% 2,5% C 1,1% 5,7% 11,1% 9,0% D 0,1% 0,8% 14,0% 3,6% Tot. per Classe 0,3% 2,4% 8,7% 0,6% Classe ABC Fatturato (al costo) Classe ABC Fatturato (al costo) Classe ABC Fatturato (al costo) AUDIT DEL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE (Costi di gestione scorte: un esempio)
  • 24. 24 IMPOSTAZIONE E CONTROLLO DEL LIVELLO DI SERVIZIO • scegliere uno o più KPI adeguati per la misurazione del LS • darsi obiettivi espliciti e quantitativi in merito al LS, tali da rendersi eccellenti senza inficiare la marginalità (troppi costi) • dimensionare le scorte di sicurezza in funzione del LS UTILIZZARE AL MEGLIO IL “CRUSCOTTO” DI KPI LOGISTICI • per misurare il LS ottenuto (con diverse metriche in parallelo) • per dimensionare lo stock in funzione del LS obiettivo (articolato) • per verificare la forecast accuracy e migliorare così continuamente il processo ed i risultati del Demand Planning • Vendor rating MIGLIORARE L’ALGORITMO DI FORECAST • valutare algoritmi / software esterni all’ERP attuale, che siano più “performanti” e/o più semplici da usare (best-fitting automatico) • in alternativa, ottimizzare l’uso degli algoritmi attuali • serie storica domanda: verificare efficacia della logica di rimozione automatica degli outlier (es. inattendibilità causa reiterazione domanda durante stock-out) • automatizzare la previsione di articoli nuovi, correlandoli a simili passati AUDIT DEL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE (Conclusioni e raccomandazioni: un esempio)
  • 25. 25 MIGLIORAMENTO DELLA SCORTA DI SICUREZZA (SS) • incorporare nel calcolo della SS un parametro inerente il LS obiettivo • incorporare nel calcolo della SS la variabilità / imprevedibilità della domanda • incorporare nel calcolo della SS la variabilità / imprevedibilità della fornitura (aspetto non analizzato) •TARARE I VALORI DELL’INTERVALLO DI RIORDINO per… • diminuire le righe ordinate ed aumentare le coperture per i Classe C di fatturato (più LS) • aumentare invece le righe, per diminuire le coperture di ciclo, per i codici di Classe A AUDIT DEL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE (Conclusioni e raccomandazioni: un esempio)
  • 26. 26 L’Assessment è un’analisi oggettiva, tesa alla chiara comprensione – in un periodo di tempo contenuto – dei punti di forza e debolezza del Vostro sistema di pianificazione; questo intervento passa sia attraverso l’analisi dell’organizzazione, dei flussi di lavoro e delle funzionalità degli strumenti IT a supporto, sia attraverso la stima del potenziale di riduzione delle scorte e/o aumento del livello di servizio che l’Azienda può conseguire sia sfruttando al meglio le proprie risorse, sia eventualmente facendo ricorso ad un sistema di pianificazione avanzata. L’analisi include: • Misurazione delle prestazioni attuali (scorte vs. livello di servizio) • Diagnosi delle attuali inefficienze nel processo di pianificazione • Identificazione e quantificazione dei possibili miglioramenti • Piano di azione (road-book) per raggiungere gli obiettivi che ci si è posti: tempi, costi, interventi e loro priorità ASSESSMENT DEL SISTEMA DI DEMAND PLANNING (Gli obiettivi)
  • 27. 27 Opportunità di miglioramento •Ridurre le scorte complessive •Ridurre gli immobilizzi del capitale circolante •Incrementare il livello di servizio •Incrementare i volumi di vendita •Migliorare l’efficienza •Ridurre la numerosità delle situazioni di emergenza •Ridurre il delivery time •Ridurre i casi di stock-out •Migliorare la fidelizzazione dei Clienti •Liberare spazio in magazzino •Ridurre gli overstock e gli articoli obsoleti •Gestire più SKU e cicli di vita più brevi •Migliorare le procedure interne L’Assessment consente di identificare un certo numero di opportunità di intervento, le quali possono condurre a benefici sia operativi che finanziari: Riduzione dei costi operativi Miglioramento del livello di servizio Riduzione degli immobilizzi Benefici principali Incremento delle vendite ASSESSMENT DEL SISTEMA DI DEMAND PLANNING (Le opportunità di business)
  • 28. 28 Qual è la Vostra performance attuale, e cosa potrebbe essere fatto per migliorarla? Livello di servizio 100% n Curva ottimizzata “scorte vs livello di servizio”, in funzione dell’assetto aziendale corrente 1 Di quanto si possono ridurre le scorte, senza impattare negativamente sul livello di servizio? 2 Di quanto si può aumentare il livello di servizio, senza aumentare i costi? 0 Posizionamento attuale Obiettivi alternativi intermedi 3 ASSESSMENT DEL SISTEMA DI DEMAND PLANNING (Il concetto di Assessment)
  • 29. 29 Definizione delle politiche di gestione delle scorte e loro ottimizzazione Stima dei miglioramenti, del ROI degli eventuali investimenti e del tempo per raggiungere gli obiettivi • Modellizzazione del Network • Modellizzazione della domanda passata • Recepimento del livello di servizio conseguito o sua misurazione su base statistica • Stima dei principali parametri di costo • Calcolo delle curve ottimali “stock-to- service” • Calcolo del mix ottimale delle socrte • Definizione delle politiche di gestione scorte più adeguate • Analisi di sensitività dei risultati, in funzione dei principali parametri logistici • “Gap analysis” della situazione attuale vs. scenari ipotizzati • Analisi del transitorio (tempo necessario affinché il sistema vada a regime) • Analisi di network distributivi alternativi a quello attuale (numero e ruolo dei magazzini) • Calcolo del ROI di eventuali iniziative 4 - 6 settimane Misurazione delle prestaizoni attuali 1 2 3 La parte quantitativa dell’Assessment si sviluppa in tre fasi, normalmente percorse in tempi brevi, anche in funzione della complessità del problema e del sistema distributivo. ASSESSMENT DEL SISTEMA DI DEMAND PLANNING (Analisi quantitativa: gli step principali)
  • 30. 30 Service Level measurement (*)Demand modellingNetwork modelling • Analisi del comportamento statistico della domanda, a vari livelli di aggregazione (item, gruppo, famiglia di prodotti etc.) • Calcolo automatico delle componenti di trend e stagionalità secondo diversi intervalli di aggregazione temporali (giorno, settimana, mese) •Measurement of actual service level for each item in each warehouse •Service level calculation by warehouse and by product family • Definizione dei magazzini che appartengono al network distributivo in analisi • Definizione del ruolo e delle gerarchie dei magazzini (tipizzazione dei flussi distributivi, per magazzino e item, definizione delle aree di pertinenza) (*) Nel caso in cui l’azienda non disponga di dati relativi al livello di servizio ottenuto, è possibile effettuarne una stima a posteriori per mezzo del cosiddetto LPSTM (Logistic Performance Simulator), uno strumento statistico che consente appunto il calcolo del livello di servizio sulla base dei pattern di comportamento della domanda e dei livelli di scorta passati Step 1: stima del livello di servizio attualmente erogato, sulla base della domanda storica (opportunamente profilata statisticamente) e della configurazione del network distributivo ASSESSMENT DEL SISTEMA DI DEMAND PLANNING (Analisi quantitativa: gli step principali)
  • 31. 31 ASSESSMENT DEL SISTEMA DI DEMAND PLANNING (Step 1: la modellizzazione della domanda)
  • 32. 32 ASSESSMENT DEL SISTEMA DI DEMAND PLANNING (Step 1: simulazione livello di servizio con LPS)
  • 33. 3333 Stock-To-Service analysisInventory optimization • Calcolo delle curve ottimali “stock- to-service” per ogni combinazione articolo-magazzino • Calcolo del mix ottimale delle scorte, per erogare l’attuale livello di servizio • Definizione della migliore soluzione per bilanciare scorte e livello di servizio • Analisi di sensitività scorte vs. livello di servizio • Analisi di sensitività sui costi delle scorte, in funzione dei principali parametri logistici (lead time, dimensione del lotto di acquisto, intervallo di riordino etc.) Step 2: calcolo delle scorte ottimali necessarie per erogare l’attuale livello di servizio e simulazione di scenari alternativi, per determinare il migliore compromesso tra costi correlati agli stock e livello di servizio. ASSESSMENT DEL SISTEMA DI DEMAND PLANNING (Analisi quantitativa: gli step principali)
  • 34. 34 Analisi di scenari e ROIAnalisi del transitorio • Quantificazione dei miglioramenti ottenibili passando dalla situazione attuale a quella definita dagli scenari alternativi • Evidenziazione delle “scorte morte” e degli overstock • Calcolo preliminare dei piani di rifornimento – cadenzati nel futuro – necessari a raggiungere lo stato stazionario che definisce la soluzione di riferimento e stima della durata del transitorio • Verifica dell’impatto di possibili alternative nella configurazione e/o logica di gestione del network distributivo sulle scorte complessive (ad es. chiusura di un magazzino, servire una certa zona da un magazzino diverso da quello attuale etc.) • Calcolo del ritorno (ROI) dell’investimento necessario per gli interventi proposti (es. investimento in un tool software, oppure riorganizzazione del network etc.) Step 3: analisi del periodo transitorio necessario a raggiungere la situazione prestazionale obiettivo e analisi what-if di differenti altenative per la distribuzione ASSESSMENT DEL SISTEMA DI DEMAND PLANNING (Analisi quantitativa: gli step principali)
  • 35. 35 Tempistica di correzione del mix 0 Situazione attuale Scenario obiettivo 3 Livello di servizio 100% 1 2 Remix Consumo dell’over-stock Impossibile! ? Questa analisi consente di valutare il periodo di tempo necessario a raggiungere lo scenario obiettivo, eliminando le scorte in eccesso e rimpinguando invece le scorte di alcuni prodotti generatori di disservizio. ASSESSMENT DEL SISTEMA DI DEMAND PLANNING (Step 3: analisi del transitorio)
  • 36. 36 Tempo Valoredellescorte Livello delle scorte attuale Andamento delle scorte nel tempo ASSESSMENT DEL SISTEMA DI DEMAND PLANNING (Step 3: analisi del transitorio)
  • 37. 37 Analisi What-if – Esempio 1 L’analisi “what-if” consente di confrontare scenari caratterizzati da soluzioni alternative per il network distributivo, interpretando così le relazioni effettive tra scorte e livello di servizio. Chiusura di un deposito periferico e riallocazione della sua domanda ad un altro deposito periferico Chiusura di tutti i depositi periferici e riallocazione delle loro domanda direttamente sul deposito centrale Area 2Area 1 Area 2Area 1Area 2Area 1 Area 2Area 1 ASSESSMENT DEL SISTEMA DI DEMAND PLANNING (Step 3: analisi “what-if”) Analisi What-if – Esempio 2
  • 38. 38 Return On Investment (ROI) Pay-Back -600 -400 -200 0 200 400 600 800 1000 1200 1400 1600 Tempo Riduzione scorte Incremento venditeROI Flussidi cassa(€) Costi del progetto ASSESSMENT DEL SISTEMA DI DEMAND PLANNING (Step 3: stima del ROI)
  • 39. 39 Dati storici Parametri gestione scorteAnagrafica articoli  Codice articolo  Descrizione  Famiglia prodotto  Costo unitario  Volume unitario  Codice articolo  Anno, mese, giorno  Area di vendita  Cliente  Quantità Si tratta tipicamente di dati transazionali facilmente reperibili  Codice articolo  Magazzino  Magazzino di provenienza  Lead-time di rifornimento  Lotto minimo  Livelli di scorta (attuale, “fotografie” del passato) ASSESSMENT DEL SISTEMA DI DEMAND PLANNING (Analisi quantitativa: i dati necessari)
  • 40. 40 ALCUNE REFERENZE SIMCO Magazzini complessi Magazzini ad alto contenuto di automazione Torino - Ristrutturazione del magazzino centrale ricambi mondo (circa 180.000 mq.) connotato da elevati standard tecnologici: sono stati installati anche due magazzini automatici con trasloelevatori: uno per prodotti pesanti in cassoni e l’altro per cassette Odette (50.000 in stock) e sistema di picking ad alte prestazioni. L’intervento, che ha provveduto anche ad un radicale trasformazione dei processi, ha dovuto tener conto di una spiccata eterogeneità dei prodotti immagazzinati che vanno dalle minuterie di meccanica e carrozzeria alle cabine dei camion. Formazione del personale. Rosia (SI) - Master Plan del sistema di magazzini (Prodotti Finiti, Materiali di Confezionamento) dello stabilimento dedicato alla produzione di vaccini. La soluzione prevede due magazzini automatici per circa 15.000 posti pallet e sistemi di collegamento con i reparti con navette monorotaia e carrelli automatici LGV. L’intervento è stato eseguito in due step temporali e in tutte e due le fasi, vista la complessità del progetto, si è realizzata una simulazione dinamica. Verona - Realizzazione del nuovo magazzino ricambi Italia per tutti i marchi del Gruppo (circa 55.000 mq.coperti con raccordo ferroviario); connotato da elevati standard tecnologici: due magazzini automatici, uno per carichi in cassoni (h = 27 mt.) ed uno per minuterie (h = 14 mt.). Sono altresì presenti anche altri magazzini tradizionali, tra i quali: prodotti preziosi, vernici, stampati, fuori standard, etc. Successivamente alla realizzazione e alla messa in esercizio ci sono state commissionate attività di consulenza finalizzate al potenziamento e al miglioramento continuo. Mantova - Realizzazione del nuovo Centro di Distribuzione (circa 35.000 mq.) attrezzato con tecnologie di avanguardia per la preparazione degli ordini: pick to belt, pick to light, voice picking, sorter ad alta cadenza (circa 20.000 pezzi smistati/ora), formatrici automatiche di cartoni, fine linea di spedizione automatico, robot antropomorfi per la composizione di pallet di spedizione. Si è altresì provveduto alla redazione del manuale delle procedure e alla formazione del personale operativo.
  • 41. 41 ALCUNE REFERENZE SIMCO Magazzini complessi Magazzini ad alto contenuto di automazioe Benevento - Master Plan dello stabilimento (portato a compimento per fasi) e progetto per la realizzazione di un nuovo magazzino automatico autoportante (h oltre 30 mt. con la capacità di circa 40.000 pallet) servito da quattro trasloelevatori in doppia profondità per prodotti finiti, alimentazione diretta dai pallettizzatori e funzionamento a ciclo continuo (3 turni per 7 giorni). Per questo Cliente ha sviluppato anche altri interventi nell’area dei trasporti, dell’analisi dei processi e dell’organizzazione di ribalta. Nogara (VR) - Master Plan e Progetto per il nuovo magazzino Prodotti Finiti (ca. 46.000 mq) annesso al principale polo produttivo italiano. Lo scopo del lavoro ha comportato anche l’ottimizzazione dei fine linea di imbottigliamento / confezionamento (simulazione dinamica), la razionalizzazione del layout e dei processi di stoccaggio delle materie prime, la valutazione del ritorno dell’investimento di soluzioni automatiche (è stato realizzato un magazzino in doppia profondità per i prodotti slow moving) e la pianificazione della realizzazione del magazzino. Pavia - Per questa importante azienda del settore farmaceutico, sono stati effettuati diversi studi nel corso dei 30 anni della vita di Simco. Il più recente ha visto Simco affrontare insieme a MSD un completo percorso progettuale, che ha abbracciato un periodo di circa due anni: si è partiti da un audit sulle criticità dei sistemi di handling e stoccaggio di stabilimento, per arrivare alla gestione completa da parte Simco di un articolato progetto di revamping del magazzino automatico e delle sue “testate”. Precedentemente era stato sviluppato un progetto, poi realizzato, di ampliamento dei magazzini e di alimentazione delle linee di confezionamento con carrelli automatici LGV. Settimo Torinese (TO) - Studio di fattibilità, progetto di dettaglio, assistenza all’acquisto e alla realizzazione del nuovo magazzino automatico destinato allo stoccaggio di materie prime, prodotti semilavorati e materiale di confezionamento. Il magazzino (3.700 vani distribuiti su 6 corridoi lunghi 70 metri) è alto 12,5 metri e servito da trasloelevatori in doppia profondità per la movimentazione di unità pallettizzate. La testata di convogliamento unisce il magazzino con la zona di pesatura delle materie prime – integrata con l’impianto servita da una navetta di distribuzione – e con le postazioni di interfaccia col sistema LGV esistente per il collegamento con i reparti produttivi.
  • 42. 42 ALCUNE REFERENZE SIMCO Magazzini complessi Magazzini ad alto contenuto di automazione Ghemme (NO) - Realizzazione del nuovo magazzino centrale di distribuzione degli aceti e conserve costituito da un magazzino automatico realizzato con trasloelevatori in multi profondità (shuttle) collegato con una navetta automatica con la produzione delle conserve e tramite un sistema di s/carico automatico dei camion con lo stabilimento aceti distante pochi chilometri dal magazzino. Realizzazione di una zona picking tradizionale con WMS e terminali RF. Carmagnola (TO) - Realizzazione del nuovo magazzino After Sales articolato su trasloelevatori automatici sia per la movimentazione di unità pallettizzate sia per il deposito e prelievo di colli sciolti finalizzato alla realizzazione di un sistema di picking automatico. Il magazzino alto circa 22 metri è stato realizzato con scaffalature autoportanti. Monvalle (VA) - Realizzazione del nuovo Magazzino Generale di distribuzione (prodotti finiti sciolti, materiali di confezionamento, prodotti finiti confezionati) e del palazzo uffici. Il magazzino è strutturato anche con soluzioni ad alto contenuto tecnologico, in particolare rileviamo un magazzino automatico con trasloelevatori per pallet (4 corsie autoportanti h 27 mt) e un magazzino miniload ( 2 corsie h 12 mt con canali a gravità) collegato automaticamente con le postazioni di confezionamento e destinato al picking ( pick & pack). E’ altresì presente, per i prodotti confezionati in colli misti, un fine linea automatico di spedizione. Settimo Milanese (MI) - Riorganizzazione del magazzino di distribuzione Italia realizzato con sistemi automatici nel ricevimento e pallettizzazione dei prodotti provenienti dalle fabbriche (proboscide di scarico e convogliamento a 3 robot cartesiani per 48 stazioni di pallettizzazione ed evacuazione automatica dei pallet formati) e nella preparazione degli ordini: scaffalature a gravità per pallet e per colli asservite da un sistema di convogliamento con decision point (pick to tote) e sistema di guida dei pickers con loock & pick; fine linea automatizzato sino al caricamento dei semirimorchi.
  • 43. 43 ALCUNE REFERENZE SIMCO Magazzini complessi Magazzini ad alto contenuto di automazione Collegno (TO) - Master Plan dello stabilimento e realizzazione di due magazzini automatici. Per il magazzino componenti, semilavorati e prodotti finiti confezionati si è proceduto con la revisione delle unità di carico e con l’installazione di trasloelevatori con forche a movimentazione differenziata per la movimentazione di contenitori di diverse dimensioni (uno il doppio dell’altro). Per il magazzino materie prime (pallet di granulato) si è installato un impianto, a pianta trapezoidale, con trasloevleatori che alimentano canali a gravità in contropendenza. Lissone (MI) - Realizzazione del magazzino centrale di distribuzione di materiale elettrico ai clienti e alle filiali. Il magazzino è costituito da diverse sezioni in relazione alla natura dei prodotti e alla loro velocità di movimentazione. Oltre ai magazzini carichi lunghi (con scaffali cantilever e carrello a 4 vie) e minuterie e pallet (con scaffalature a pianetti e P/P e commissionatori con cabina elevabile) sono stati realizzati 2 magazzini automatici: uno per la minuteria articolato su 8 caroselli orizzontali e testata di movimentazione con sistema put to light e un altro per bobine di cavo con trasloelevatore automatico sterzante e alimentazione automatica delle macchine di taglio e avvolgitura cavo. Gerenzano (VA) - Master Plan dello stabilimento, layout dei reparti di produzione e progetto di un magazzino automatico per componeneti, servito da trasloelevatori a triplo attrezzo di presa, per la movimentazione di cassette standard per asservimento delle linee di montaggio. Novedrate (CO) – progettazione e realizzazione di due magazzini automatici con trasloelevatori: uno per i prodotti semilavorati (movimentazione di quaterne di contenitori con movimentazione indipendente delle coppie) e uno per i prodotti finiti; in quest’ultimo caso, il magazzino è stato realizzato con scaffalature autoportanti, e in testata è stata installata una stazione di picking automatica basata sull’impiego di robot ad assi cartesiani.
  • 44. 44 ALCUNE REFERENZE SIMCO Magazzini complessi Magazzini ad alto contenuto di automazione Trezzano S.N. (MI) - Realizzazione di un magazzino automatico con trasloelevatori per bobine di prodotti semilavorati con scaffalature in grado di garantire la multi profondità, in contropendenza, servite, da carrelli dinamici. Ala (BZ) - Nuovo magazzino di distribuzione di articoli sportivi realizzato impiegando un magazzino automatico con traslelevatori miniload in doppia profondità per cassette standard (600x400 mm.) e sistemi tradizionali per i prodotti voluminosi pallettizzati. La zona di imballaggio dei colli misti è assistita da una linea automatica di convogliamento, reggiatura, etichettatura ed accumulo. Torino - Nuovo centro di distribuzione di articoli tecnici articolato in varie zone in relazione alla natura e alla quantità delle merci gestite. Il magazzino minuterie è stato realizzato impiegando trasloelevatori automatici miniload ad alta cadenza . Lucca - Realizzazione di un nuovo magazzino automatico con trasloelevatori in doppia profondità per la movimentazione pallet di prodotti finiti inscatolati; in testata è stata realizzata una stazione di picking automatico attrezzata con un robot antropomorfo. Passirano (BS) - Realizzazione di due magazzini automatici interoperazionali per la movimentazione di prodotti pallettizzati inseriti nel processo di lavorazione della gomme-metallo.
  • 45. 45 ALCUNE REFERENZE SIMCO Magazzini complessi Magazzini ad alto contenuto di automazione  DISTRIBUZIONE FARMACEUTICA ( Italia – varie località) 50 centri di distribuzione per circa 35 clienti diversi caratterizzati da flussi molto intensi in uscita (da 10.000 a 50.000 righe giorno), concentrati in poche ore della giornata e distribuiti su un gran numero di referenze. La maggior parte dei progetti comprende Studio di Fattibilità e, successivamente, tutte le attività connesse con la realizzazione di magazzini ad alta automazione nella messa a dimora, nel picking (allestitori automatici A frame, convogliamenti con decision point), nel fine linea di spedizione (siatemi automatici di chiusura, sigillatura ed etichettatura casse di spedizione, sorting automatico sulle diverse baie di uscita). Bologna - Master Plan e Studio di fattibilità per la realizzazione di un nuovo magazzino automatico, per grezzi di fusione e componenti, a grande altezza con scaffalature autoportanti e trasloelevatori automatici. Bologna - Progettazione e assistenza agli appalti di un magazzino automatico multi profondità (con satellite) per prodotti finiti. Molvena (TV) – Per questa azienda si è progettato e curata la realizzazione del magazzino prodotti finiti per l’estero (situato a Breganze) e, a Molvena, del magazzino materie prime (pezze di denim, tessuto e pelle) ed accessori; quest’ultimo è stato realizzato con tre caroselli orizzontali automatici e piattaforma di sollevamento in testata.
  • 46. 46 ANNO NAZIONE LOCALITA' TIPO DI PROGETTO 2003 ITALIA NOGARA Master plan 2004 ITALIA NOGARA Warehouse layout optimization 2004 ITALIA NOGARA Assistance to the realization of warehouse re-layout 2004 ITALIA GAGLIANICO Warehouse layout optimization 2004 ITALIA NOGARA Raw materials warehouse + automated connection systems to Production 2005 ITALIA NOGARA Feasibility report for automated warehouse 2005 ITALIA NOGARA Optimization of end-of-line buffers vs fork-lift trucks (dynamic simulation) 2005 ITALIA BUCCINASCO Feasibility study to assess sustainability of "Go-to-market" project as far as picking is concerned 2006 ITALIA HQ Parametric model for design of warehouse layout and handling resources 2006 ITALIA HQ Training class about warehousing issues 2007 GRECIA SCHIMATARI Master plan 2007 BULGARIA KOSTINBROD Maser plan + Warehouse layout optimization 2008 BULGARIA KOSTINBROD Mapping of Warehouse processes (flow charts) 2008 GRECIA AIGIO Feasibility report for finished products warehouse 2008 CROATIA ZAGREB Feasibility report for finished products warehouse 2009 CROATIA CROATIA Optimization of distribution network (using advanced simulation tools) 2009 ITALIA MARCIANISE Feasibility report for finished products warehouse 2009 ITALIA MARCIANISE Master plan 2010 CROAZIA ZAGREB T&M study for picking activities (making recourse to advanced specialistic software tools) 2010 ITALIA CAGLIARI Warehouse layout optimization 2011 ITALIA ORICOLA Warehouse layout optimization (on-going) 2012 AUSTRIA EDELSTAL Feasibility report for finished products warehouse ALCUNE REFERENZE SIMCO Nel 2007, attraverso uno stretto processo di selezione, Simco è diventata partner ufficiale di CCHBC per la consulenza circa il magazzino, la distribuzione e i sistemi di implementazione. Da allora Simco è stata coinvolta in numerosi progetti di logistica internazionali per la CCHB. Magazzini complessi Magazzini ad alto contenuto di automazione Ospedaletto L. (LO) - Realizzazione prima del magazzino centralizzato (con la Legrand ) di Zibido San Giacomo e successivamente realizzazione del nuovo magazzino prodotti finiti, di Ospedaletto, costituiti da merci pallettizzate, prodotti in cassette, carichi lunghi (armadi, carpenterie, etc.). Redazione delle procedure particolareggiate di magazzino e formazione del personale. Primo magazzino in Italia ad impiegare il software Catalist. Milano - Per questo cliente Simco è stata qualificata come Consulente logistico a livello europeo; in sintesi sono stati realizzati i seguenti progetti (Europa : varie località):
  • 47. 47 ALCUNE REFERENZE SIMCO Magazzini complessi Magazzini ad alto contenuto di automazione Firenze - Studio della riorganizzazione dei Centri di Distribuzione della Regione Toscana (Sesto Fiorentino, Pontedera, Castiglion del Lago, Perugia) con valutazione della opportunità degli interventi di potenziamento (o chiusura) e verifica della corretta allocazione geografica. Oderzo (TV) – Nuova realizzazione di un magazzino di distribuzione di circa 40.000 mq. (si sono accentrati i tre precedenti magazzini di proprietà ubicati nel bacino trevigiano). L‘impianto, che distribuisce sia alle Filiali all'estero che, direttamente, ai Clienti regionali, è caratterizzato da un'organizzazione del lavoro del tipo "uomo alla merce" assistita da un software WMS customizzato per prelievi di minuteria da cassette e da scaffalature a ripiani continui, da pallet in scaffale e da prodotti voluminosi a terra, soggetti a forte stagionalità. Simco ha sviluppato lo Studio di fattibilità, il progetto esecutivo, il management della realizzazione i collaudi hardware e software, la gestione del trasloco e la messa in esercizio. Si è altresì effettuato uno studio sulla razionalizzazione dei trasporti. Ala (TN) - Ristrutturazione e ampliamento del magazzino esistente. Simco ha sviluppato il Master Plan dell'insediamento esistente focalizzando i temi della funzionalità del magazzino in relazione agli ampiamenti previsti e realizzando uno Studio di fattibilità, soprattutto per la verifica dei flussi di movimentazione interna delle merci e per verificare la correttezza delle tecniche logistiche che Subaru intendeva adottare per attuare gli ampliamenti . Padova - Magazzino per prodotti semilavorati e prodotti finiti organizzato con una sezione attrezzata con scaffalature P/P a grande altezza servite da carrelli retrattili e con un’altra sezione, per prodotti finiti da reimballare in colli misti per la spedizione ai clienti, costituita da scaffalature a gravità per colli, cassette e pallet e da scaffalature a pianetti asservite da una linea di scorrimento dei colli da preparare (tecnica pick e pack per batch di ordini) che permette di ottenere un prelievo ad lata produttività ed accuratezza; tale sistema confluisce in un fine linea meccanizzato di chiusura , etichettatura e smistamento.
  • 48. 48 ALCUNE REFERENZE SIMCO Magazzini complessi Magazzini ad alto contenuto di automazione Pofi (FR) – Dopo qualche anno che si ere proceduto alla razionalizzazione del magazzino di Ceprano si è proceduto alla realizzazione del nuovo magazzino di distribuzione; i prodotti sono materiali tecnici estremamente diversificati per caratteristiche fisiche e gestionali: minuterie, prodotti pallettizzati, prodotti con dimensioni fuori standard. Si è proceduto alla ridefinizione delle UdC, organizzazione del magazzino in zone, attivazione di WMS con RF e di linee meccanizzate di trasporto per prodotti in ingresso ed uscita. Codogno (LO) – Riorganizzazione del magazzino centrale materiali alla luce della necessità di aumentare l’efficienza e di dedicare delle aree di stoccaggio (al fine di realizzare sinergie di Gruppo) ad Italgas. Il magazzino si articola sia su aree coperte sia su estese superfici all’aperto per materiali voluminosi (tubi, valvole, carpenterie, etc.). Si sono individuate nuove modalità delle sequenze di prelievo finalizzate alla razionalizzazione dei trasporti e si è provveduto ad individuare un gruppo di materiali che per le loro caratteristiche (costo, lead time di approvvigionamento, strategicità, etc.) possono essere gestite direttamente by passando il magazzino centrale. Arona (VB) – Riorganizzazione del magazzino centrale prodotti finiti: si articola su due sezioni destinate rispettivamente allo stoccaggio delle scorte e alla preparazione degli ordini cliente. La prima zona si sviluppa con scaffalature porta pallet servite da carrelli trilaterali cosi da ottenere un ottimo rendimento volumetrico, la seconda zona prevede soluzioni differenziate di stoccaggio/prelievo in relazione all’intensità dei flussi: ad esempio per i fast mover è stata prevista una scaffalature per pallet a gravità con scorte ai piani superiori rispetto a quello del picking in contropendenza. Il magazzino è gestito da un avanzato WMS con terminali RF. Cina – Studio di Fattibilità del Nuovo Centro di Distribuzione Prodotti Finiti (circa 30.000 mq)
  • 49. 49 Verona - Magazzino di distribuzione per prodotti odontoiatrici e odontotecnici realizzato articolandolo in zone operative funzionali alla tipologia e alla quantità delle merci immagazzinate: zona porta pallet e zona con linea convogliamento meccanizzata per ordini da preparare secondo la tecnica pick e pack. Binasco MI - Ristrutturazione del magazzino di Casarile e successivamente progetto del nuovo Centro di Distribuzione articolato su scaffalature Porta Pallet e sistemi a gravità per colli finalizzato all’ottimizzazione dei percorsi nelle attività di picking. WMS con terminali RF e fine linea di imballaggio, chiusura, etichettatura e smistamento colli ad elevato contenuto di automazione. Grandate (CO) - Magazzino multicliente per l’immagazzinamento delle balle (pallettizzate) di seta grezza realizzato con scaffalature compattabili servite da carrello trilaterale. ALCUNE REFERENZE SIMCO Cesano Maderno (MB) – Riorganizzazione del magazzino prodotti finiti e semilavorati. L’intervento ha previsto l’impiego di carrelli trilaterali a grande altezza nella zona dei prodotti finiti, di carrelli retrattili nelle rimanenti zone e l’introduzione del WMS. Realizzazione del nuovo magazzino prodotti infiammabili.
  • 50. 50 Simco è intervenuta per conto di Clienti con base in Italia ed all’estero, quindi con qualificazione a livello internazionale, in alcuni specifici progetti che brevemente elenchiamo: SIMCO : PROGETTI INTERNAZIONALI Dopo aver sviluppato attività in Italia altre Country (indipendenti nella scelta dei consulenti) hanno impiegato Simco per progetti di Magazzino e Network, e precisamente:  Bulgaria (2 interventi)  Croazia (3 interventi)  Grecia (2 interventi)  Austria. Riorganizzazione del magazzino nella Repubblica Ceca. Progetto del nuovo magazzino di distribuzione di La Valletta (Malta).
  • 51. 51 SIMCO : PROGETTI INTERNAZIONALI Polonia - Verifica delle offerte dei Fornitori di tecnologie per un magazzino automatico di stabilimento, per l'accumulo e la distribuzione del Prodotto Finito. Nuova progettazione di una soluzione di riferimento, ossia di un magazzino automatico autoportante ad alta intensità di stoccaggio (circa 50.000 posti UdC), dotato di un sistema di convogliamento dalle Linee di Produzione al Magazzino stesso (monorotaia) e da quest'ultimo alla zona di Spedizione, adatto a supportare altissime intensità di movimentazione (> 300 UdC/h IN ed altrettante OUT). Realizzazione di un piano di formazione in inglese da erogare a tutte le filiali europee sulla gestione delle scorte con attinenza alle nuove operatività dello ERP Oracle. Dopo aver effettuato una consulenza per Tempur -Italia- è stato effettuato uno studio per l’ottimizzazione del network distributivo europeo. Cina – Studio di Fattibilità del Nuovo Centro di Distribuzione Prodotti Finiti (circa 30.000 mq) Europa – Piano di Formazione in lingua Inglese da erogare a tutte le filiali del mondo relativo alla Previsione e Pianificazione del nuovo Modulo SAP APO.
  • 52. 52 ALCUNE REFERENZE SIMCO Altre referenze per audit delle scorte, assessment dei sistemi di pianificazione della domanda etc.

Related Documents