PONTE SULO STRETTO DI MESSINAUn progetto iniziato nel 60 ma mai finito.Correva l’anno 2002, quando l’allora Antonio Calarc...
Tale decisione - si legge nella la nota - è motivata dalla necessità di contenimento della spesa pubblica, vistaanche la s...
of 2

Ponte sulo stretto di messina 1 novembrte 2012

Published on: Mar 4, 2016
Source: www.slideshare.net


Transcripts - Ponte sulo stretto di messina 1 novembrte 2012

  • 1. PONTE SULO STRETTO DI MESSINAUn progetto iniziato nel 60 ma mai finito.Correva l’anno 2002, quando l’allora Antonio Calarco (Presidente Onorario della società Stretto MessinaSpa), dichiarò che il ponte sullo Stretto era la più grande opera di ingegneria civile di tutti i tempi, secondaSola alo sbarco sulla luna. Andando a ritroso nel tempo, si scopre che nel lontano 1968, l’ANAS e le FSbandiscono un concorso internazionale di idee, e c’è chi tra i partecipanti progetta ponti sospesi. Ilrisultato? Una legge del 1971 dove viene decretato che il ponte è di interesse nazionale, ma poi nulla. Nelfrattempo intanto, molte aziende private come FIAT, investono per creare opere di attraversamento delloStretto, che in seguito venderanno alla società pubblica. Nel 1981 poi, viene fondata la Stretto MessinaSpa (Concessionaria di Stato), con l’IRI al 51% l’ANAS e FS AL 44% E nel 1958 con il governo CRAXI, puòPartire l’operazione ponte a campata unica. Dopo anni di studi e ricerca, si arriva al 1992, quando L’ing.Calarco presenta il progetto di massima sul ponte dello Stretto. Da allora passano altri 10 anni tra controlli,ulteriori studi, riesami e discussioni. Si arriva così ai giorni nostri dove Calarco intanto diventa direttoredella Gazzetta del Sud, e si fa sostituire dal tecnico Zamberletti ( pres. dell’Istituto infrastrutture), ente cheraccoglie i grandi costruttori di opere pubbliche. In carica c’è il governo Berlusconi la quale, inserisce ilponte tra le opere strategiche, quelle cioè da realizzare con procedura accelerata. Nel 2004 in una notatrasmissione Rai, Pietro Ciucci (amministratore delegato Stretto Messina Spa), dichiara che la prima pietradel ponte sarà posata nel 2005, un anno dopo per intenderci. Nello stesso anno e nella trasmissione AurelioMisiti (Pres. Consiglio Sup. Lav. Pubblici ), dichiara che il ponte sarà possibile passarci sopra nel 2010. Daquella trasmissione (ora che siamo nel 2012), sono passati nove anni e del ponte, tra le sponde Calabresi eSiciliane non c’è ombra, neppure una pietra posata ed è notizia di oggi, che Il Consiglio dei Ministri hadeciso di prorogare, per un periodo di circa due anni, i termini per l’approvazione del progetto definitivodel ponte sullo Stretto, al fine di verificarne la fattibilità tecnica e la sussistenza delle effettive condizioni dibancabilità.
  • 2. Tale decisione - si legge nella la nota - è motivata dalla necessità di contenimento della spesa pubblica, vistaanche la sfavorevole congiuntura economica internazionale, ed è in linea con la proposta dellaCommissione europea dellottobre 2011 di non includere più questo progetto nelle linee strategiche suicorridoi trans-europei. Solo tali opere, infatti, possono godere del co-finanziamento comunitario. Qualorain questo periodo di tempo non si giungesse a una soluzione tecnico-finanziaria sostenibile, scatterà larevoca ex legge dellefficacia di tutti i contratti in corso tra la concessionaria Stretto di Messina spa e ilcontraente generale, con il pagamento delle sole spese effettuate e con una maggiorazione limitata al10%. Questa nuova procedura - si precisa ancora nel testo - dovrà essere accettata dal contraentegenerale tramite la sottoscrizione di un atto aggiuntivo al contratto vigente. In ogni caso , durante ilperiodo di proroga, previa deliberazione del Cipe, potranno comunque essere assicurati sui territoriinteressati interventi infrastrutturali immediatamente cantierabili, a patto che presentino una funzionalitàautonoma e siano già compresi nel progetto generale.

Related Documents