Certificazioni e
documentazione
Pre export e concetto di filiera
E’ fatto divieto:
•Certificare fatti non di diretta conoscenza
•Non preventivamente verificati o che non sia possibile
ver...
I certificati sanitari per l’esportazione hanno la seguente base regolamentare:
•Regolamento CE 178/2002
•Regolamento CE 8...
Le condizioni per certificare:
•Certificare SOLO fatti di diretta conoscenza
•Certificare SOLO fatti preventivamente verif...
Vi possono essere delle sinergie nel
rilascio delle certificazioni?
Si, quando la certificazione viene redatta sulla base ...
Le attestazioni sulla cui base il Vet.uff
può a sua volta redigere un certificato….
Devono essere rese in modo tale da pre...
Il Vet. Uff. non deve richiedere
attestazioni inerenti
• fatti per i quali è possibile acquisire le
necessarie informazion...
Le attestazioni di accompagnamento degli animali vivi o dei prodotti,
necessarie per la certificazione, devono essere a lo...
Il veterinario presso l’allevamento/produzione se in
possesso di tutte le informazioni pertinenti non può
rifiutarsi di ri...
Nel caso in cui le attestazioni sanitarie contenute
nel certificato facciano riferimento a requisiti delle
materie prime i...
Deve essere garantita una chiara identificazione della
partita in spedizione in modo che sia inequivocabile
la correlazion...
Tutta la documentazione necessaria alla
certificazione deve essere in possesso del
veterinario certificatore prima del ril...
Quando è necessario acquisire una
attestazione “pre-export”?
• Se esiste l’obbligo di filiera (dei
prodotti e/o impianti) ...
certificati pre export
1) Per le esportazioni nei paesi della Federazione russa (Russia, Bielorussia e
Kazachistan) sono p...
Modello di Supply Chain
Impianti di
trasformazione
Impianti di
stoccaggio
Trasporto Retailers
Fornitori Distributori
Piani...
Le Attestazioni Sanitarie Integrative (ASI)
Si tratta di attestazioni volontarie finalizzate alla compilazione dei
certifi...
ASI per suini vivi e carni
Parte generale
Parte speciale
Parte generale
Parte speciale
ASI per latte destinato alla trasformazione ai fini export
Parte generale
“Provengono da una zona non soggetta a misure di protezione o
sorveglianza a causa di malattie della specie interessata ap...
Parte speciale
I trattamenti con prostaglandine impiegate per la sincronizzazione dei calori o per altre pratiche di
lotta...
Chi richiede il rispetto della filiera (carne) degli
impianti (per legislazioni non equivalenti)
• Federazione russa
• Cin...
Prexport e filiera slide
of 25

Prexport e filiera slide

si affronta il problema delle certificazioni che consentono al controllo ufficiale di certificare, prexport ed attestazioni sanitarie integrative
Published on: Mar 4, 2016
Published in: Food      
Source: www.slideshare.net


Transcripts - Prexport e filiera slide

  • 1. Certificazioni e documentazione Pre export e concetto di filiera
  • 2. E’ fatto divieto: •Certificare fatti non di diretta conoscenza •Non preventivamente verificati o che non sia possibile verificare MinSan d. 03/2000,art.3,lett.A
  • 3. I certificati sanitari per l’esportazione hanno la seguente base regolamentare: •Regolamento CE 178/2002 •Regolamento CE 882/2004 •Direttiva CE 96/93 (adottata con decreto ministero sanità 19.6.2000, n. 303) •Circolare ministeriale •Codex alimentarius “ guidelines for design, production, issuance and use of generic official certificates, del 2001 rev 2009 – cac/gl 2001 “ •OIE: Code sanitaire pour les animaux terrestres – procedure de certification (cap.1.2.2) • OIE: Code sanitaire pour les animaux aquatiques – procedure de certification (cap.1.3.2)
  • 4. Le condizioni per certificare: •Certificare SOLO fatti di diretta conoscenza •Certificare SOLO fatti preventivamente verificati •Certificare SOLO fatti che sia possibile verificare •Certificare SOLO animali o prodotti sottoposti a preventiva ispezione ovvero sotto controllo veterinario
  • 5. Vi possono essere delle sinergie nel rilascio delle certificazioni? Si, quando la certificazione viene redatta sulla base di un altro documento in possesso del certificatore prima del rilascio della certificazione stessa. E’ ammessa una deroga alle condizioni di cui alla slide precedente quando i dati sono desumibili nell’ambito dei programmi di sorveglianza ufficialmente riconosciuti o attraverso un sistema di sorveglianza epidemiologica o, ancora, i dati sono attestati da un veterinario liberi professionista autorizzato che opera comunque sotto il controllo del veterinario ufficiale e che quest’ultimo possa verificarli.
  • 6. Le attestazioni sulla cui base il Vet.uff può a sua volta redigere un certificato…. Devono essere rese in modo tale da premettere al veterinario certificatore di attestare senza ombra di dubbio la sussistenza di tutte le condizioni necessarie per la sottoscrizione del certificato. Oltre alle attestazioni generiche di conformità ai requisiti stabiliti nell’ambito degli accordi con il Paese terzo, il Veterinario Ufficiale potrebbe pertanto dover acquisire da parte di precedenti anelli della filiera anche le informazioni circa le modalità adottate al fine di assicurare il rispetto dei requisiti comprese, se del caso, gli esiti dei pertinenti controlli ufficiali effettuati (es. attestazioni circa l’esecuzione del piano dei campionamenti previsti dalla normativa della Fed Russa).
  • 7. Il Vet. Uff. non deve richiedere attestazioni inerenti • fatti per i quali è possibile acquisire le necessarie informazioni da canali istituzionali ai quali il Veterinario certificatore può accedere autonomamente (per es. siti web OIE, UE, Ministero, OEVR) • requisiti già previsti da normative comunitarie il cui rispetto è deducibile dalla presenza del bollo sanitario o del marchio di identificazione • ricavabili dai disciplinari dei prodotti DOP o IGP o sulla base delle garanzie offerte da altri sistemi di garanzia della qualità Reg. (CE) n. n. 1760 e 1825/00 in materia di etichettatura carni bovine/anagrafe bovina)
  • 8. Le attestazioni di accompagnamento degli animali vivi o dei prodotti, necessarie per la certificazione, devono essere a loro volta sottoscritte da un Operatore del Controllo Ufficiale presso l’allevamento o la stabilimento di produzione anche se provenienti da Stati Membri, nel rispetto del principio generale della gerarchia delle fonti, pertanto tali attestazioni non possono essere rilasciate dai legali rappresentanti degli animali/prodotti o altre figure professionali di grado gerarchico inferiore al certificante.
  • 9. Il veterinario presso l’allevamento/produzione se in possesso di tutte le informazioni pertinenti non può rifiutarsi di rilasciare le informazioni richieste
  • 10. Nel caso in cui le attestazioni sanitarie contenute nel certificato facciano riferimento a requisiti delle materie prime introdotte nello stabilimento – certificazione di prodotto - (animali o prodotti) deve essere garantita la rintracciabilità interna, ovvero il collegamento delle partite in ingresso con le partite in spedizione.
  • 11. Deve essere garantita una chiara identificazione della partita in spedizione in modo che sia inequivocabile la correlazione tra partita e certificato.
  • 12. Tutta la documentazione necessaria alla certificazione deve essere in possesso del veterinario certificatore prima del rilascio del certificato e deve essere archiviata e tenuta agli atti.
  • 13. Quando è necessario acquisire una attestazione “pre-export”? • Se esiste l’obbligo di filiera (dei prodotti e/o impianti) – cert. Pre export per Fed. Russa su provenienze EXTRA EU • Se i requisiti da sottoscrivere NON sono accertabili sulla base delle conoscenze del veterinario certificatore
  • 14. certificati pre export 1) Per le esportazioni nei paesi della Federazione russa (Russia, Bielorussia e Kazachistan) sono previsti i certificati pre export negoziati in carta filigranata, stampata dalla zecca dello Stato, per carni e prodotti finiti (a base di latte ) scambiati con stabilimenti di altri paesi CE. 2) Attestazione integrative per suini vivi destinati al macello ai fini dell’esportazione 3) Attestazione integrativa per le carni suine destinate a stabilimenti di trasformazione per l’esportazione 4) Attestazione sanitaria per il latte dall’allevamento alla trasformazione per l’esportazione
  • 15. Modello di Supply Chain Impianti di trasformazione Impianti di stoccaggio Trasporto Retailers Fornitori Distributori Pianificazione della produzione e controllo del magazzino Distribuzione e Logistica Mod. da “Corso di Economia delle Supply Chain Sostenibili” d- Donati, univ. Pr http://economia.unipr.it/DOCENTI/DONATI/docs/files/SC2.ppt ASI Pre export
  • 16. Le Attestazioni Sanitarie Integrative (ASI) Si tratta di attestazioni volontarie finalizzate alla compilazione dei certificati per l’esportazione verso Paesi terzi di carni e prodotti di trasformazione, ma anche di latte e prodotti lattiero caseari. Con queste attestazioni il Ministero ha inteso risolvere il problema delle difficoltà di certificazione da parte del veterinario ufficiale che sigla il documento finale di accompagnamento verso i Paesi terzi per prodotti finali ottenuti anche un anno prima da latte o carni o animali spesso originari da territori o Stati diversi da quello della propria ASL. Alcune garanzie sanitarie richieste, infatti, nel certificato finale per l’export possono essere sottoscritte solo se attestate su altro documento ufficiale. Non è tuttavia necessaria se il certificato finale che scorterà i prodotti non richiede le garanzie sanitarie contenute nell’attestazione. Ciò vale anche solo parzialmente ovvero se il certificato finale richiede solo alcune garanzie riportate nell’attestazione, le altre non dovranno essere fornite.
  • 17. ASI per suini vivi e carni Parte generale
  • 18. Parte speciale
  • 19. Parte generale
  • 20. Parte speciale
  • 21. ASI per latte destinato alla trasformazione ai fini export Parte generale
  • 22. “Provengono da una zona non soggetta a misure di protezione o sorveglianza a causa di malattie della specie interessata appartenenti alla ex‐lista A dell’O.I.E” questa voce deve essere soddisfatta solo se il certificato che scorterà il latte o i prodotti di latte la prevede specificatamente; al momento ciò si verifica solo per il certificato relativo all’Argentina; per malattie della specie interessata appartenenti alla ex‐lista A dell’O.I.E, devono intendersi. ovviamente, solo quelle che si possono trasmettere con il latte; il termine di “zona”, può essere interpretato come zona di restrizione: protezione e sorveglianza.
  • 23. Parte speciale I trattamenti con prostaglandine impiegate per la sincronizzazione dei calori o per altre pratiche di lotta all'infertilità o con ossitocina per facilitare la mungitura in particolari soggetti non sono da considerarsi come trattamenti ormonali ai sensi della dichiarazione da rendersi ai fini dell'esportazione sempre che siano stati rispettati i tempi di sospensione previsti dalla farmacopea.
  • 24. Chi richiede il rispetto della filiera (carne) degli impianti (per legislazioni non equivalenti) • Federazione russa • Cina • USA • GIAPPONE • COREA DEL SUD • BRASILE • CANADA • ……….?

Related Documents